Home Cani Salute dei Cani Criptorchidismo dei cani: cause, sintomi e trattamento

Criptorchidismo dei cani: cause, sintomi e trattamento

CONDIVIDI

Il criptorchidismo è una malattia del cane o del cucciolo, quasi sempre di origine ereditaria.  Se, ad una prima osservazione, questo può sembrare avere poca importanza, la problematica, col passar degli anni, può avere gravi conseguenze se non si interviene. Diventa quindi fondamentale conoscere il criptorchidismo dei cani per essere in grado di agire nel modo migliore.

Criptorchidismo dei cani
Criptorchidismo dei cani: cane operato (Foto iStock)

Se siamo del tutto convinti di accogliere in casa nostra un dolcissimo cucciolo di cane, dovremmo sapere che questa stupenda scelta, richiede un costante impegno da parte del proprietario. Il motivo è subito detto: bisogna essere in grado di andare in contro a tutte le esigenze che il nostro animale domestico presenta, sia a livello salutare, sia come tempo.

Quando ci riferiamo alla salute fisica del nostro cane, in genere ci viene da pensare che i possibili disturbi patologici, tutte le molteplici malattie, possano apparire con l’avanzare dell’età del nostro amico a quattro zampe, ma purtroppo non è sempre così. Il nostro animale domestico a tutte le età può incorrere a diverse malattie e problematiche.

Cos’è il criptorchidismo nei cani?

criptorchidismo cucciolo
Criptorchidismo controllo cucciolo (Foto Pixabay)

Il criptorchidismo dei cani è una problematica che colpisce i maschi, impedendo ai testicoli di scendere nel sacco scrotale. Di solito i testicoli scendono attraverso il canale inguinale, all’incirca dopo dieci giorni dalla nascita, ma potrebbero non scendere e in questo caso possiamo parlare di quello che chiamiamo criptorchidismo dei cani.

Questo disturbo può interessare solo un testicolo o entrambi, inoltre, i testicoli si possono trovare anche in diverse parti del corpo, quindi a seconda delle suddette condizioni, possiamo riconoscere quindi diversi tipi di criptorchidismo:

  • Criptorchidismo unilaterale: un testicolo è nello scroto e l’altro no.
  • Criptorchidismo bilaterale: nessun testicolo si trova nella sacca scrotale.
  • Criptorchidismo inguinale: un testicolo o entrambi si trovano nel canale inguinale.
  • Criptorchidismo addominale: nell’addome si trovano un testicolo o entrambi.

La diagnosi di questa malattia viene fatta semplicemente dalla palpazione, quando il cane ha raggiunto il sesto mese di vita.

Cause: Come si verifica il criptorchidismo dei cani

zona genitale cane
La zona genitale del cane (Foto fonte iStock)

La causa del criptorchidismo dei cani non è ancora molto chiara, anche se si ritiene che la componente genetica sia di grande importanza, in quanto è una malattia ereditaria del cane che sia le femmine che i maschi possono trasmettere ai cuccioli.

Grazie alla sua componente genetica possiamo differenziare alcune razze canine predisposte a soffrire di questo disturbo:

In un cane il cui sviluppo sessuale del cane è normale, i testicoli scendono dalla loro posizione originale (dietro i reni) al canale inguinale alla nascita, quindi attraversano il canale inguinale per raggiungere la posizione corretta nella sacca scrotale. In un cane affetto da criptorchidismo, i testicoli non completano questo percorso di discesa.

Sintomi di criptorchidismo dei cani

ananas cane cucciolo

Il criptorchidismo dei cani non mostra alcun tipo di fastidio o sintomo nel cane, ma ciò che dobbiamo tener presente e che i testicoli non raggiungendo la loro posizione naturale restano in una posizione dove raggiungono una temperatura elevata all’interno dell’organismo. Tutto questo implica una probabile formazione di tumori nel cane, che sono particolarmente evidenti se si trovano nell’inguine o il canale inguinale.

Il testicolo interessato dal tumore produrrà elevate quantità di ormone femminile, causando una sindrome di femminilizzazione nel cane, che porterà alle abitudini e ai comportamenti tipici della femmina, che possono essere facilmente descritti come:

  • Il pene si restringe e le sue dimensioni diminuiscono
  • Si sviluppano i seni
  • Il cane adotta una posizione femminile per urinare

Dall’età di 4 anni, c’è la possibilità che aumentino nel cane, i rischi di tumore ai testicoli .

Trattamento di testicoli nascosti

spese veterinarie gratis
Cane dal veterinario per trattamento del Criptorchidismo

Nei cuccioli la terapia ormonale può servire a provocare la discesa dei testicoli fino al sesto mese di vita circa. Tuttavia, se ciò non è possibile o se l’animale è più vecchio, è il caso di intervenire tramite un’operazione in cui i testicoli vengono rimossi chirurgicamente. In questo modo il rischio di cancro è ridotto.

La rimozione del testicolo criptorchideo non deve essere eseguita prematuramente in un cucciolo, ma dovrebbe essere eseguita durante i primi tre anni di vita per prevenire la possibile degenerazione. La terapia farmacologica tenta di provocare la discesa testicolare con vari preparati ormonali, ma ciò ha qualche probabilità di successo, solo in età molto giovane (fino a 16 settimane) e nei casi dei criptorchidi inguinali.

Le possibilità di successo sono generalmente classificate basse. La forma di terapia più comunemente scelta è la castrazione del cane, siccome il criptorchidismo è una malattia ereditaria serve ad evitare in modo sicuro la riproduzione, ecco perché la castrazione.  La rimozione del testicolo criptorchideo non deve essere eseguita prematuramente in un cucciolo, ma dovrebbe essere eseguita durante i primi tre anni di vita, per prevenire la possibile degenerazione.

La terapia farmacologica tenta di provocare la discesa testicolare con vari preparati ormonali, ma ciò ha qualche probabilità di successo, solo in età molto giovane (fino a 16 settimane) e nei casi dei criptorchidismo inguinali. Le possibilità di successo sono generalmente classificate basse

La rimozione chirurgica può essere eseguita nel modo classico se il testicolo è sottocutaneo. In alternativa, se il testicolo non sceso si trova nell’addome del cane, la procedura può essere eseguita in laparoscopia, il metodo meno doloroso per il post operatorio.

Questa tecnica chirurgica, molto meno invasiva, consente di visualizzare l’interno dell’addome usando una microcamera, di far passare strumenti chirurgici con un’apertura molto piccola e di rimuovere i testicoli, logicamente anestetizzando il cane. Questo metodo è quello più comodo per l’animale rispetto alla chirurgia convenzionale, perché evita qualsiasi cicatrice chirurgica e il successivo uso del collare dopo l’intervento chirurgico.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

 

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI