Home Cani Salute dei Cani Il cane abbaia troppo, appena qualcuno entra in casa: come intervenire

Il cane abbaia troppo, appena qualcuno entra in casa: come intervenire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:03
CONDIVIDI

A volte il cane abbaia troppo, senza motivo apparente. A volte, sembra diretto ad alcune persone in particolare, anche se della sua stessa famiglia. Come mai? E come risolvere il problema?

Il cane abbaia troppo, appena qualcuno entra in casa: come intervenire
Il cane abbaia troppo, appena qualcuno entra in casa: come intervenire (Foto AdobeStock)

I cani si sa, sono molto sensibili ai fattori ambientali, e anche un cambiamento in famiglia può essere vissuto in modo grave dai nostri amici a quattro zampe. Se il nostro cane abbaia troppo quando qualcuno arriva a casa, anche se della nostra stessa famiglia, può esserci un problema di fondo più particolare. In questi casi, come interveniamo? I comportamentisti possono aiutarci, facendoci capire come individuare la causa di questo comportamento del cane, e risolvendo insieme a noi il problema. In questo modo, Fido sarà più rilassato e vivrà più serenamente l’arrivo di qualcuno a casa, e noi saremo più felici con lui/lei.

Il cane abbaia troppo quando arriva una visita?

Il cane abbaia troppo (Foto AdobeStock)
Il cane abbaia troppo quando arriva una visita? (Foto AdobeStock)

Di recente si è aggiunto un nuovo cane a casa, o magari il cane abbaia a nostro marito, nostra moglie, nostra figlia o figlio? Si è trasferito un nuovo ragazzo o ragazza in casa, e ora Fido abbaia verso di lui/lei nel momento in cui entra in casa, o nella stanza in cui si trova il cane? In tal caso, non siamo certamente gli unici. Innumerevoli sono i casi di cani a disagio quando nuove persone entrano nelle loro case!

Anche se sembra che i cani non subiscono un divorzio o l’entrata in famiglia di una nuova persona, i cambiamenti possono stressarli. Molte persone presumono che i cani che abbaiano contro le persone che entrano nella loro stanza o attraverso una porta lo fanno perché vogliono essere “in controllo” di chi entra nel loro “territorio” percepito. Tuttavia, dietro quello che sembra un cane audace che si impegna nell’aggressione territoriale, c’è spesso un cane spaventato che si sente semplicemente insicuro.

Sfortunatamente, questa interpretazione errata spesso peggiora le cose. Alcune persone possono sentirsi come se devono “sfidare il cane”, entrando nel suo spazio e aspettando che si allontani. Questo approccio aumenta solo la paura del cane e il cane potrebbe sentirsi ancora più motivato ad abbaiare / avvicinarsi / ringhiare di più in futuro, perché questa persona ha ora dimostrato loro che è veramente spaventoso e inaffidabile. Per non parlare del fatto che stringere alle corde un cane spaventato può provocare un morso difensivo!

Quando vengono invase le zone di comfort

Il cane abbaia troppo (Foto AdobeStock)
Quando vengono invase le zone di comfort (Foto AdobeStock)

La verità è che i cani cercano sicurezza e pace in casa, proprio come fanno gli umani, e non c’è niente di peggio che non essere in grado di rilassarsi perché una persona rende il cane nervoso e a disagio. I cani in queste condizioni potrebbero non dormire bene, e non possono mai rilassarsi completamente.

Non ci vuole molto perché i cani imparino a usare il loro abbaiare per far sapere a una persona in particolare, che si stanno avvicinando troppo a loro da non sentirsi a proprio agio. Pertanto, i cani spaventati spesso si avvicinano minacciosi, abbaiano, ringhiano e mostrano i denti per informare che non apprezzano il fatto che i loro spazi personali siano invasi da una determinata persona o più persone.

Per fare un paragone, immaginiamo per un momento che noi abbiamo paura dei topi. Il solo pensiero di vedere un topo è terrificante per noi, e se ci capita di vedere un topo, calpestiamo i piedi e facciamo qualche rumore minaccioso, per mandare via il topo. Se questo aiuta a mandare via il topo, molto probabilmente continueremo a tenere questo comportamento, con il calpestare e il fare rumore, perché non vogliamo topi vicino a noi! 

Così presto questo diventa il nostro comportamento predefinito quando vediamo un topo avvicinarsi. Fare rumore e calpestare i piedi ci ha insegnato ad apprezzare di più i topi? Molto probabilmente no, continueremo a pensare che i topi siano creature spaventose e continueremo a avere questi comportamenti per mantenere le distanze da queste creature.

Che cos’è il rinforzo negativo?

Il cane abbaia troppo (Foto AdobeStock)
Che cos’è il rinforzo negativo? (Foto AdobeStock)

Allo stesso modo, i cani che hanno paura torneranno spesso al loro abbaiare / avvicinarsi minacciosi / ringhiare, perché è altamente rinforzante. Per gli appassionati di scienza là fuori, in cerca di una spiegazione, è una questione di rinforzo negativo. Il comportamento di abbaiare / avvicinarsi / ringhiare è rafforzato perché fa sì che la “persona cattiva” che li fa sentire a disagio o che la “situazione spiacevole” scompaia.

Ora, naturalmente, non si dovrebbero provare cattivi sentimenti se il cane classifica qualcuno come “cattivo”. Non è che il nostro cane pensi davvero che questa persona sia davvero cattiva come la percepiamo, è solo che, probabilmente, questa persona potrebbe aver inavvertitamente fatto sussultare il cane in qualche momento. Questo può essere qualsiasi cosa, dal portare grandi attrezzi in casa, al tossire forte o starnutire, al semplice aspetto che il cane sente intimidatorio (alta statura, peli del viso, indossare cappelli o occhiali da sole, muoversi velocemente, passi rumorosi, ecc.).

Torniamo all’esempio di essere terrorizzati dai topi, come ci sentiremmo se un giorno, vedendo un topo, una banconota cadesse magicamente dal cielo? All’inizio probabilmente saremmo sorpreso e potremmo pensare che sia solo una semplice coincidenza, ma cosa succede se questo accade in modo sicuro OGNI volta? Ogni volta che appare un topo, cade una banconota dal cielo. Hmmmm, a questo punto, molto probabilmente i topi stanno iniziando a diventare attraenti!

Condizionamento classico e desensibilizzazione

cucciolo rabbia ringhio
Condizionamento classico e desensibilizzazione (Foto AdobeStock)

A un esame più attento, cosa è probabilmente accaduto in questo scenario? In questo caso, i topi, che avevano in passato suscitato un’emozione negativa, ora sono arrivati ​​a suscitare un’emozione positiva, per il semplice fatto che i topi hanno iniziato a predire il denaro. Nella terminologia comportamentale, chiamiamo questo “condizionamento classico”, che insieme alla desensibilizzazione, può essere uno strumento di modifica del comportamento molto potente.

Desensibilizzazione significa in parole povere “rendere meno sensibile”. Tornando alla paura dei topi, ci sentiremmo meglio se ci immergessimo in una stanza piena di topi o se ci venisse dato il tempo di abituarci a stare con i topi in un approccio graduale graduale? Molto probabilmente, quest’ultimo caso sarebbe vero. 

Superare la paura richiede tempo e richiede piccoli passi, il che significa che siamo esposti a versioni meno intense di ciò che temiamo. Se siamo esposto a una versione troppo intensa di uno stimolo che evoca la paura, ci sono alte probabilità che la nostra paura aumenti piuttosto che diminuire.

Quindi, con questo in mente, con l’aiuto di un professionista, dovremmo lavorare per presentare versioni meno intense della paura del nostro cane e creare associazioni positive con essa. Quindi, vediamo un esempio di alcuni lavori svolti con i cane da parte di un comportamentista. In questo esempio, il cane abbaia troppo ogni volta che il nuovo ragazzo della sua padrona entrava in casa.

Il racconto dell’esperto: Molly ha conquistato la sua paura

cucciolo nervoso
Molly ha conquistato la sua paura: la sua storia. (Foto AdobeStock)

Quando la sua padrona ha portato Molly dal comportamentista, questa cagnolina stava tremando per la paura sulle ginocchia della sua proprietaria, ma secondo lei stava anche bene, considerando che il suo ragazzo non poteva avvicinarsi in nessun modo, senza innescare comportamenti abbaianti

Il dottore ha iniziato a prendere appunti sulle cause scatenanti e mentre stavano parlando, il ragazzo in questione ha aperto la porta di casa, di rientro un po’ di giardinaggio. Immediatamente, si è sentita Molly ringhiare. Il ragazzo non era nemmeno entrato in quella stanza, e già Molly stava diventando nervosa.

Quindi, il suo ragazzo sbirciò dalla stanza a distanza per salutare, e Molly saltò giù dalle ginocchia della proprietaria e iniziò ad abbaiare, abbaiare e abbaiare. Il comportamentista quindi programmò un giorno in cui era probabile che il ragazzo fosse a casa per poter fare alcune prove e lavorare sul problema insieme.

Un sabato mattina tranquillo si incontrarono di nuovo, e il dottore chiese al ragazzo di rimanere nel cortile fino a quando non gli avesse dato indicazioni. Aveva il telefono pronto per comunicare con lui e fornirgli indicazioni dettagliate. Nel frattempo, il dottore era seduto sul divano con la proprietaria, Sally, e Molly era al guinzaglio accanto a lei. Sally aveva una busta piena di premi in cibo di grande valore, da tenere a portata di mano.

Così fu dato ordine al ragazzo che era nel cortile di toccare un po’ la porta per aprirla, ma senza entrare. Non appena le orecchie di Molly si girarono in direzione del suono, il dottore disse a Sally di darle immediatamente un premio. Hanno ripetuto questo esercizio diverse volte, fino a quando Molly ha capito che il suono dell’apertura della porta era stato un fattore predittivo di una sorpresa che si avvicinava. Il segno che stava funzionando fu quando, sentendo il suono della porta, Molly guardò la mano di Sally per avere un premio.

cagnolino arrabbiato
I premi possono essere la chiave per risolvere questo problema (Foto AdobeStock)

Nel mezzo di questi esercizi, Molly abbaio solo poche volte, in pratica solo le prime due volte. Successivamente, Sally sembrò prendere rapidamente confidenza con l’esperimento. Nelle successive serie di prove, si sentì solo un piccolo ringhio ovattato, una sola volta.

A quel punto, il dottore fece in modo che il ragazzo varcasse la soglia e facesse qualche passo. Hanno ripetuto l’esercizio. ma questa volta Sally doveva dar da mangiare i premi sentendo i gradini, anziché l’apertura della porta. Tuttavia, se di tanto in tanto l’apertura della porta era un po’ più rumorosa delle altre volte, i premi venivano dati anche quando entrava in casa. Molly stava ormai capendo il gioco, cercando i premi ogni volta che sentiva i passi.

A questo punto, per alzare il livello, il ragazzo ha detto qualcosa al suo arrivo e facendo alcuni passi. Ogni volta che diceva qualcosa, Molly riceveva delle leccornie. Hanno poi gradualmente aggiunto nel mix altri fattori, con tosse finta, passi più pesanti, portando attrezzi rumorosi, battendo le mani e altro ancora. I dolcetti venivano sempre dati quando si verificavano questi rumori. Molly stava iniziando a capire il gioco; infatti, ogni volta che sentiva una versione meno intensa di qualcosa che in passato la riguardava, cercava un premio.

Sally quel giorno ebbe dei compiti da fare. Quando non aveva il tempo di lavorare sulla questione e il suo ragazzo doveva entrare e uscire spesso, Molly doveva essere tenuta lontana da ogni confusione. Avrebbe potuto tenerla nella stanza più lontana o portarla fuori a camminare. Questo perché se a Molly fosse stato permesso di abbaiare troppo alla presenza di un fattore scatenante, sarebbe stato un grande passo indietro. Quando poi Sally e il suo ragazzo avevano tempo libero, dovevano ripetere gli esercizi.

Quando si sono incontrati di nuovo con il comportamentista, Sally ha detto di aver visto un grande miglioramento in Molly, che stava molto bene e che è riuscita a fare solo una o due volte un ringhio silenzioso. Questo era comunque previsto in qualche modo. Quindi quel giorno hanno lavorato per aggiungere altri fattori. 

Molly sembrava essersi abituata alla maggior parte dei rumori emessi dal ragazzo che entrava in casa. Sally disse che si era persino esercitata a fare in modo che il suo ragazzo  facesse esercizio fisico in un’altra stanza (qualcosa che ha scatenato l’abbaiare in passato) e che dava i premi a Molly mentre lui li faceva, e andava tutto benissimo.

guardia cani
Un cane che si sente nervoso può attaccare senza motivo apparente. (Foto AdobeStock)

Così hanno fatto entrare il ragazzo, facendogli fare qualche passo, parlando e anche spostandosi verso la stanza in cui erano seduti con il cane, facendo solo una breve apparizione a distanza. Molly veniva nutrita con gustosi premi, ogni volta che entrava nella stanza. Hanno anche provato a fare qualche giochino.

Quasi verso la fine della sessione, il suo ragazzo è stato in grado di camminare fino a metà strada nella stanza senza che Molly abbaiasse. Ad un certo punto, quando il ragazzo ha iniziato ad entrare nella stanza c’è stato anche un momento negativo: il ragazzo ha lasciato cadere il telefono e quando si è chinato per afferrarlo, Molly ha iniziato ad abbaiare.

Va bene, commettiamo errori a volte. L’abbaiare di Molly ha comunicato che non era pronta per questo livello di intensità. Quindi si sono esercitati con il ragazzo a fingere di raccogliere qualcosa da lontano, ma avendo ulteriormente suddiviso il movimento in piccoli segmenti, per non sopraffare Molly. Quando il ragazzo si piegava un po’, dava un premio a Molly. Poi si piegava a metà, e dava a Molly un altro premio, e poi piegandosi completamente dava a Molly 2-3 prelibatezze contemporaneamente. Hanno concluso questa sessione con questo finale positivo, per lasciare un’impressione felice nella sua mente.

Il lavoro era finalmente finito quando il ragazzo di Sally fu in grado di entrare nella stanza, parlare, tossire, raccogliere oggetti e persino sedersi accanto a lei. Ogni volta che il ragazzo era in grado di sedersi accanto a Sally, lui dava a Molly una grossa ricompensa consistente in un intero biscotto, o un orecchio di maiale, o un piccolo bastoncino da masticare. Molly divenne sempre più a suo agio con il fidanzato e si capiva che si era guadagnato la sua fiducia quando un giorno riuscì persino a camminare sulle sue ginocchia e si addormentò! Ben fatto Molly!

Perché lavorare con un consulente di comportamento professionale

La carezza al cane timido (Foto Twitter)
Un esperto è sempre indispensabile per questi problemi. (Foto Twitter)

Se il cane abbaia quando qualcuno entra in una stanza, è meglio consultare un professionista per aiutarci a risolvere il problema. Trovare un professionista che si concentri su tecniche di modifica del comportamento prive di forza è importante perché un cane che ha paura non ha più bisogno di più stress a causa dell’aggiunta di strumenti o metodi basati sull’avversione.

L’assistenza di un professionista è importante per la corretta attuazione della modifica del comportamento (andare troppo veloce nel processo può creare battute d’arresto, che possono anche avere un impatto permanente se non risolte correttamente) ma anche dal punto di vista della sicurezza. I cani che hanno paura possono mordere se devono affrontare versioni troppo intense della loro paura. E ciò può anche coinvolgere i proprietari di cui il cane sembra fidarsi, a causa dell’aggressività reindirizzata quando i cani sono eccessivamente tesi.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello