Home Curiosita Curiosità sul salmone: un pesce davvero controcorrente, e non solo

Curiosità sul salmone: un pesce davvero controcorrente, e non solo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:03
CONDIVIDI

Il salmone è un pesce famosissimo, sia a tavola che in natura. Solitamente sappiamo che risale la corrente, ma non è tutto qui quello che sa fare.

Salmone (Foto AdobeStock)
Salmone salta fuori dall’acqua: un pesce pieno di particolarità! (Foto AdobeStock)

Il famosissimo salmone è un pesce molto interessante. Molti lo conoscono nella sua versione cotta, ma non è solo un’ottima fonte di cibo (per gli umani, ma anche per altri animali), è anche un animale molto particolare e dalle mille sfaccettature. Questo animale è tenuto in alta considerazione in alcuni paesi, come il Canada, tanto da essere quasi un simbolo nazionale. Ci sono tante specie di salmone, e hanno tutti qualcosa da raccontarci.

Potrebbe interessarti anche: Fauna italiana: ossia animali che si trovano qui e da nessun’altra parte

Le varie specie di salmoni

Salmone (Foto AdobeStock)
Salmoni in branco: esistono molte specie di salmone nel mondo. (Foto AdobeStock)

Esistono sette specie di salmoni del Pacifico. Cinque di queste si possono trovare nelle acque del Nord America: il salmone reale (Oncorhynchus tshawytscha), il salmone argentato (Oncorhynchus kisutch), salmone keta (Oncorhynchus keta), salmone rosso (Oncorhynchus nerka) e salmone rosa (Oncorhynchus gorbuscha). Il salmone giapponese o “masu” (Oncorhynchus masou) e la sua sottospecie detta “amago” (Oncorhynchus masou macrostomus) si trovano solo in Asia. C’è una specie che vive nell’Atlantico, il salmone dell’Atlantico (Salmo salar), appunto.

Il salmone reale è la specie più grande tra tutte ed arriva fino a 1,5 metri di lunghezza ed un peso di quasi 60 kg. I salmoni rosa sono i più piccoli, con una lunghezza massima di 80 centimetri ed un peso di quasi 6 kg, sebbene in media il loro peso oscilli tra 1,3 e 2,3 kg. La maggior parte delle specie di salmoni vive da 2 a 7 anni (da 4 a 5 in media). 

Le trote salmonate (Oncorhynchus mykiss), o trote iridee, sono spesso elencate come l’ottavo salmone del Pacifico, ma a differenza di altri salmoni che vivono in quell’oceano, sono in grado di ripetere la deposizione delle uova, e non muoiono dopo la deposizione. È stato suggerito quindi che vengano raggruppati assieme ad altri pesci come “trota del Pacifico”. Le trote salmonate possono vivere fino a circa 11 anni. Solo di recente gli scienziati hanno scoperto che è più strettamente correlata al salmone che alla trota, come si credeva in precedenza.

Il salmone cambia colore, e non solo!

Salmone (Foto AdobeStock)
Questo meraviglioso pesce ha una serie di “superpoteri” (Foto AdobeStock)

I salmoni hanno vari “superpoteri”, tra cui un forte senso dell’olfatto: il salmone atlantico può annusare una goccia di profumo in un’area equivalente a dieci piscine olimpioniche! Ma non basta. Il salmone può anche cambiare colore.

Il salmone può essere di tre colori diversi, nel corso della sua vita. Ad esempio, i salmoni rossi giovani sono di colore chiaro e maculati e, durante la loro età adulta nell’oceano, sono di un colore blu argenteo. Quando è il momento di riprodursi, i corpi degli adulti diventano di un rosso brillante e le loro teste diventano verdi.

Il motivo di queste variazioni di colore non è legato alla moda o al gusto del fashion. Il salmone cambia colore per attirare un compagno con cui accoppiarsi per la riproduzione. I salmoni del Pacifico usano tutta la loro energia per tornare al loro luogo di origine, per fare le uova e scavare il nido. Molti di loro smettono di mangiare quando ritornano in acqua dolce e non hanno più l’energia per affrontare un viaggio di ritorno nell’oceano dopo la deposizione delle uova. 

Dopo la morte, altri animali li mangiano (ma non gli umani) o si decompongono, aggiungendo nutrienti al flusso. A differenza del salmone del Pacifico, il salmone dell’Atlantico non muore dopo la deposizione delle uova, quindi gli adulti possono ripetere il ciclo di deposizione delle uova per diversi anni.

E come se tutto questo non fosse abbastanza, il salmone riesce a vivere sia in acqua dolce che salata. I salmoni sono infatti considerati “anadromi”, una parola che indica che vive in entrambi i tipi di acqua: nascono in acqua dolce, dove trascorrono – a seconda della specie – qualche mese fino a qualche anno, prima di trasferirsi nelle acque salate dell’oceano. 

Quando è il momento di riprodursi, tornano all’acqua dolce. Pochissimi altri pesci possono sopravvivere in così ampie gamme di salinità, e morirebbero se si spostassero tra acqua salata e acqua dolce, come fanno i salmoni. Questo perché quando i pesci d’acqua salata sono esposti all’acqua dolce, le loro cellule possono esplodere

E quando i pesci d’acqua dolce sono esposti all’acqua salata, le loro cellule possono restringersi, a causa di un processo noto come osmoregolazione. Fortunatamente il salmone ha alcuni adattamenti fisiologici e comportamentali piuttosto sorprendenti, che consentono a questo pesce fantastico di sopravvivere in entrambi gli ambienti.

I favolosi viaggi del salmone

Salmone (Foto AdobeStock)
Un vero e proprio viaggiatore, il salmone può nuotare per migliaia di chilometri. (Foto AdobeStock)

Dopo aver vissuto per molti anni in mare, il salmone viaggia verso casa, anche molto lontano, per tornare fino al fiume in cui è nato e riprodursi. Ma come è possibile? Esistono molte teorie su come questi pesci sono in grado di farlo. Alcuni affermano che i salmoni usano il campo magnetico terrestre come guida, mentre altri affermano che usano il loro forte senso dell’olfatto per tornare a casa. I cambiamenti e le perdite di habitat possono influire sulla capacità del salmone di tornare al loro fiume nativo e riprodursi, il che è una minaccia per la sopravvivenza delle future generazioni di salmoni.

Il salmone prima viaggia dal suo fiume di nascita verso l’oceano, che può essere una distanza di varie centinaia di chilometri. Una volta che raggiungono l’oceano, potrebbero percorrere altre migliaia di chilometri per raggiungere le aree in cui trovare cibo.

La maggior parte dei salmoni del Pacifico può essere vista migrare da primavera ad autunno, a seconda della specie. La maggior parte dei salmoni dell’Atlantico adulti migra verso i fiumi del New England a partire dalla primavera e proseguendo anche in autunno, con il picco di migrazione a giugno.

I salmoni quindi sanno dove si trova la loro “casa” di nascita, quando tornano dall’oceano. Questo perché “sanno” che è un buon posto per riprodursi, non perdono quindi tempo a cercare un ruscello che possa offrire loro un buon habitat ed altri salmoni.

Alcuni scienziati ritengono che il salmone navighi utilizzando il campo magnetico terrestre come una bussola. Quando trovano il fiume da cui provengono, iniziano a usare il loro potente olfatto per tornare al loro flusso domestico. Costruiscono la loro “banca dei ricordi con gli odori” quando iniziano a migrare verso l’oceano come giovani pesci.

Se un salmone non riesce a trovare il suo flusso acquatico d’origine, in alcuni casi continua a cercare il luogo giusto, fino a quando non consuma tutta la sua energia e muore, ma nella maggior parte dei casi semplicemente cerca di trovare un altro salmone con cui accoppiarsi.

Le uova di salmone variano di colore, dall’arancio giallastro pallido all’arancio rossastro scuro. Il loro colore varia a seconda della specie ed è determinato anche dalla temperatura dell’acqua, dalla composizione dei sedimenti, dall’età e da altri fattori. Le uova variano di dimensioni dalla piccola uova del salmone rosso (dimensioni medie di quasi 6 mm) alla grande uova del keta (dimensioni medie di oltre 8 mm). Inoltre, se un uovo di salmone non viene fertilizzato, può perdere la sua tonalità brillante e cambiare colore, in una tonalità lattiginosa con macchie di colore.

Il colore rosso delle uova deriva dai carotenoidi (pigmenti antiossidanti) che i salmoni ottengono dalla loro dieta. I carotenoidi si depositano nella pelle e nelle uova in preparazione alla deposizione. Queste sostanze proteggono i tessuti dal danno ossidativo e aiutano a regolare la risposta immunitaria. In un adulto che si riproduce, il colore rosso è un segnale di idoneità e status, e viene utilizzato per attirare potenziali partner.

Potrebbe interessarti anche: I pesci più belli al mondo: una vera galleria di capolavori subacquei

L’importanza del salmone e le minacce

Salmone (Foto AdobeStock)
I salmoni hanno un’importanza storica in molte nazioni, ma sono purtroppo in pericolo. (Foto AdobeStock)

I salmoni sono considerati specie “chiave di volta” ambientale. Ciò significa che hanno un impatto sproporzionatamente grande sul loro ecosistema rispetto a quanti ce ne sono. Se una specie “chiave di volta” dovesse scomparire, i suoi ecosistemi cambieranno significativamente. Le carcasse di salmone in decomposizione trasferiscono preziose sostanze nutritive dall’oceano alla terra. Gli scienziati hanno rintracciato i nutrienti dai corpi dei salmoni e li hanno trovati in muschi, erbe, arbusti, alberi, insetti, uccelli canori, orsi e lupi!

Il salmone ha inoltre un enorme significato culturale in alcune zone. Ad esempio, nel nord-ovest del Pacifico, il salmone è stato per millenni una parte significativa delle economie, delle religioni e delle culture della Prima Nazione della regione. Storicamente e attualmente, il salmone è stato una fonte primaria di cibo per le prime nazioni del Columbia River Basin, nel nord est dell’America, e costituisce una parte significativa della loro identità culturale e spirituale.

Le popolazioni di salmoni sono minacciate da parassiti, malattie, pesca eccessiva, cambiamenti climatici e perdita di habitat. Ci sono molte ragioni per il declino delle popolazioni di salmoni. La registrazione di un’area intorno a un ruscello riduce l’ombra e i nutrienti disponibili per il ruscello, e aumenta la quantità di limo o sporco nell’acqua, che può soffocare lo sviluppo di uova. 

Le dighe fanno morire i pesci per lo shock delle turbine e per i predatori che mangiano i pesci disorientati mentre escono dalla diga. La pesca eccessiva è un’altra fonte di morte che può contribuire al declino del salmone. Il tempo influisce sulla quantità di cibo disponibile per i salmoni nell’oceano. Anche l’inquinamento e le malattie hanno contribuito al declino della popolazione.

F. B.