Home Curiosita I pesci più pericolosi al mondo: la classifica, con alcuni insospettabili

I pesci più pericolosi al mondo: la classifica, con alcuni insospettabili

Gli abissi nascondono alcuni animali davvero misteriosi e spaventosi. Ma quali sono i pesci più pericolosi al mondo? Scopriamo questi fantastici animali marini.

Piranha pesce fingere morto per rimanere vivo
I pesci più pericolosi al mondo: il Piranha (Foto Adobe Stock)

Molte persone in tutto il mondo dipendono da pesci o prodotti a base di pesce per il loro cibo e il loro sostentamento economico. Più di 30.000 specie diverse popolano gli oceani e i corpi d’acqua della Terra. La bellezza di molte specie di pesci è evidenziata nei negozi di animali, acquari e nelle collezioni domestiche. Alcune specie, tuttavia, hanno aspetti più oscuri e più terrificanti. Alcuni di questi meravigliosi animali possono attaccare gli esseri umani, mentre altri potrebbero erogare una dose di veleno se maneggiati con noncuranza, o se non adeguatamente preparati per essere mangiati. Alcune specie vengono addirittura diffamate per il loro aspetto scioccante o per la loro feroce reputazione nell’immaginario comune o nei miti; scopriamo allora i pesci più pericolosi al mondo.

I pesci più pericolosi al mondo

Pesce palla
Pesce palla: uno dei pesci più pericolosi (Foto Flickr)

Pesce palla

Il pesce palla è un membro di un gruppo di circa 90 specie di pesci della famiglia Tetraodontidae, noti per la loro capacità, se disturbati, di gonfiarsi così tanto con l’aria e l’acqua, da diventare di forma sferica. I pesci palla si trovano nelle regioni calde e temperate di tutto il mondo, principalmente nel mare ma anche, in alcuni casi, in acqua salmastra o dolce. Hanno pelli dure, solitamente spinose e denti fusi che formano una struttura a becco con una spaccatura al centro di ciascuna mascella.

I pesci palla più grandi crescono di circa 90 cm di lunghezza, ma la maggior parte sono considerevolmente più piccoli. Molte specie sono velenose; una sostanza altamente tossica, la tetraodontoxina, è particolarmente concentrata negli organi interni. Sebbene questa sostanza possa causare la morte, a volte i pesci palla sono usati come cibo. In Giappone, dove questi pesci sono chiamati fugu, devono essere accuratamente puliti e preparati da uno chef appositamente addestrato.

Pesce scorpione

pesci più belli al mondo: il pesce leone
Pesce scorpione o pesce leone (Foto Flickr)

I pesci scorpione o pesci leone (Pterois) rientrano in una qualsiasi delle numerose specie di pesci Indo-Pacifico appariscenti della famiglia degli Scorpaenidae (ordine degli Scorpaeniformes). Sono noti per le loro spine velenose, che sono in grado di produrre ferite dolorose, anche se raramente fatali. Questi pesci hanno pinne pettorali allargate e lunghe spine delle pinne dorsali, e ogni specie porta un particolare motivo di strisce audaci e simili a quelle della zebra. Se disturbato, questo pesce si allarga e mostra le sue pinne e, se ulteriormente messo sotto pressione, si avvicina ed attacca con le sue spine dorsali. 

Una delle specie più conosciute è il pesce scorpione rosso (Pterois volitans), un pesce impressionante a volte allevato dagli appassionati di acquari e animali marini. È striato di rosso, marrone e bianco e cresce fino a circa 30 cm di lunghezza. Il pesce scorpione rosso è originario degli ecosistemi della barriera corallina del Sud Pacifico. All’inizio del 21° secolo la specie si è stabilita negli ecosistemi delle scogliere lungo la costa orientale degli Stati Uniti, nel Golfo del Messico e nel Mar dei Caraibi. 

Il suo rapido tasso di riproduzione, combinato con l’assenza di nemici naturali in quelle regioni, ha portato alla decimazione da parte sua dei pesci della barriera locale, ed alla sua designazione come specie invasiva. I gestori della fauna selvatica sospettano che i pesci scorpione siano stati deliberatamente rilasciati dai proprietari di animali domestici nell’oceano, lungo la costa atlantica della Florida a partire dagli anni ’80, ma i danni ai negozi di animali causati dall’uragano Andrew nel 1992 potrebbero aver permesso anche ad altri di fuggire.

Candirù

candiru pesci più pericolosi
Candirù (Foto Pinterest)

Il candirù (Vandellia cirrhosa), è un pesce gatto parassitario senza squame della famiglia Trichomycteridae, che vive nella regione del Rio delle Amazzoni. Detto anche “pesce stuzzicadenti”, è traslucido e simile a un’anguilla, e cresce fino a una lunghezza di circa 2,5 cm

Il candirù si nutre di sangue e si trova comunemente nelle cavità delle branchie di altri pesci. A volte attacca anche l’uomo ed è noto perché entra nell’uretra dei bagnanti e degli animali che nuotano. Una volta nel passaggio, solleva le sue corte spine dorsali che al di sopra delle branchie, e può quindi causare infiammazione, emorragia e persino morte alla vittima.

Grande squalo bianco

Pesci del film su Nemo
Grande squalo bianco (Foto Unsplash)

Lo squalo bianco (Carcharodon carcharias), che è anche chiamato grande squalo bianco, carcarodonte o pescecane, può non aver bisogno di presentazioni, perché è uno degli squali predatori più potenti e potenzialmente pericolosi al mondo

Protagonista come cattivo di film come “Lo squalo” (1975), lo squalo bianco è molto diffamato e temuto da tutti; tuttavia, è sorprendentemente poco quello che si conosce della sua vita e del suo comportamento. Secondo i reperti fossili, la specie moderna esiste da circa 18-12 milioni di anni fa, durante la metà del Miocene, ma i suoi antenati potrebbero risalire almeno all’epoca dell’Eocene (circa 56–34 milioni di anni fa).

Nelle aree in cui sono più comuni, gli squali bianchi sono responsabili di numerosi attacchi non provocati e talvolta fatali a nuotatori, sub, surfisti, kayakisti e persino piccole imbarcazioni. Uno squalo bianco tende a infliggere un singolo morso alla sua vittima umana per poi ritirarsi. In molti casi, tuttavia, lo squalo raramente ritorna per un secondo morso. Se la vittima soffre di un morso moderato, potrebbe anche avere il tempo di cercare di mettersi in sicurezza.

In situazioni in cui si verifica un grosso morso, tuttavia, con gravi danni ai tessuti e agli organi, possono provocare la morte della vittima. Una revisione degli attacchi di squalo bianco al largo degli Stati Uniti occidentali ha mostrato che circa il 7% degli attacchi era fatale, ma i dati provenienti da altre località, come il Sudafrica, mostrano tassi di mortalità di oltre il 20%. Tassi di mortalità fino al 60% sono stati registrati dagli attacchi nelle acque al largo dell’Australia.

Molti ricercatori sostengono che gli attacchi agli umani derivano dalla curiosità dello squalo. Al contrario, altre autorità sostengono che questi attacchi potrebbero essere il risultato dello squalo che scambia gli umani per le sue prede naturali, come foche e leoni marini. È anche possibile che gli squali bianchi intendano attaccare gli umani in quei luoghi dove le loro normali predi possono essere scarse.

Murena

coralli pesci murena
Murena. (Foto Flickr)

Probabilmente ci sono più di 80 specie di murene e si trovano in tutti i mari tropicali e subtropicali, dove vivono in acque poco profonde tra scogliere e rocce e si nascondono nelle fessure. Le murene si differenziano dalle altre anguille per le piccole aperture arrotondate delle branchie, e per le pinne pettorali generalmente mancanti

La loro pelle è spessa, liscia e senza squame, mentre la bocca è larga e le mascelle sono dotate di denti forti e affilati, che consentono loro di catturare e trattenere le loro prede (principalmente altri pesci), ma anche di infliggere gravi ferite ai loro nemici, compresi gli umani. Sono in grado di attaccare gli umani solo quando vengono disturbate, ma poi possono essere abbastanza subdole.

Le murene sono solitamente marcate o colorate in modo vivido. Generalmente non superano una lunghezza di circa 1,5 metri, ma una specie, la Thyrsoidea macrurus del Pacifico, è nota per crescere fino a circa 3,5 metri di lunghezza. Le murene vengono mangiate in alcune aree del mondo, ma la loro carne è talvolta tossica e può causare malattie o anche la morte. Una specie di murena, la Muraena helena, che si trova nel Mediterraneo, era una grande prelibatezza degli antichi romani e veniva coltivata da loro in stagni di mare.

Pesci tigre

pesce tigre golia
Pesce tigre golia (Foto Flickr)

Coprendo diverse specie, i pesci tigre sono così chiamati sulla base della loro combattività quando catturati, le loro abitudini di feroci predatori, e il loro aspetto. Nelle acque dolci africane, i pesci tigre del genere Hydrocynus (a volte Hydrocyon) sono ammirati pesci selvatici della famiglia dei caracidi, i Characidae (ordine dei cipriniformi). 

Sono contrassegnati, a seconda della specie, con una o più strisce scure longitudinali, e sono carnivori rapidi, voraci, a forma di salmone con denti simili a pugnali che sporgono quando la bocca è chiusa. Ci sono circa cinque specie; il più grande, il pesce tigre golia (Hydrocynus goliath) può essere lungo più di 1,8 metri e può pesare più di 57 kg. Il più piccolo, il pesce tigre africano, (Hydrocynus vittatus) è considerato uno dei difficili pesci da pescare al mondo.

Nell’Indo-Pacifico, i pesci tigre marini e d’acqua dolce della famiglia Theraponidae (ordine Perciformes) sono piuttosto piccoli e di solito contrassegnati con strisce audaci. Il pesce tigre a tre strisce (Therapon jarbua) è una specie comune a strisce verticali lunga circa 30 cm (12 pollici). Ha spine acuminate sui suoi coperchi di branchie, che possono ferire chi lo tocca in modo disattento.

Piranha

Piranha rosso flickr
Piranha rosso (Foto Flickr)

I piranha, sono una delle oltre 60 specie di pesci carnivori dai denti a rasoio dei fiumi e dei laghi sudamericani, con una reputazione un po’ esagerata riguardo la loro ferocia. In film come Piranha (1978), il piranha è stato rappresentato come un famigerato assassino indiscriminato. La maggior parte delle specie, tuttavia, sono spazzini o si nutrono di materiale vegetale.

La maggior parte delle specie di piranha non cresce mai più di 60 cm di lunghezza. I colori variano da argenteo con le parti inferiori arancioni, a quasi completamente nero. Questi pesci comunemente hanno corpi profondi, pance seghettate e grandi teste generalmente smussate, con mascelle forti e denti affilati e triangolari, che si incontrano in un morso a forbice.

I piranha vivono dal nord dell’Argentina alla Colombia, ma sono più diversificati nel Rio delle Amazzoni, dove si trovano 20 specie diverse. Il più famoso è il piranha rosso (Pygocentrus nattereri), con le mascelle più forti e i denti più affilati tra tutti. Soprattutto nelle acque basse, questa specie, che può crescere fino a 50 cm di lunghezza, caccia in gruppi che possono contare più di 100 membri. 

Diversi gruppi possono convergere in una frenesia alimentare, se un grosso animale viene attaccato, anche se questo è raro. I piranha rosso preferiscono prede che sono solo leggermente più grandi di loro o più piccole. Generalmente, un gruppo di piranha rossi si allontana separatamente per cercare prede. Se ha localizzato qualcosa, lo scout che attacca lo segnala agli altri. Questo probabilmente viene fatto acusticamente, poiché i piranha hanno un udito eccellente. Tutti nel gruppo si precipitano a fare un boccone e poi nuotano via per lasciare spazio agli altri.

Il Pygocentrus denticulata, che si trova principalmente nel bacino del fiume Orinoco e gli affluenti dell’Amazzonia inferiore, ed il Pygocentrus piraya, una specie originaria del fiume San Francisco in Brasile, sono pericolosi anche per l’uomo. La maggior parte delle specie di piranha, tuttavia, non uccide mai animali di grossa taglia e gli attacchi di piranha alle persone sono rari

Sebbene i piranha siano attratti dall’odore del sangue, la maggior parte delle specie cerca carcasse più di quanto uccida. Circa 12 specie chiamate Catoprion mento (genere Catoprion) sopravvivono esclusivamente a bocconcini strappati dalle pinne e dalle squame di altri pesci, che poi nuotano liberi per guarire completamente.

Pesci pietra

pesce pietra pesci più pericolosi
Pesce pietra (Foto Flickr)

I pesci pietra sono pesci marini velenosi classificati nel genere Synanceja e nella famiglia Synancejidae, che si trovano nelle acque poco profonde dell’Indo-Pacifico tropicale. Sono pesci lenti da fondale, che vivono tra rocce o coralli e in pianure di fango ed estuari. Pesci grossi, con grandi teste e bocche, occhi piccoli e pelli irregolari coperte di grumi simili a verruche e, a volte, lembi carnosi, si appoggiano sul fondale immobili, fondendosi quasi esattamente con l’ambiente circostante in forma e colore.

Sono pesci pericolosi. Difficili da vedere, quando calpestati possono iniettare una quantità di veleno le attraverso scanalature nelle loro spine della pinna dorsale. Le ferite prodotte da questi pesci sono molto dolorose e talvolta fatali. Anche la famiglia Synancejidae comprende alcune altre specie di pesci robusti e verrucosi. Sono anche velenosi, anche se non così famosi come i pesci pietra che restano pesci più pericolosi.

Anguilla elettrica

anguilla elettrica flickr
Anguilla elettrica: al primo posto tra i pesci più pericolosi (Foto Flickr)

L’anguilla elettrica (Electrophorus electricus) è un pesce sudamericano allungato che produce una potente scossa elettrica per stordire la sua preda, di solito altri pesci. Lunga, cilindrica, senza squame e di solito grigio-marrone (a volte con una parte inferiore rossa), l’anguilla elettrica può crescere fino a 2,75 metri e pesare 22 kg

La regione della coda costituisce circa i quattro quinti della lunghezza totale dell’anguilla elettrica, che è delimitata lungo la parte inferiore da una pinna anale ondulata che viene utilizzata per spingere il pesce. Nonostante il suo nome, non è una vera anguilla ma è imparentata ai caraciformi, genere che include piranha e pesci neon

L’anguilla elettrica è uno dei principali predatori acquatici della foresta inondata dalle acque del bacino del Rio delle Amazzoni, nota come “varzea”. In un sondaggio sui pesci di una tipica varzea, le anguille elettriche costituivano oltre il 70% della biomassa di pesce. L’anguilla elettrica è una creatura lenta che preferisce acqua dolce a movimento lento, dove affiora ogni pochi minuti per ingoiare aria. La bocca dell’anguilla elettrica è ricca di vasi sanguigni che le consentono di usare la bocca come un polmone.

La propensione dell’anguilla elettrica a scuotere la sua preda potrebbe essersi evoluta per proteggere la sua bocca sensibile dalle lesioni da pesci in difficoltà, spesso spinosi. La preda scioccata è folgorata abbastanza a lungo da essere risucchiata attraverso la bocca direttamente allo stomaco. A volte l’anguilla elettrica non si preoccupa di stordire la preda, ma semplicemente la deglutisce più velocemente di quanto la preda possa reagire.

Le scariche elettriche dell’anguilla possono essere utilizzate per impedire alla preda di scappare, o indurre una contrazione nelle prede nascoste che fa sì che la preda riveli la sua posizione. La regione della coda contiene gli organi elettrici, che sono derivati dal tessuto muscolare innervosito dai nervi spinali e scarica 300–650 volt, una carica abbastanza potente da scuotere anche gli umani, per questo sono al primo posto tra i pesci più pericolosi. Questi organi possono anche essere usati per aiutare la creatura a navigare e per comunicare con altre anguille elettriche.

Potrebbe interessarti anche:

F. B.