Home Non solo Cani e Gatti Il bradipo: dove vive, cosa mangia, caratteristiche e curiosità

Il bradipo: dove vive, cosa mangia, caratteristiche e curiosità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:34
CONDIVIDI

Il bradipo è un animale che ritroviamo spesso nei cartoni animati e storie per bambini. Famoso per la sua lentezza e l’aspetto buffo. 

bradipo
Il bradipo appartiene all’ordine degli sdentati, come l’armadillo e il formichiere.(Foto Pixabay)

Queste che tratteremo sono schede destinate ai bambini, per aiutarli ad apprendere particolari argomenti che nello specifico trattano di animali. Non saremo ne’ i primi ne’ gli unici a trattare questo argomento, ma con l’aiuto di foto e paragrafi semplici, cercheremo di incuriosire e stimolare il bambino, aiutandolo anche visivamente ad assimilare la materia.

Oggi andremo a ricostruire, illustrare e rappresentare quello che è l’animale particolarmente lento.

Caratteristiche dl bradipo

quale animale sono
Fisicamente il bradipo è lungo poco più di 60 cm e raggiunge un peso compreso tra 4 e 8 kg.  (Foto Unsplash)

Il bradipo appartiene all’ordine degli sdentati, come l’armadillo e il formichiere, ed è della famiglia dei Bradypodidae. Il nome bradipo deriva dal greco e significa “piede lento”, caratteristica che appartiene a questi esemplari. La loro aspettativa di vita può raggiungere i 12 anni.

Fisicamente il bradipo è lungo poco più di 60 cm e raggiunge un peso compreso tra 4 e 8 kg. Le zampe hanno una conformazione non adatta a camminare sul suolo, per questo quando è a terra il bradipo si muove in un modo molto impacciato.

La testa può ruotare fino a 270°, un movimento che agevola la visione sull’ambiente che lo circonda e questo è possibile perché ha 10 vertebre all’altezza della cervicale. Molto particolare la sua pelliccia, che risulta stracolma di alghe di piccole dimensioni e questo molto probabilmente perché frequenta ambienti dove è presente un’elevata umidità.

Il bradipo è un animale molto metodico e terribilmente lento, che trascorre circa 20 ore a dormire. Nonostante sia molto lento, il bradipo si muove molto bene in acqua e sembra essere davvero un ottimo nuotatore, quasi un delfino. Ha un temperamento molto tranquillo, ma in alcune situazioni di pericolo, potrebbe diventare aggressivo e anche veloce.

Dove vive il bradipo

bradipo
Il bradipo vive sugli alberi e non fa preferenze, la sua presenza è in habitat tropicali, dove il clima è temperato.(Foto Pixabay)

Il bradipo vive sugli alberi e non fa preferenze, la sua presenza è in habitat tropicali, dove il clima è temperato, adatto al loro fabbisogno e alla necessità di conservare un flusso sanguigno attivo anche in fase di totale riposo.

I maschi sono molto più statici delle femmine, l’albero dove vivono lo scelgono per la vita, mentre le femmine migrano di tronco in tronco, lasciando il proprio albero al piccolo di casa appena sarà più grande e indipendente.

Il bradipo lo si trova prevalentemente nel centro e nel sud dell’America, dove sono presenti le due famiglie che definiscono la sua stirpe: Megalonychidae, ovvero i bradipi didattili, con due dita con artigli negli arti anteriori, e Bradypodidae, ovvero tridattili provvisti di tre dita nelle zampe anteriori.

Come nascono

cucciolo di bradipo
La femmina del bradipo partorisce un solo cucciolo per volta, quindi all’incirca uno all’anno.(Foto Pixabay)

Il bradipo è un mammifero monogamo, quando sceglie il partner emette dei suoni molto deboli, dopodiché avviene l’accoppiamento, ma solo durante il periodo tra marzo e aprile, mentre la gestazione dura sei mesi. La femmina del bradipo partorisce un solo cucciolo per volta, quindi all’incirca uno all’anno.

Alla nascita i cuccioli pesano al massimo mezzo chilo e si aggrappano subito al ventre materno, che la quale resteranno i successivi sei mesi. Quando avranno raggiunto la loro indipendenza, la madre cederà loro l’albero e il relativo territorio sottostante. Mentre per quanto riguarda il maschio, dopo l’accoppiamento scompare, lasciando sola la femmina a prendersi cura del cucciolo.

Cosa mangia il bradipo

bradipo
Un aspetto curioso è che non ha bisogno di bere, dal momento che assimila liquidi dalla pioggia o dalla linfa.(Foto Pixabay)

Questo mammifero mangia per lo più foglie, germogli e frutta. Un aspetto curioso è che non ha bisogno di bere, dal momento che assimila liquidi dalla pioggia o dalla linfa stessa delle foglie o dal cibo.

La digestione del bradipo, ha tempi lunghissimi: possono essere necessari da 30 a 50 giorni per assimilare completamente il cibo. Automaticamente anche la defecazione è molto diradata, può avvenire all’incirca una volta ogni 10 giorni.

Curiosità

bradipo
È monogamo ma in seguito all’accoppiamento il maschio tende a scomparire lasciando la femmina completamente sola a prendersi cura del cucciolo.(Foto Pixabay)
  • Dorme ad occhi aperti.
  • Ha nemici tra i quali i felini e il gufo dagli occhiali.
  • Scende dagli alberi soltanto per spostarsi su un altro oppure per defecare.
  • È un ottimo nuotatore.
  • Il bradipo si accoppia e partorisce restando appeso ai rami.
  • Trascorre tutta la vita su un albero.
  • Vive appeso ad un albero con il dorso girato verso il basso.
  • È monogamo ma in seguito all’accoppiamento il maschio tende a scomparire lasciando la femmina completamente sola a prendersi cura del cucciolo.
  • È un animale molo pulito e questo lo porta a fare le feci in una buca precedentemente scavata e poi ricoperta con delle foglie
  • Il mantello è ricco e di alghe secche, falene, acari e coleotteri.
  • Quando si innamora emette dei suoni seppur deboli.
  • Il bradipo può vivere anche 40 anni grazie ai microrganismi che sviluppa nel mantello che li preserva dalle malattie.
  • Tranne nel periodo della riproduzione, la vita del bradipo avviene per lo più in solitaria, lontano dai suoi simili e appeso su un albero.
  • Il bradipo può mantenere la loro presa su un ramo di un albero anche dopo la morte.
  • La temperatura corporea è di circa 30 gradi, alcuni biologi sostengono che la bassa temperatura del corpo è dovuta alla dieta di foglie, che richiedono un forte dispendio di energia per la digestione.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link: