Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili Malattie dell’anatra: cause, sintomi e cura

Malattie dell’anatra: cause, sintomi e cura

CONDIVIDI

Come tutti gli esseri viventi, l’anatra è soggetta a malattie a causa della rusticità e della vita in piena libertà. Ma vediamo quali sono le malattie dell’anatra: le cause, i sintomi e la cura.

Anatra
Anatra animale rustico e forte, ma comunque soggetto a malattie (Foto da Pixabay)

Fortunatamente, la moderna medicina veterinaria scopre nel tempo, nuovi mali e quando non li scopre, è perché sono già noti. Ma quali sono le principali malattie dell’anatra che possono colpire questi animali e quali i rimedi che possono essere adottati per guarirli. Vediamo insieme quindi, quali le malattie più frequenti delle anatre.

Malattie dell’anatra

Anatra
Anatra nel laghetto (Foto da Pixabay)

Ulcera gialla

L’ulcera gialla è una malattia che si manifesta nella mucosa orale dell’animale, determinando la formazione di un materiale burroso che di solito si accumula sotto la lingua, a volte si estende alla glottide riuscendo a bloccarla provocando asfissia, ma nonostante sia una malattia molto contagiosa, è fra i mali facilmente guaribili.

Spesso, è sufficiente un trattamento locale lavando la bocca con aceto di mele e rimuovendo la materia burrosa disinfettando il luogo in cui si trovava con una tintura di iodio, utilizzando un batuffolo di cotone, legato ad una pinzetta. L’operazione deve essere ripetuta per tre o quattro giorni, ma il trattamento ha effetti sicuri, a meno che, non si sia intervenuti troppo tardi e la malattia sia già molto diffusa.

Diarrea e costipazione

Tra le malattie dell’anatra, c’è la diarrea, sintomo comune a tanti animali(per esempio il coniglio), come per esempio abbiamo già visto per la diarrea del cane. È solitamente causata da un eccesso di verdure o erba eccessivamente acquose, foraggi bagnati, nonché da cereali o altri alimenti danneggiati, ma altre volte è motivato dall’esistenza di vermi nell’intestino.

Procedere con lo spurgo utilizzando con olio di ricino, seguire la dieta con pane e acqua e naturalmente un cambio al momento radicale di cibo. La diarrea a volte si presenta in una forma di dissenteria, con feci sanguinolente, a causa dell’infiammazione dell’intestino.

In questo caso si consiglia, ovviamente, la dieta con pane e acqua. Per quando riguarda invece, la costipazione è derivante, in genere, dall’eccesso di cereali, alimento pericoloso come abbiamo visto anche per il cane, somministrati senza macinare  o anche dall’ingerimento di sostanze non digeribili, come la crusca d’avena.

La costipazione può essere combattuta con lavaggi a olio di mandorle dolci. Nel caso di un’ostruzione causata da sfere di escrementi indurite e trattenute nell’ultima sezione del retto, introducendo il dito attraverso l’ano dell’animale, si può tentare di distruggerle o frammentarle per facilitare la loro espulsione. È anche possibile somministrare purgante all’olio di ricino o soda solfato (due o tre grammi in un cucchiaio d’acqua grande).

Capogiri

Anatre e oche sono inclini a vertigini, a volte causate da effetti cerebrali (ictus, meningite, ecc.)e talvolta dalla presenza di parassiti. Qualunque sia la causa, è seria, e poiché non ha cura, è meglio sacrificare l’uccello. Esistono tecniche per alleviare il problema dell’animale, ma non lo cura, perché la causa rimane.

Crampi

Le articolazioni si gonfiano, gli animali non possono camminare e di solito presentano diarrea. Si tratta di una manifestazione artritica infettiva, molto comune nelle anatre. Gli uccelli adulti, rispetto ai cuccioli, sono di solito refrattari.

Diventa davvero un problema oltre a pericoloso, che a volte duri a lungo fino ad arrivare alla forma cronica. Quando si presenta non c’è niente da fare, poiché quasi tutte le anatre affette muoiono rendendosi pelle e ossa.

Anomalie e incidenti negli organi genitali

Queste anomalie o se vogliamo chiamarli anche incidenti, sono gli stessi che di solito si registrano nei polli, come la postura laboriosa, il prolasso dell’ovidotto, l’ernia di questo organo, provoca la postura intra-addominale, cioè la caduta dell’uovo nell’addome e la deposizione di uova anormali.

Malattie dell’anatra più frequente: l’aspergillosi

La patologia più frequente prende il nome di aspergillosi, la quale viene trasmessa da un fungo che contagia principalmente gli esemplari giovani: questa malattia intacca le vie respiratorie, in particolare i polmoni rendendo la respirazione dell’animale difficoltosa. In questo caso l’animale emette una serie di gorgoglii e fa fatica a respirare.

Malattie dell’anatra dovute ai parassiti

parassiti intestinali cane

Come tacchini e galline, anatre e oche, vivendo all’aperto nei campi, ingeriscono organismi pericolosi, che poi vivono e si riproducono nei loro corpi, determinando spesso gravi condizioni di salute e causandone la morte.

Nelle anatre, a volte si verifica la coccidiosi renale, a causa dell’arrivo dei coccidi che attraversano le pareti intestinali e del loro arrivo nei reni da parte del sangue, fino ad arrivare nell’uretra o nelle tube urinarie. Gli uccelli grazie a questi parassiti, perdono peso rapidamente, camminano in modo disordinato e con difficoltà, sono sempre sdraiati e appoggiati sul ventre.

Le anatre inoltre sono molto inclini alla presenza di tenia, come abbiamo potuto leggere nel nostro articolo su la tenia nel gatto, le quali infettano il sangue di alcuni insetti che, se ingeriti dagli uccelli o perché vengono morsi, trasportano il parassita nel loro sangue, agendo così da portatori di esso. Altri parassiti del pollame sono gli spirochete, di cui ogni specie ha il suo.

Il parassita delle anatre è l’auserina spirochette. Gli spirochete sono parassiti del sangue, che vengono trasmessi dal morso di insetti. Altro parassita è il pidocchio rosso, presente nelle penne sporche dell’anatra, in una presenza alquanto abbandonate, ed è uno dei fattori più frequenti della capirochetosi.

Infine il tricosoma, parassita che si introduce nella mucosa e nella sottomucosa dell’esofago, paralizzando la sua funzione e causando ritenzione di cibo. Ciò non deve essere confuso con esofagite o embuchadura, causati ​​dall’accumulo di cibo. Quando si tratta di questo parassita, il male non ha rimedio, non esiste una cura nota per questo male.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI