Home News Animali, #restiamoacasa: posso portare la tartaruga dal veterinario

Animali, #restiamoacasa: posso portare la tartaruga dal veterinario

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:53
CONDIVIDI

Con le restrizioni del Governo e la chiusura delle attività per limitare il contagio, molte persone sono preoccupate per i loro animali domestici. Sul tema è intervenuto l’ordine nazionale dei veterinari che assicura il servizio per i casi d’urgenze. 

come portare la tartaruga dal veterinario ( foto iStock)
come portare la tartaruga dal veterinario ( foto iStock)

Le indicazioni dell’ordine dei veterinari sulle attività ambulatorie in funzione del decreto “restiamo a casa” sono molto esplicite e fanno chiarezza sui timori dei proprietari di animali.

La pandemia da coronavirus si sta estendendo in molti paesi e sale il panico nella popolazione mondiale. L’Italia sta fronteggiando una vera e propria emergenza e ogni giorno, il bollettino dei pazienti colpiti da Covid-19 aumenta. Il Governo ha introdotto delle norme con il decreto del 9 marzo 2020, soprannominato “Decreto Iorestoacasa“, che limita le attività e il movimento dei cittadini per contenere il rischio contagio. Tuttavia, la chiusura delle attività commerciali non riguarda le attività che riguardano lo stato di prima necessità. Sono pertanto garantiti le attività zootecniche e gli alimenti per gli animali nonché i servizi degli ambulatori veterinari per le urgenze.

Non solo animali domestici ma anche da redditto. Le associazioni animaliste hanno voluto rassicurare sul fatto che sono tutelati i diritti di questi animali per cui sono concessi gli spostamenti anche in altri comuni per provvedere agli animali che sono sui terreni. Tuttavia, negli ultimi anni sono aumentati anche i nuovi animali da compagni: roditori, rettili e volatili. E’ quindi una necessità e un dovere prendersi cura di loro.

–> Quanto cresce una tartaruga? Tutto ciò che c’è da sapere
–> Portare la tartaruga dal veterinario? Ecco come fare

Posso portare la tartaruga dal veterinario

Una curiosa tartaruga (Foto Pixabay)
Una curiosa tartaruga (Foto Pixabay)

All’indomani dell’entrata in vigore del Decreto del 9 marzo, la Fnovi -Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani ha subito tenuto a rassicurare la popolazione e i proprietari di animali sui servizi veterinari. L’ordine dei veterinari ha infatti confermato che restano attivi gli ambulatori per le emergenze: operazioni e patologie più urgenti possono essere seguite. Rinviati vaccini e visite di controllo.

Regole valide anche per i nuovi animali da compagnia roditori, rettili e volatili.

Come qualsiasi altre specie più diffuse delle quali si parla sempre come cani e gatti, anche per le altre specie sono garantite le cure che siano tartarughe

Tuttavia, la scelta è rimandata al singolo professionista titolare dello studio. Garantite invece le attività di farmacie e parafarmacie per i farmaci ad uso veterinario.

Quindi, l’ordine dei veterinari ha specificato che solo in caso di operazione o situazione grave per cui l’animale necessita di cura è possibile portare il proprio animale domestico gatto/cane presso un ambulatorio anche in un altro comune.

Soprattutto per quanto riguarda alcune specie, come rettili o volatili, gli ambulatori specializzati sono rari e spesso sono lontani o presenti in altri comuni. L’autocertificazione è esplicita: gli spostamenti devono essere per uno “stato di necessità”. La salute di un animale anche di una piccola tartaruga, rientra in questa categoria.

Nel caso in cui un animale deve essere operato è suggerito portare insieme all’autocertificazione anche un certificato medico da chiedere allo stesso veterinario.

Speciale animali zona rossa–>

C.D.