Home Gatti Giochi e passatempi pericolosi per i gatti: tutti quelli da evitare

Giochi e passatempi pericolosi per i gatti: tutti quelli da evitare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:13
CONDIVIDI

I gatti sono dei gran giocherelloni: ma quali sono i giochi pericolosi che non dovrebbero assolutamente fare? Tutti gli oggetti vietati.

Giochi pericolosi per gatti
Giochi pericolosi per gatti: quali oggetti dovrebbe evitare e perché

Passare del tempo a giocare con il nostro gatto è uno dei motivi principali forse per cui in molti lo scelgono come animale domestico: è divertente stare insieme e utilizzare anche alcuni giochi fatti apposta per lui. Eppure ci sono degli oggetti che piacciono al felino ma che sono assolutamente sconsigliati per la sua salute, anzi possono essere addirittura pericolosi. Vediamo insieme quali sono i passatempi che dovremmo tenere alla larga dal nostro amico a quattro zampe.

Il gatto: un vero giocherellone!

Il gatto ama giocare a qualsiasi età: l’istinto goliardico e ludico del gatto cucciolo verrà mantenuto intatto anche quando il gatto sarà adulto, e se non vediamo un gatto anziano muoversi e correre è solo per gli acciacchi dell’età, non di certo per il suo spirito. Il gioco non è solo un passatempo per dare una mossa a una vita sempre monotona (sebbene i gatti amino la routine quotidiana e ne sono molto gelosi), ma è per loro anche uno sfogo per non accumulare stress e nervosismo. Gioca con tutto, dai rami alle foglie delle piante ornamentali (attenzione alle piante tossiche), ma se noi ci preoccupiamo di fornirgli dei giocattoli adatti alle sue esigenze, di certo non correremo alcun rischio per la sua salute.

Può capitare di vederlo farsi le unghie sul nostro divano, quindi è bene mettere al riparo dai graffi il mobilio e l’intero arredamento, ma anche tende e piante: magari compriamogli un tira-graffi, su cui potrà affilarsi le unghie e arrampicarsi. Addirittura il colosso svedese Ikea ha provveduto ad allestire una sezione con tutto gli oggetti per le esigenze dei nostri animali domestici. Inoltre è assolutamente consigliato affidarsi ai prodotti conformi alle normative vigenti sulla sicurezza dei nostri Pet.

Giochi pericolosi per i gatti: le caratteristiche ideali del giocattolo

Giochi pericolosi per gatti
Giochi pericolosi per gatti: anche le palline possono essere tra i giochi ‘incriminati’

Prima di dare un’occhiata a tutti i giochi vietati, o oggetti che rivestono tale funzione, è bene conoscere tutte le caratteristiche che il giocattolo ideale per il nostro amico felino dovrebbe avere. Innanzitutto il materiale deve essere resistente e non tossico: le sue parti non dovrebbero mai staccarsi sebbene siano soggette ad usura. Quando inizieranno a perdere piccole parti potrebbe essere pericoloso e quindi meglio metterli da parte. Anche quando si tratta di prodotti a norma è meglio che siano usati sotto la sorveglianza del padrone, che potrà intervenire subito se necessario. Non bisogna inoltre utilizzare i prodotti in modo diverso da come sono stati concepiti: in caso contrario, sebbene si tratti di un prodotto integro e che rispetta le norme, potrebbe danneggiare ugualmente il felino.

Se il giocattolo è composto da una cordicella legata al pezzo centrale potrebbe ingerirla, oppure se contiene delle piume che possono facilmente staccarsi, facciamo attenzione che il gatto non le metta in bocca e soffocare. Quando avrà finito di giocare è bene riporre tutti i giochi e i suoi oggetti in un contenitore non alla sua portata, così da non essere utilizzati senza il nostro controllo.

Giochi pericolosi per i gatti: tutti quelli da evitare

Corde, piume, ma anche tappi in plastica sono tra gli oggetti preferiti dei nostri gatti: tanto divertenti quanto pericolosi perché potrebbero essere facilmente ingeriti e soffocare il felino, tanto da richiedere l’immediato intervento del veterinario. Infatti per sua stessa conformazione, la lingua del gatto è ricoperta da uncini rivolti all’indietro, che tendono a intrappolare ogni cosa. Anche per questo il gatto riesce a provvedere benissimo da solo alla sua pulizia, proprio grazie alla sua lingua appunto. Se per sbaglio ingerisce un pezzo di corda o un pezzo solido di forma allungata, esso potrebbe spostarsi lungo l’intestino e contorcerlo: a quel punto l’unica opzione possibile sarà l’intervento chirurgico per la rimozione dell’oggetto. Vediamo nel dettaglio quali sono i giochi assolutamente vietati per il nostro gatto, in modo da tenerli ben alla larga dalle sue zampe.

Elastici

Soprattutto le donne usano elastici per legarsi i capelli: ebbene questi sono tra i ‘giochi’ preferiti del nostro gatto, forse proprio per la particolarità di allungarsi e restringersi. Sebbene le sue dimensioni possano essere davvero irrisorie, l’elastico è in realtà molto pericoloso per il gatto. Se ingerito può provocare soffocamento e a gravi disturbi all’apparato intestinale del gatto. Se proprio vuole toccarlo, non lasciamolo mai giocare da solo con l’elastico e cerchiamo di distrarlo appena ne avremo l’occasione. Stesso discorso vale per i fili sottili in plastica che servono a richiudere i sacchetti della raccolta differenziata. Come l’elastico per capelli, anche lo spago ingerito può causare blocchi intestinali o depositarsi alla base della lingua o al piloro.

Gomitolo di lana

L’immagine tipica del gatto che gioca con il gomitolo di lana in realtà è più insidiosa di quello che sembra. Se mette in bocca la lana, questa si accumula in piccole quantità nel suo stomaco con risultati disastrosi per la sua salute.

Fili elettrici

Spesso quando i gatti non hanno nulla con cui giocare si divertono a tirare, toccare e mordere i fili elettrici di elettrodomestici e apparecchi che in una casa non mancano mai. Meglio quindi distrarli con giochi molto più adatti alle loro esigenze, per evitare che possa restare fulminato a contatto con questi pericolosi fili collegati alla corrente.

Topi giocattolo

Se sotto forma di peluche, spesso con parti piccole in plastica che possono essere ingerite, questi simpatici topolini sono spesso molto graditi dai gatti. la cosa migliore da fare è eliminare le parti piccole che possono essere inalate o mangiate dal felino e poi lasciarli giocare. Ai gatti piace molto la forma del topo poiché risveglia il loro istinto di predatore con la preda da agguantare. Anche per i topi a batteria, che si muovono simulando la corsa del topo e innescando un’inevitabile ‘caccia al topo’ da parte del gatto, devono essere sempre usati sotto lo stretto controllo dell’umano. Infatti se il gatto viene a contatto con la batteria potrebbe avere un’intossicazione.

Buste e sacchetti

Come per i bambini, sacchetti in plastica e buste sono spesso oggetto di attenzione del micio. Il rischio è che possa restarvi incastrato e soffocare, soprattutto a causa dei lacci. Anche masticarne il materiale non fa certo bene alla sua salute.

Palline

Innanzitutto fare attenzione alle dimensioni: non devono essere troppo piccole da essere ingerite o inalate, quindi al bando le biglie in vetro. Preferiamo le palline da golf o da ping pong e lasciamoci giocare il gatto, magari in un ambiente recintato. Se si tratta di palline di polistirolo è meglio starne alla larga poiché potrebbero soffocare se si staccano le loro particelle.

La mano del padrone

Se avete abituato il vostro gatto a innescare zuffe e lotte con la vostra mano, quando sarà adulto ve ne pentirete. La vostra mano non è un gioco e il micio deve abituarsi a non trattarla come tale, proprio per evitare di ferirvi quando diventerà più forte e le sue unghie più dure e affilate.

Giochi pericolosi: cosa fare se ne ingerisce uno

Può capitare che in un momento di disattenzione o di superficialità da parte del padrone il gatto ingerisca un giocattolo o parte di esso. Per evitare di peggiorare la situazione è bene chiamare immediatamente il veterinario e spiegargli la situazione, magari portandolo al pronto soccorso veterinario più vicino se notiamo i primi segnali di soffocamento. Se vediamo un filo che penzola dalla bocca del micio dobbiamo resistere alla tentazione di tirarlo: questo perché spesso il filo può attorcigliarsi attorno all’intestino e il nostro tirare può provocare danni e perforazioni, anche con conseguenti emorragie interne.

Quando il gatto ingerisce un oggetto potrebbe presentare i seguenti sintomi: inappetenza, vomito, blocco intestinale e stipsi oppure diarrea, senso generale di debolezza e spossatezza, febbre, disidratazione e letargia. Generalmente quando un gatto ingerisce un corpo estraneo il solo rimedio possibile è l’intervento chirurgico che non solo estrae l’oggetto ma cerca anche di riparare i danni creati dal suo passaggio, prima che l’intestino sia a rischio di necrosi.

LEGGI ANCHE: Mal di gola nel gatto: cause, sintomi, rimedi e consigli

Come capire se il gatto sta male: 8 segnali da non sottovalutare

F.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI