Home Cani A che età prendere un cucciolo di cane? Tutti i consigli per...

A che età prendere un cucciolo di cane? Tutti i consigli per portarlo a casa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:42
CONDIVIDI

A che età prendere un cucciolo è una domanda fondamentale prima di adottare un cane. Per la sua salute e il suo benessere psicofisico, e non solo.

A che età prendere un cucciolo di cane
A che età prendere un cucciolo di cane (Foto AdobeStock)

Sia il futuro padrone di un cane che l’allevatore (o eventualmente chi fa da tramite tra di loro) deve chiedersi quando è il momento giusto per un cucciolo di andare nella sua nuova casa e lasciare la sua mamma. Ma a che età prendere un cucciolo, o portarlo in una nuova casa dai suoi nuovi proprietari, sono problematiche per cui ci sono molti fattori. Sono tanti i motivi che determinano l’età “perfetta” e le opinioni variano sull’argomento. Cerchiamo quindi di capire come comportarsi in questo frangente, per la salute sia fisica che mentale del nuovo arrivato.

Quale è l’età migliore per il cucciolo

A che età prendere un cucciolo di cane
Qual’è l’età migliore per un cucciolo di cane (Foto AdobeStock)

La maggior parte dei veterinari e degli allevatori concordano sul fatto che a 7-8 settimane di età è il momento migliore per un cucciolo per incontrare la sua nuova famiglia. In questo articolo, la veterinaria e comportamentista Dr. Sally Foote e l’allevatore di cani Claire Apple ci spiegano qualcosa di più sui periodi di socializzazione, i periodi di paura ed il comportamento dei cuccioli.

Un fattore primario nella scelta di a che età prendere un cucciolo è il periodo di socializzazione, secondo Foote. Il periodo di socializzazione nei cuccioli dura in genere dalle 6 alle 12 settimane di età. Durante questo periodo, i cuccioli stanno imparando le norme del mondo che li circonda. Foote afferma che è meglio che i cuccioli entrino nelle loro nuove case il prima possibile durante questa età, per dare loro le migliori possibilità di adattarsi al loro nuovo ambiente. 

Il primo periodo di paura comportamentale nei cuccioli si verifica anche durante questo periodo intorno alle 7-8 settimane, e portare un cucciolo a casa durante questo periodo lo aiuta a costruire la resilienza a nuove esperienze, dice Foote. Questo quindi dovrebbe essere un motivo per scegliere questo momento. Ma, al contrario, la Apple preferisce tenere i suoi cuccioli a casa durante il periodo di socializzazione. 

I suoi cuccioli infatti vanno nelle loro nuove case a 12 settimane di età. In questo modo, ha affermato di poter controllare le esperienze dei suoi cuccioli durante i periodi di paura e socializzazione, e di iniziare quindi l’addestramento mirato di cui hanno bisogno per le loro case future.

La socializzazione del cucciolo

A che età prendere un cucciolo di cane
La socializzazione del cucciolo (Foto AdobeStock)

La socializzazione dei cuccioli dovrebbe essere fatta in modo ponderato. Gli allevatori possono istruire i loro clienti su come farlo. Aiutare i proprietari a comprendere la necessità di un’esposizione positiva alle viste, ai suoni, alle persone e agli animali del mondo può fare molto per tenere i cuccioli nella loro casa per tutta la vita. Secondo Foote, molti studi dimostrano che l’abbandono dei cani da parte dei proprietari tende a verificarsi quando i cani sono “adolescenti” di età compresa tra 6 e 8 mesi.

L’utile supporto di un allevatore durante quelle prime settimane e mesi può aiutare i proprietari a fornire le giuste esperienze per trasformare il loro cucciolo in un cane sano dal punto di vista comportamentale. Gli allevatori possono dare ai cuccioli una spinta nella giusta direzione con l’introduzione precoce di indossare collare e guinzaglio, dare da mangiare ai cuccioli in ciotole separate e fornire un’esposizione positiva a diverse superfici, luoghi, persone e suoni. L’inizio dell’addestramento in gabbie o cucce può anche fare molto per aiutare un giovane cucciolo ad andare nella sua nuova casa con fiducia.

L’addestramento dei cuccioli

A che età prendere un cucciolo di cane
L’addestramento dei cuccioli (Foto AdobeStock)

Apple ha detto che si assicura che i suoi cuccioli siano addestrati in gabbia, e abbiano le abilità di obbedienza di base prima di andarsene. Ognuno dei suoi cuccioli viene trattato individualmente e viene esposto ai giri in auto e agli animali da bestiame con cui vengono allevati per lavorare i suoi cani da pastore. Li porta a visitare nuove sedi e nuove persone regolarmente.

La scelta di a che età prendere un cucciolo diventa quindi legata anche alla possibilità che il cucciolo sia già addestrato abbastanza bene. L’allevatore può voler addestrare già il cucciolo per stare in casa, stare al guinzaglio, andare in macchina senza mal d’auto (questo è fattibile già dalle 4 settimane di vita), allo stare in città, incontrare altri cani e tante persone diverse.

L’esposizione a nuove cose e l’attenzione individuale sono molto importanti se gli allevatori scelgono di far adottare i cuccioli oltre l’età di 8 settimane, ha detto Foote. I cuccioli che rimangono nella comodità della cucciolata durante il periodo di paura potrebbero perdere la possibilità di imparare a far fronte a nuove esperienze, così come potenzialmente potrebbero invece fare.

I rischi di un eccessivo riparo

cagnolino aperto cane
I rischi di un eccessivo riparo (Foto AdobeStock)

Un cucciolo che è troppo al riparo nel cosiddetto periodo di paura potrebbe diventare ansioso o impaurito nei confronti di cose nuove, ed impiegare più tempo per adattarsi a nuove situazioni. Un’altra potenziale preoccupazione quando si tengono insieme le cucciolate per troppo tempo è l’individualità di ciascun cucciolo. Quei cuccioli non sono accolti per i loro bisogni individuali, in pratica, secondo Foote.

Se le cucciolate vengono gestite solo come un unico gruppo, uno o due cuccioli potrebbero necessariamente venire a essere considerati meno nei loro bisogni specifici. Un cucciolo timido in una cucciolata di cuccioli chiassosi può essere costretto a situazioni in cui è a disagio troppo presto, oppure un cucciolo chiassoso in un gruppo di cuccioli più tranquilli potrebbe non ottenere il livello di stimolazione di cui ha bisogno. 

È importante che gli allevatori che mantengono i loro cuccioli durante questo periodo prendano il tempo necessario ad evitare potenziali complicazioni comportamentali per allevare giovani cani sicuri, secondo Foote. Ecco come per il nuovo padrone, potrebbe essere utile sapere il tipo di addestramento fornito prima dell’adozione, anche per capire a che età prendere un cucciolo in casa già formato.

Il legame con la madre

traffico cani
Il legame con la madre (Foto Pixabay)

Separare i cuccioli dalle loro madri troppo presto, così come lo svezzamento troppo presto, può avere effetti indesiderati. Dalle 3 alle 6 settimane, i cuccioli sono in un periodo di socializzazione precoce, imparando ad essere cani. Ecco perché non è consigliato adottare un cucciolo così giovane.

Attraverso la madre e i loro compagni di cucciolata, i cuccioli iniziano a imparare comportamenti di gioco adeguati. Imparano anche il rudimentale controllo degli impulsi e l’inibizione del morso, partendo dalle risposte ricevute dei fratelli e della madre. Un cucciolo separato prima di 6 settimane può perdere parte di questo apprendimento precoce. Se adottiamo invece un cucciolo deve andare prima delle 7 a 8 settimane di età, Foote consiglia che venga “istruito” da un cucciolo più grande o da un cane dal carattere tollerante.

Indipendentemente dal fatto che scegliamo di adottare un cucciolo a 8 settimane o 12 settimane, è chiaro che ciò che accade prima e durante queste settimane è importante. Questo delicato periodo di socializzazione dà forma al futuro di un giovane cucciolo da cane. Importante quanto le linee di sangue, un’adeguata socializzazione darà a un cucciolo il vantaggio di cui ha bisogno per essere un partner comportamentale sano.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello