Home Cani Salute dei Cani Prendersi cura del pelo del Boxer: dalla spazzolatura al bagno

Prendersi cura del pelo del Boxer: dalla spazzolatura al bagno

Prendersi cura del pelo del Boxer a prescindere dalla varietà. Vediamo come spazzolare e fare il bagnetto a questo cane.

spazzolatura boxer
(Foto AdobeStock)

Il Boxer è il classico esempio di quando si dice che l’abito non fa il monaco. Questa razza apparentemente austera e dall’espressione severa, nasconde un cucciolo iperattivo e sempre felice.

Addirittura si dice che raggiunga la sua maturità intorno ai 3 anni ma in ogni caso non bisogna aspettarsi grandi cambiamenti. Insomma è un eterno cucciolo con l’aspetto di cane da difesa.

Si tratta infatti di un cane di taglia grande, dalla costituzione quadrata e dalla potente ossatura. La muscolatura asciutta e fortemente sviluppata e quel caratteristico muso scuro.

È possibile vederlo nelle tonalità di fulvo, tigrato e raramente bianco ma sempre a pelo corto.

Oggi quello che tratteremo in questo articolo è proprio come fare a prendersi cura del pelo del Boxer? Scopriamolo insieme nei prossimi paragrafi.

Prendersi cura del pelo del Boxer

boxer bagno
(Foto AdobeStock)

Il Boxer è un cane a pelo corto ed è possibile trovarlo nei colori fulvo e tigrato. Il fulvo va dal fulvo chiaro al rosso cervo scuro.

La varietà tigrata invece presenta, sulle costole, delle strisce scure o nere su un mantello a fondo fulvo.

In questo caso però parlando di un cane a pelo corto, prendersi cura del pelo del Boxer non è poi così complicato, occorre un bagno ogni tanto (a seconda del periodo dell’anno) o ogni volta che si sporca e una spazzolatura ogni due o tre giorni per renderlo presentabile.

Occorre sottolineare però che questo cane ha una pelle molto sensibile. Inoltre, generalmente si verificano dei cambi nel pelo a seconda delle stagioni anche se in alcuni esemplari possono notarsi di più e in altri meno.

Un cospicuo aiuto per il mantenimento del pelo del cane, è dato dall’alimentazione. Somministrare dei pasti di qualità oltre a tenere il cane in buona salute, gli garantirà un pelo lucente.

Fra i migliori alimenti che migliorano il pelo del troviamo le uova, l’olio di pesce (che contiene omega 3 e omega 6) e l’olio extra vergine d’oliva per il cane.

Potrebbe interessarti anche: Cosa dare da mangiare al Boxer: alimentazione ideale

La spazzolatura

Il mantello del Boxer deve essere spazzolato con regolarità per eliminare non solo i peli morti, ma anche la polvere e qualsiasi altra cosa si possa essere impigliata durante le uscite.

Anche se nel caso del Boxer che ha un pelo cortissimo, difficilmente può succedere che si verifichi ciò.

La spazzolatura è non solo una questione di igiene ma dà la possibilità di verificare l’assenza di macchie rosse sulla cute e di ospiti indesiderati come pulci o zecche.

La frequenza della spazzolatura per un tipo di mantello come quello del Boxer può essere fatta anche solo una volta a settimana.

La toelettatura è una fase importante non solo per l’igiene del cane ma anche per il rapporto di complicità e di confidenza che si viene a creare tra cane e padrone.

Per la spazzolatura del Boxer occorre una spazzola di setole di gomma o un guanto, solo per eliminare i peli in eccesso senza ferire la pelle né staccargli troppi peli.

Dovete considerare che, in questo caso, due o tre sessioni settimanali di spazzolatura, poiché non accumula molta sporcizia e non avrà nodi.

Inoltre la spazzolatura ci aiuterà ad eliminare lo sporco solido dal pelo del cane, a rimuovere i peli morti (in particolare in periodi di muta) e a rinvigorire la pelle dell’animale.

Di seguito alcuni suggerimento su come spazzolare il pelo del Boxer:

  • mai contro pelo ma seguire il verso;
  • prendere il via dal collo o dal garrese fino a proseguire verso la coda;
  • toccare anche punti come: il mento e la pancia;
  • testa, orecchie e collo sono le aree più delicate a cui fare più attenzione;
  • asciugamano umido per rimuovere la forfora e il pelo morto;
  • procurarsi piccoli snack per premiarlo durante la fase di spazzolatura;
  • bloccare la testa e il corpo per tenerlo più fermo.

Potrebbe interessarti anche: Curiosità sul Boxer: cenni storici, aneddoti, foto e video

Il bagnetto

Cominciamo con il sottolineare che il bagno del cucciolo di Boxer si può fare una volta che ha ricevuto tutti i vaccini adeguati.

Generalmente una volta al mese è opportuno fare un bagno con acqua tiepida al nostro Boxer, sempre se la cura del pelo ovvero la spazzolatura è una routine.

Fare troppo spesso il bagno potrebbe fargli perdere i grassi di protezione naturale presenti sulla sua pelle.

Per fare il bagno al Boxer occorreranno dei prodotti specifici che non danneggino la salute e il pelo del nostro cane, come ad esempio uno shampoo specifico per cani con il pelo corto.

Esistono alcuni tipi che hanno proprietà anti-repellenti ed una composizione naturale e innocua per la sua pelle.

In ogni caso è sempre meglio rivolgersi al proprio veterinario che saprà quali i prodotti migliori per il vostro cane.

Di seguito alcuni consigli per lavare il pelo del Boxer:

  • utilizzare acqua calda, ma non ustionante;
  • insaponare cominciando dalla testa del cane fino alla coda;
  • lavare il muso con le mani (evitare di usare getti di acqua sul viso del cane, potrebbe non gradire);
  • sciacquare dal collo alla coda;
  • utilizzare degli asciugamani per tamponare;
  • asciugare con il phon fino a che non risulterà totalmente asciutto il pelo perfettamente brillante.

Se si utilizza un phon è meglio accertarsi che non sia troppo caldo e di tenerlo ben distante dalla pelle del cane per evitare scottature.

Inoltre gli esperti consigliano l’utilizzo di una soluzione oculare per la pulizia degli occhi del cane  e di pulirli regolarmente, magari una o due volte alla settimana le orecchie, cercando di notare l’eventuale presenza di infiammazioni o corpi estranei.

In merito alle orecchie, una cosa molto importante per la salute del vostro cane, è quella di inserire dell’ovatta all’interno di esse, per evitare che possa entrare dell’acqua è causare un’otite nel cane.

Raffaella Lauretta