Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili Anatra Mandarina: caratteristiche, alimentazione e habitat

Anatra Mandarina: caratteristiche, alimentazione e habitat

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:41
CONDIVIDI

L’anatra mandarina è tra le Anatidae con il piumaggio più colorato al mondo. Vediamo le caratteristiche, la riproduzione, l’habitat e l’alimentazione di questi uccelli.

anatra mandarina
L’anatra mandarina ( Aix Galericulata ) è un esotico uccello anseriforme appartenente alla famiglia delle Anatidi.(Foto Pixabay)

L’anatra mandarina ( Aix Galericulata ) è un esotico uccello anseriforme appartenente alla famiglia delle Anatidi. È comunemente conosciuta come l’anatra dell’amore e si distingue per i suoi spettacolari colori del suo piumaggio. È un uccello molto apprezzato per la sua grande bellezza.

Grazie alle sue piume dai colori vivaci, l’anatra mandarina, fu introdotto nel XIX secolo in Gran Bretagna come uccello ornamentale per decorare gli spazi acquatici nei parchi inglesi. In Asia, la specie rappresenta il simbolo della lealtà. Esiste però anche una sottospecie di anatra mandarina il cui piumaggio è totalmente bianco.

Questa specie è considerata domestica. L’anatra Mandarina è uno degli uccelli più popolari da adottare come animale domestico esotico grazie principalmente ai suoi splendidi colori, oltre a prendersi cura di sé. È un uccello molto socievole e pacifico. Di solito crea ottimi collegamenti con il suo proprietario.

Si adatta perfettamente al clima, ma comunque dovresti assicurargli un buon rifugio per l’inverno, come farebbe lei in natura. Ha bisogno di un luogo chiuso dove può rifugiarsi e di una zona di balneazione, oltre a un’area dove nascondersi.

È molto facile da allevare, è essenziale offrire all’anatra, una piccola pozza d’acqua dolce (è necessario che l’acqua sia sempre pulita e fresca), con una dimensione minima di 2 m² e una profondità da 30 a 50 cm, oltre a un prato e un recinto per evitare che possano scappare o essere uccise da predatori.

Caratteristiche dell’anatra mandarina

anatra
Nella femmina, invece il piumaggio è più opaco rispetto al corpo maschile.(Foto Pixabay)

L’anatra mandarina è un uccello considerato di taglia media, poiché misura tra 40-50 cm. Per quanto riguarda il peso, i maschi pesano tra 570-695 gr e le femmine 425-610. Ha un’aspettativa di vita che va da i 10 a ai 15 anni.

Nel maschio il piumaggio è colorato durante il periodo riproduttivo, testa verde e rossa, guance bianche, corpo beige, strisce bianche e nere sul lato, ali marrone-arancio, parte inferiore bianca, becco rosso, gambe arancioni. Nella femmina, invece il piumaggio è più opaco rispetto al corpo maschile, da grigio-beige a marrone e macchiato di marrone scuro e bianco, addome bianco, testa marrone, becco marrone.

Sia i maschi che le femmine hanno la cresta, ma la cresta viola è più pronunciata nel maschio. Come molte altre specie di anatre, il maschio dopo la stagione degli amori nel piumaggio muta. Nel piumaggio da muta, il maschio sembra simile alla femmina, ma si distingue per il becco giallo, arancione o rosso vivo, l’assenza di una cresta e una striscia oculare meno pronunciata.

Per quanto riguarda le ali dell’anatra mandarina sono eccezionali anche per le loro dimensioni e i loro colori (marrone e arancione). Inoltre ha una coda nera abbastanza lunga. Gli anatroccoli di mandarina invece, sono quasi identici nell’aspetto agli anatroccoli di legno e molto simili agli anatroccoli di anatre germano reale.

Habitat e riproduzione

anatra
I giovani nascono con gli occhi aperti e le piume.(Foto Pixabay)

L’anatra mandarina, vive in ambienti boschivi vicino a zone umide, stagni, laghi, fiumi, paludi. È un timido uccello esotico, di solito si nasconde nella fitta vegetazione dei fiumi. A differenza della maggior parte delle anatre, l’anatra mandarino può essere individuata su rami di alberi o su scogliere costiere. Originaria dell’Asia orientale mentre in Russia e in Cina questa specie è stata del tutto eliminata.

Per fortuna invece in Giappone si stima un discreto numero di questi uccelli e qualche colonia anche in Inghilterra. Ma è possibile vederla anche in Belgio, Paesi Bassi, Italia e Svizzera. La riproduzione inizia con il corteggiamento da parte del maschio che si mostra alla femmina gonfiando le piume e raddrizzandosi. Una volta che la femmina ha selezionato un maschio, si accoppierà con lui più volte al giorno per circa 15 giorni.

Durante la primavera, le femmine depongono le loro uova nelle cavità degli alberi dopo l’accoppiamento e sono da 9 a 12 uova che cova tra 28 e 30 giorni. I maschi non partecipano alla cova, lasciando la femmina sola nella cura delle uova.

Tuttavia, a differenza di altre specie di anatre, il maschio non abbandona affatto la femmina, la lascia solo temporaneamente fino alla nascita dei pulcini. I giovani nascono con gli occhi aperti e le piume. Pochi giorni dopo sono pronti a nutrirsi, ma fino a 45 giorni non imparano a volare.

Subito dopo la nascita degli anatroccoli, la femmina vola di nuovo a terra e richiama gli anatroccoli a saltare fuori dal nido. Dopo che tutti gli anatroccoli sono fuori dall’albero, seguono la madre fino al più vicino specchio d’acqua dove di solito incontrano il padre, che si occuperà degli anatroccoli insieme alla madre.

Alimentazione dell’anatra mandarina

anatra
L’anatra mandarina adora i frutti dei faggi, ma l’alimentazione di questo uccello si può definire varia. (Foto Pixabay)

L’anatra mandarina adora i frutti dei faggi, ma l’alimentazione di questo uccello si può definire varia, poiché si nutre di diverse specie di molteplici piante acquatiche e terrestri, oltre a semi e noci. Anche se tutto è relativamente gestito dalle stagioni, in autunno e in inverno si nutrono solitamente di vari cereali e ghiande.

In primavera la dieta consiste in insetti, pesci e piccole lumache. Generalmente questo uccello va alla ricerca del cibo al tramonto o all’alba, rimanendo appollaiata sui rami degli alberi o sul terreno per il resto della giornata.

È un’anatra robusta che non richiede particolari cure o attenzioni e per alimentarla in cattività dovresti fornirle del cibo come: crusca, purea, farina di pesce, pane bagnato e di tanto in tanto formiche e vermi e poi provvedere alla pulizia del cibo rimasto per evitare la formazione di batteri.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link: