Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili 10 motivi per apprezzare i piccioni: finora li abbiamo sottovalutati

10 motivi per apprezzare i piccioni: finora li abbiamo sottovalutati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:32
CONDIVIDI

Tra gli uccelli meno amati dalle persone, spesso visti come un fastidio e animali che infestano le strade. Ci sono però vari motivi per apprezzare i piccioni.

10 motivi per apprezzare i piccioni
10 motivi per apprezzare i piccioni (Foto Reddit)

Per molte persone, i piccioni sono solo “ratti con le ali”. Riempiono i parchi e le strade della città. Portano malattie, provocano allergie e diffondono i loro rifiuti ovunque. Nidificano in soffitte, pozzi di ventilazione, grondaie e canali di scolo, causando ogni anno milioni in danni materiali. Eppure, si può sostenere che i piccioni hanno contribuito al progresso dell’umanità in modo maggiore rispetto a qualsiasi altra specie di uccelli. Forse più di ogni altro animale, punto. Sin dai primi tempi, sono stati una fonte di cibo, informazioni e illuminazione. E allora scopriamo come apprezzare i piccioni con questi 10 motivi storici e scientifici.

10 motivi per apprezzare i piccioni

10 motivi per apprezzare i piccioni
Conosciamo meglio i piccioni (Foto Flickr)

Importanza storica

Quando si pensa alla “domesticazione“, gli animali che probabilmente vengono in mente sono mucche, cani e galline. Tuttavia, gli umani hanno allevato piccioni per oltre 6.000 anni. Con oltre 350 razze, questi uccelli competono con i cani nella diversità. I ​​piccioni discendono dal piccione selvatico mediorientale. 

Sono diventati uno degli uccelli più diffusi sul pianeta perché i nostri antenati non dovevano catturarli o addomesticarli. Tutto quello che dovevano fare era creare una colombaia, un posto dove gli uccelli potevano nidificare. Successivamente, i piccioni si sono presi cura di se stessi in totale autonomia. Vanno in cerca di cibo da soli e ogni coppia produce circa 10 piccoli all’anno. 

Apparentemente, i piccioni hanno un sapore migliore prima di iniziare a usare i muscoli per volare, quindi sì, i piccoli venivano (e vengono tutt’oggi) mangiati. I loro escrementi venivano persino usati come fertilizzante, perché il loro prezioso guano è ricco di sostanze nutritive. Circa 3.000 anni fa, le persone hanno anche iniziato a sfruttare le capacità di ricerca dei piccioni per inviare messaggi. In realtà, l’esercito cinese sta pianificando di utilizzare i piccioni come una forma di comunicazione di riserva, se i loro altri sistemi falliscono.

Charles Darwin

10 motivi per apprezzare i piccioni
Charles Darwin era un appassionato di piccioni (Foto Flickr)

Prima che “L’origine delle specie” di Charles Darwin fosse pubblicato, lo scienziato ha inviato varie copie ad alcuni dei suoi amici più dotti. L’accoglienza non è stata buona. Il problema per Darwin era che l’evoluzione è difficile da osservare. Aveva bisogno di un esempio che tutti, compreso l’uomo comune, potessero capire. Quindi si rivolse ai piccioni. 

Il primo capitolo del suo libro è dedicato quasi interamente a questi uccelli, che ha imparato ad amare così tanto. In effetti, Whitwell Elwin e Charles Lyell (due tra gli amici scienziati cui aveva inviato le copie) avevano suggerito a Darwin di rinunciare a “L’origine delle specie”, e di scrivere un libro sui piccioni. 

Anche se i fringuelli delle Galapagos di Darwin tendono ad attirare tutta l’attenzione, il suo lavoro con i piccioni è stato altrettanto importante nello sviluppo delle sue idee sulla selezione naturale. Darwin era famoso per apprezzare i piccioni in modo molto forte. Ha anche sostenuto che tutti i piccioni discendevano dal piccione selvatico mediorientale, una conclusione che la scienza ha dimostrato solo di recente.

Il voto dei piccioni

Uno dei motivi per apprezzare i piccioni un po’ di più, è che sono più intelligenti di quanto alcuni li considerano. Lo stormo è uno di quegli affascinanti fenomeni che sembrano sfidare la spiegazione. In che modo centinaia di questi piccoli uccelli riescono a volare in formazione così bene? Per i piccioni sembra esserci un bel po’ di democrazia

Con la tecnologia disponibile oggi, possiamo mettere i localizzatori GPS sui piccioni e usare i computer per studiare i loro movimenti precisi. I ricercatori hanno appreso che ogni membro ha un voto nei movimenti del gruppo. Gli uccelli più vicini alla parte anteriore dello stormo hanno voti che hanno un peso maggiore, sebbene anche l’uccello più basso abbia una certa influenza. Gli scienziati definiscono questo fenomeno una “gerarchia democratica”. 

Dal momento che i piccioni hanno un raggio di visione di quasi 360 gradi, possono vedere e reagire rapidamente. Anche l’uccello principale può tenere traccia dei suoi simili che lo seguono, senza dover girare la testa. I piccioni più influenti sono determinati dalla pura velocità. L’uccello che può andare dal punto A al punto B più velocemente, è di solito in testa.

Artisti dei modelli

Curiosità sulla colomba
I piccioni riconoscono gli artisti? (Foto Unsplash)

I piccioni sono usati in molti studi perché sono facili da curare e addestrare. Sebbene il loro cervello non sia più grande della punta dell’indice, sono particolarmente abili nel riconoscere i modelli. Gli psicologi dell’Università Keio di Tokyo hanno insegnato ai piccioni a distinguere i dipinti di Monet e Picasso con una precisione del 90%. Questi ricercatori hanno anche incluso il lavoro di altri impressionisti, con i dipinti di Monet, e di altri cubisti, con Picasso. 

Ai piccioni può anche essere insegnato a distinguere tra dipinti buoni e cattivi, acquerelli e pastelli. Ancora più sorprendente, ci vogliono solo 15 giorni per addestrare un piccione a dire la differenza tra carcinoma mammario benigno e maligno con una precisione dell’85%. Un gruppo di quattro piccioni che lavorano insieme ha fatto bene il 99% delle volte. 

Per fare un confronto, i patologi con quattro anni di scuola ottengono il 97% delle volte un risultato giusto, quindi sembra che quattro piccioni equivalgano a un laureato della Johns Hopkins University. Ad essere onesti, però, i piccioni hanno avuto difficoltà a leggere le mammografie. Le persone stanno seriamente prendendo in considerazione l’idea di far lavorare a tempo pieno questo tipo di piccioni. Potrebbero probabilmente sostituire i clinici per determinati compiti banali.

Riconoscono le persone

I piccioni comuni possono distinguere le persone. I ricercatori di Parigi hanno appreso che se andiamo in un parco locale e colpiamo un piccione, si ricorderà di noi e ci starà lontano. Allo stesso modo, se diamo loro da mangiare, ci inseguiranno e ci chiederanno di avere dei semi. 

Ma sorprendentemente, quando due ricercatori hanno scambiato il loro cappotto, gli uccelli non sono stati ingannati, anche se le donne avevano circa la stessa età e avevano un colore e una corporatura simili. I piccioni sembravano riconoscere i loro volti. Un altro studio a Londra ha dimostrato che i piccioni potevano distinguere tra le immagini di persone che conoscevano e non conoscevano. 

Ancora più strabiliante è stato un esperimento presso l’Università dello Iowa in cui hanno addestrato i piccioni a riconoscere e distinguere tra le diverse espressioni facciali. Sanno se una persona sta sorridendo o accigliandosi. Sebbene gli uccelli non sapessero cosa significassero le diverse espressioni, potevano distinguere tra manifestazioni di rabbia, felicità, disgusto e sorpresa.

Il progetto Sea Hunt

piccione cacca
Il progetto Sea Hunt impiegava i piccioni (foto Pixabay)

Negli anni ’70 e ’80, la Marina degli Stati Uniti stava addestrando dei piccioni per la guardia costiera nel progetto Sea Hunt. Lo scopo degli uccelli era di aiutare nelle operazioni di salvataggio, avvistando detriti e giubbotti di salvataggio che galleggiano nell’oceano. Per quanto folle possa sembrare, gli uccelli potevano individuare gli obiettivi il 93% delle volte al primo passaggio, mentre l’equipaggio individuava gli oggetti solo il 38% delle volte. 

I piccioni hanno una grande vista e un campo visivo più ampio rispetto agli umani, quindi erano davvero adatti al lavoro. Questi uccelli possono anche mantenere il loro stato di allerta per ore, motivo in più per apprezzare i piccioni come sentinelle. Al contrario, gli umani spesso soffrono di affaticamento degli occhi e si annoiano velocemente. 

Il sistema funzionava in questo modo. Tre uccelli venivano messi in una “bolla” di plastica sotto un elicottero. Se vedevano qualcosa, premevano un interruttore. Sebbene la guardia costiera fosse interessata a perseguire questo obiettivo, nel 1983 i tagli al bilancio cancellarono il progetto.

Assi della matematica

Nel 1998, gli psicologi hanno scoperto che potevano insegnare a delle scimmie (in particolare, il macaco Rhesus) a contare, e comprendere alcuni principi matematici di base. Ma i primati hanno cervelli avanzati con una corteccia sofisticata e stratificata. Gli uccelli non ce l’hanno. In effetti, aviari e mammiferi hanno avuto una divisione evolutiva oltre 300 milioni di anni fa, quindi è stata una vera sorpresa per i ricercatori quando sono stati in grado di insegnare ai piccioni a fare questo stesso trucco. 

In effetti, i piccioni sembravano altrettanto bravi in ​​matematica come lo erano i macachi Rhesus. All’Università di Otago in Nuova Zelanda, hanno lavorato per un anno per insegnare ai piccioni a mettere le forme su uno schermo in ordine crescente in base al numero di oggetti nell’immagine

Anche gli scienziati che lavorano per testare l’intelligenza dei piccioni sono rimasti sorpresi dal fatto che questi uccelli potessero eseguire una tale impresa. Come ha spiegato la neuroscienziata Elizabeth Brannon della Duke University, questi risultati suggeriscono che i piccioni e le scimmie possono risolvere questo problema in modo simile, nonostante l’organizzazione del cervello completamente diversa, e centinaia di milioni di anni di evoluzione separata.

Grandi navigatori

eliminare le macchie di cacca del piccione
I piccioni sono grandi navigatori (Foto Pixabay)

I piccioni sono famosi per la loro capacità di tornare a casa. Nonostante tutte le ricerche su questi uccelli, gli scienziati non sanno come lo fanno, anche se nel corso degli anni sono uscite diverse notizie che proclamano di avere la risposta. Tuttavia, ci sono diverse teorie.

Secondo la prima teoria, i piccioni possono avere tre modi per rilevare il campo magnetico terrestre. I loro becchi contengono minuscoli granuli di magnetite, che ha dimostrato di funzionare nei batteri che rilevano fonti magnetiche. Anestetizzare il becco dell’uccello distrugge la sua capacità di navigare. Quindi questa potrebbe essere una spiegazione. 

Un’altra possibilità potrebbe essere nelle proteine ​​speciali nell’occhio del piccione, che si dividono in due molecole quando colpite con la luce. Se le due molecole sono magneticamente sensibili, l’unione quantica consentirebbe loro di lavorare insieme per identificare le differenze nel campo magnetico. Quando gli uccelli vedono schemi che non cambiano quando girano la testa, sarebbero in grado di percepire la direzione magnetica. 

Un’altra teoria è che sfere di ferro microscopiche nei neuroni dell’orecchio interno di un piccione permettono loro di rilevare campi magnetici. Altri ricercatori ritengono che i piccioni navigano usando delle mappe acustiche fatte da infrasuoni, che è il suono a bassa frequenza che emana dalla Terra, principalmente dagli oceani. Ma forse la teoria più stravagante è che i piccioni possano usare il loro olfatto per navigare.

Contrabbando

L’ultima tendenza al contrabbando è quella di usare i piccioni, soprattutto se si sta cercando di ottenere droghe in prigione. I piccioni possono trasportare carichi che pesano fino al 10% del loro peso corporeo, il che si traduce in 30-50 grammi di droghe. Ciò è accaduto nella prigione più sicura della Bosnia, dove i detenuti allevano i piccioni come parte della loro riabilitazione, sembravano proprio apprezzare i piccioni e le loro doti da contrabbandieri. 

Nella prigione di La Reforma in Costa Rica, dei piccioni sono stati catturati mentre contrabbandavano cocaina e cannabis. Ma così anche gatti e iguane. Tuttavia, le droghe non sono l’unica cosa che si può legare a un uccello. In Sudafrica, i piccioni contrabbandano diamanti, che è diventato estremamente frustrante per le compagnie minerarie. 

Alcuni proprietari hanno minacciato di uccidere tutti i piccioni in un certo raggio delle loro miniere, ma gli amanti dei piccioni hanno lanciato forti proteste, ma l’idea più folle ha coinvolto un uomo che è stato catturato in un aeroporto australiano con piccioni vivi legati alle gambe. Forse nessuno gli ha detto che si dovrebbe legare la merce di contrabbando alla gamba del piccione.

Spie di guerra

piccioni
Piccioni su un monumento. Staranno facendo la spia? (AdobeStock)

I piccioni sono stati spesso usati in guerra, con alcuni che hanno persino ricevuto delle medaglie. Per quanto ne sappiamo, la guerra di Corea è stata l’ultima guerra in cui sono stati utilizzati i piccioni viaggiatori. Tuttavia, alcune nazioni hanno cercato di convincere questi uccelli a fare anche più che trasportare messaggi. Durante la prima guerra mondiale, i tedeschi hanno testato l’idea di usarli per scattare foto, un motivo per apprezzare i piccioni per la loro intelligenza. 

All’inizio del 1900, Julius Neubronner aveva ideato una minuscola macchina fotografica automatica che poteva essere collegata a un piccione viaggiatore. Con così pochi aerei all’epoca ma un sacco di piccioni, i tedeschi credevano che gli uccelli sarebbero stati un buon modo per fare una ricognizione aerea. Tuttavia, la loro idea non è mai uscita dalla fase di test, ma questa non è stata l’ultima volta che sarebbero state utilizzate le camme per piccioni. Negli anni ’70, la CIA legò le telecamere ai piccioni per spiare il nemico. Ma nessuno sa di cosa stessero fotografando perché le loro missioni sono ancora classificate.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello