Home Gatti Salute dei Gatti Allergia al gatto o al pelo del gatto? Causa, sintomi, trattamento e...

Allergia al gatto o al pelo del gatto? Causa, sintomi, trattamento e contagio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:00
CONDIVIDI

L’allergia al pelo del gatto è l’allergia più comune fra noi umani, ma vediamo in effetti la vera causa, i sintomi e il trattamento.

gatto pelo
Circa il 10% delle allergie respiratorie umane è innescato dal pelo del gatto.(Foto Pixabay)

L’ amore per il gatto può raggiungere livelli inaspettati e l’amico peloso può far parte della famiglia, come membro. Inoltre, i gatti migliorano e rafforzano il sistema immunitario dei bambini con cui vivono. Ma cosa fare se si soffre di allergia ai gatti? Circa il 10% delle allergie respiratorie umane è innescato dal pelo del gatto. Perciò se pensi di avere questo tipo di allergia, prima di prendere la decisione finale di non dividere più la casa con il tuo amico peloso, leggi i consigli contenuti in questo articolo.

Causa e contagio dell’allergia al gatto

allergia al pelo del gatto
in realtà è un’allergia a una particolare proteina chiamata Fel d1.(Foto Pixabay)

Il termine allergia “peli di gatto” non è proprio appropriato: in realtà è un’allergia a una particolare proteina chiamata Fel d1 contenuta principalmente nella saliva e nel sebo (secrezioni dalle ghiandole sebacee) del gatto.

Questa piccolissima molecola, tuttavia, può essere una grande minaccia, nonostante le sue dimensioni. La proteina è di per se dannosa e diventa ancora più pericolosa, quando viene rilasciata insieme al pelo del gatto, cioè, quando si deposita in tutta la casa insieme alla forfora, ossia, pelle morta visibile nella pelliccia di gatti: sono minuscoli puntini bianchi, cinque volte più piccolo di polvere.

A causa delle loro dimensioni molto ridotte, questi punti rimangono in sospensione nell’ambiente per lungo tempo, e come nelle persone si disperde in tutto l’ambiente. E proprio quando il gatto si lecca la pelliccia durante la toelettatura, diffonde queste cellule della pelle secca in tutto il corpo e, una volta che i peli del felino si staccano, si diffondono anche queste proteine ​​allergeniche.

Questa proteina maligna, presente nel pelo di gatto, innesca la reazione allergica quando entra nel corpo delle persone vulnerabili, cioè con un sistema immunitario più sensibile del normale a queste sostanze. Esistono però, alcune razze che secernono meno proteine ​​Fel d1 e perdono poco pelo: si tratta di Cornish rex, Devon rex, Balinese e Korat.

Senza dimenticare il gatto nudo. Se il potenziale allergenico di questi gatti è basso, tuttavia non è zero; il rischio di vedere sviluppare o persistere un’allergia non può essere escluso.

Sintomi dell’allergia al gatto

I sintomi che possono manifestare le persone con allergia al pelo del gatto sono molto diversi.(Foto iStock)

I sintomi che possono manifestare le persone con allergia al pelo del gatto sono molto diversi e possono comparire dopo pochi minuti / ore in presenza di un gatto. Peggiorano se la persona allergica tocca, accarezza o si avvicina all’animale. I sintomi possono anche apparire in una stanza in cui si trovava un gatto, o anche in presenza di qualcuno che ha un gatto. Tra i sintomi più comuni ci sono i seguenti:

  • prurito al corpo;
  • mal di gola;
  • rossore;
  • gonfiore;
  • congestione nasale;
  • orticaria;
  • starnuti;
  • tosse;
  • lacrimazione;
  • muco;
  • irritazione agli occhi
  • eruzioni cutanee;
  • peggioramento dell’asma – in coloro che soffrono di questo disturbo.

La comparsa di uno di questi sintomi è una ragione sufficiente per rivolgersi all’allergologo, che, attraverso test appropriati, confermerà o escluderà il sospetto di allergia ai gatti e, nel primo caso, consiglierà il trattamento appropriato.

Diagnosi e trattamento dell’allergia al gatto

La diagnosi precisa, viene fatta dall’allergologo attraverso test cutanei.

Il sospetto di allergia al gatto sorge con la presenze dei sintomi concomitanti con la presenza di un felino. La diagnosi precisa, viene fatta dall’allergologo attraverso test cutanei. Questo esame, o prick-test, consiste nel depositare, generalmente sulla pelle del braccio, una goccia di un estratto contenente l’allergene Fel d1.

Il medico esegue quindi una piccola iniezione indolore per penetrare il prodotto nell’epidermide. Dopo 15-20 minuti, se appare arrossamento sulla pelle, il test è positivo. Maggiore è l’eritema, più forte è l’ allergia. Viene eseguito anche un esame del sangue alla ricerca di anticorpi anti-Fel d1.

Il trattamento dei sintomi si basa su antistaminici o corticoidi (forti antinfiammatori) a livello locale (spray nasale, colliri, ecc.) o generali (compresse). Un attacco d’asma richiede un trattamento specifico, di solito basato sul  salbutamolo per inalazione.

La desensibilizzazione, d’altra parte, consente al corpo di diventare di nuovo tollerante agli allergeni felini. Si basa su iniezioni o somministrazione di gocce per via sublinguale per diversi anni. La sua efficacia è discutibile per quanto riguarda l’allergia ai peli di gatto.

Prevenzione

occhi di gatto
Il trattamento dei sintomi si basa su antistaminici o corticoidi (forti antinfiammatori) a livello locale (spray nasale, colliri, ecc.) O generali (compresse).(Foto iStock)

La prevenzione in assoluto sarebbe quella di evitare il gatto, ma come abbiamo già detto spesso è parte della famiglia e i benefici che apporta sono maggiori dei fattori negativi come può essere un’allergia. Lo sfratto finale del gatto è un mezzo di prevenzione che deve sempre essere discusso perché il suo impatto psicologico può essere significativo, soprattutto se i bambini vivono in casa.

Quindi una volta che si sia consultato il medico o meglio un allergologo. Confermata la diagnosi con un semplice esame del sangue o un test allergico cutaneo e valutata la gravità dei sintomi. Il medico può anche consigliarti di vivere senza gatto per alcuni mesi per vedere se i sintomi allergici migliorano.  Di seguito alcuni consigli da parte degli esperti:

  • Ventilare la casa o l’appartamento ogni giorno, anche in inverno.
  • Spazzolare regolarmente il gatto, se possibile all’esterno. Raccogli quanti più peli possibile e bloccali in un sacchetto di plastica ermetico.
  • Mettere un guanto bagnato sul mantello del gatto ogni giorno o ogni altro giorno. Questo gli impedirà di diffondere peli e peli in casa.
  • Pulire la lettiera tutte le volte che è necessario.
  • Usare un’aspirapolvere con filtro HEPA: sono setacci ad alta efficienza in grado di intrappolare le particelle d’aria più piccole.
  • Utilizzare meno tappeti e superfici più lisce e lavabili.
  • Utilizzare una protezione maschera: se sei allergico e non hai altra scelta che rimuovere la polvere, ricorda di farlo con una maschera adatta, che impedisce il passaggio di allergeni nelle vie respiratorie; tuttavia, evitare questo compito il più possibile.
  • Non lasciare che il gatto dorma nel letto della persona allergica.
  • Conservare tutti gli indumenti in armadi chiusi.

Ovviamente, se sei allergico, potresti delegare tutta la cura del gatto a una persona non sensibile.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI