Home Gatti Salute dei Gatti Malattie dei polmoni nel gatto: come riconoscerle e curarle in tempo

Malattie dei polmoni nel gatto: come riconoscerle e curarle in tempo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:04
CONDIVIDI

I nostri mici possono purtroppo ammalarsi come noi. Le malattie dei polmoni nel gatto vanno riconosciute in tempo, per curarle nel miglior modo.

malattie dei polmoni nel gatto
Malattie dei polmoni nel gatto (Foto AdobeStock)

Come noi umani, anche i gatti possono ammalarsi di malattie legate ai polmoni. Ed è importante comprendere in tempo utile quali problemi ha il nostro micio, per intervenire in tempo utile e risolverli assieme al nostro veterinario. Il sistema respiratorio è costituito dalle vie aeree grandi e piccole e dai polmoni. Quando un gatto respira aria attraverso il naso o la bocca, l’aria viaggia lungo la trachea, che si divide nei tubi noti come bronchi destro e sinistro, quindi nelle vie aeree più piccole chiamate bronchioli nei polmoni. I bronchioli terminano nelle piccole sacche chiamate alveoli, dove la barriera tra l’aria e il sangue è una sottile membrana.

I polmoni e le vie respiratorie in un gatto

Gatti dieci curiosità
I polmoni e le vie respiratorie in un gatto. (Foto Pixabay)

La funzione più importante del sistema respiratorio è quella di fornire ossigeno nel sangue, che lo distribuisce in tutto il corpo e rimuovere l’anidride carbonica dal sangue. Lo scambio di ossigeno e anidride carbonica avviene negli alveoli. Quando questo scambio fallisce o diventa inefficiente a causa della malattia, l’animale può ammalarsi gravemente. Il sistema respiratorio protegge le sue delicate vie aeree riscaldando e umidificando l’aria inalata e filtrando le particelle.

Le grandi particelle disperse nell’aria di solito atterrano sul rivestimento mucoso dei passaggi nasali, della laringe, della trachea e dei bronchi, dopodiché vengono trasportate alla gola per essere ingerite o tossite. Le piccole particelle e i microrganismi vengono distrutti dal sistema immunitario del corpo. Le vie aeree superiori proteggono anche il corpo in altri modi e forniscono il senso dell’olfatto.

Sebbene le funzioni di base siano le stesse, l’anatomia del tratto respiratorio varia tra le specie. Ad esempio, i sistemi respiratori di cani e gatti sono in qualche modo simili tra loro, ma differiscono dai sistemi respiratori di cavalli e umani. Queste differenze spiegano in parte perché alcune malattie colpiscono solo alcune specie di animali.

Quando il livello di ossigeno nel sangue è troppo basso (una condizione chiamata ipossia o anossia), l’animale mostrerà segni di difficoltà respiratoria. Bassi livelli di ossigeno possono essere causati dalla ridotta capacità di trasporto di ossigeno delle cellule del sangue, dalla riduzione del flusso sanguigno attraverso i polmoni e dal corpo, dallo spostamento insufficiente dei gas dentro e fuori i polmoni o dall’incapacità dei tessuti di utilizzare l’ossigeno disponibile (una condizione causata da alcuni veleni).

Il corpo dell’animale tenta di compensare il basso livello di ossigeno nel sangue aumentando la profondità e la frequenza della respirazione, aumentando la contrazione della milza (per forzare la circolazione di più globuli rossi) e aumentando il flusso sanguigno e la frequenza cardiaca. Se il cervello soffre di mancanza di ossigeno, la funzione respiratoria può essere ulteriormente ridotta, a causa della depressione dell’attività del sistema nervoso. Inoltre, le funzioni del cuore, dei reni e del fegato possono essere ridotte, così come i normali movimenti e le secrezioni dell’intestino. Se il corpo non è in grado di compensare il ridotto livello di ossigeno, può iniziare un circolo vizioso in cui tutti i tessuti del corpo funzionano in modo meno efficiente.

Le malattie respiratorie sono comuni nei gatti. Sebbene segni come tosse e respiro affannoso siano più comunemente causati da problemi alle vie respiratorie, possono anche verificarsi a causa di disturbi di altri sistemi di organi, come l’insufficienza cardiaca congestizia.

Sia gli animali molto giovani che quelli più anziani hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie respiratorie rispetto agli animali adulti sani. Alla nascita, i sistemi respiratorio e immunitario non sono completamente sviluppati; ciò facilita l’ingresso e la diffusione degli organismi patogeni nei polmoni. Negli animali anziani, una diminuzione della capacità dell’animale di filtrare le particelle e combattere le infezioni può rendere i polmoni più vulnerabili agli organismi aerotrasportati e alle particelle tossiche.

Cause dei disturbi polmonari e delle vie aeree

malattie neurologiche gatto
Cause dei disturbi polmonari e delle vie aeree (Foto Unsplash)

I disturbi polmonari e delle vie aeree sono spesso causati da infezione diretta con virus, batteri, funghi o parassiti, nonché da reazioni immunomediate o inalazione di sostanze irritanti o tossiche. Un trauma (come essere investito da un’auto) può portare al collasso di un polmone o delle vie aeree.

Una grande varietà di batteri normalmente vive nei passaggi nasali felini, nella gola, nella trachea e talvolta nei polmoni, senza causare segni di malattia. Infezioni da questi batteri generalmente innocui possono verificarsi quando i meccanismi di difesa respiratoria sono indeboliti da un’altra infezione (come il virus della rinotracheite o calicivirus), irritante (come fumo o gas nocivi) o malattia (come insufficienza cardiaca congestizia o tumori polmonari).

Gli organismi patogeni possono continuare a vivere nel tratto respiratorio degli animali in recupero. Quando stressati, questi animali possono avere ricadute; possono anche fungere da fonte di infezione per altri animali. Cattive pratiche di gestione degli animali, come il sovraffollamento, sono spesso associate a condizioni igieniche e ambientali sfavorevoli, che possono portare a infezioni più frequenti e più gravi. Le condizioni che favoriscono la diffusione delle infezioni si verificano spesso in allevamenti, negozi di animali, strutture per l’imbarco e rifugi.

Gatti domestici dieci curiosità
Anche delle anomalie presenti alla nascita possono causare disfunzioni respiratorie (Foto Pixabay)

Anche delle anomalie presenti alla nascita, come narici ristrette, allungamento del palato molle, palatoschisi e restringimento della trachea, possono causare disfunzioni respiratorie. Tumori, polipi rinofaringei, malattie nasali croniche, danni alle vie respiratorie e collasso della trachea possono causare difficoltà respiratorie e altri segni di malattie respiratorie.

La malattia respiratoria può verificarsi anche quando si accumulano sostanze anomale nella cavità pleurica, lo spazio tra i polmoni e la parete toracica. Queste sostanze includono cellule infiammatorie, aria e fluidi come sangue, chyle (una combinazione di materiale linfatico e grasso), pus e liquido trasparente. L’accumulo di queste sostanze esercita una pressione esterna sui polmoni, ed interferisce con la respirazione.

Segni di disturbi respiratori e malattie dei polmoni nel gatto:

  • Scarico dal naso (muco, pus o sangue, a seconda della causa)
  • Tosse, che può essere secca o può includere muco o sangue
  • Respirazione rapida (non sempre un segno di malattia, come negli animali sani dopo l’esercizio)
  • Respiro affannoso o difficile
  • Fiato corto
  • Segni di dolore associati all’inspirazione o all’espirazione
  • Rumore (simile ad un grugnito) associato alla respirazione

Diagnosi dei disturbi polmonari e delle vie aeree

gatto thai
Diagnosi dei disturbi polmonari e delle vie aeree. (Foto Adobe Stock)

La storia del nostro animale domestico e l’esame fisico del veterinario aiuteranno a determinare la possibile causa e il sito delle malattie dei polmoni nel gatto. Le radiografie del torace e del collo possono essere utili quando si sospetta una malattia ostruttiva delle vie aeree superiori o un’ostruzione delle vie aeree (ad esempio, da un oggetto estraneo). Le radiografie del torace vengono in genere eseguite per i gatti che presentano segni respiratori inferiori, come tosse, respirazione superficiale rapida o respiro affannoso. L’analisi dei gas nel sangue o la pulsossimetria misurano la quantità di ossigeno nel sangue e possono aiutare a valutare la necessità di ossigenoterapia in un animale con respiro affannoso grave.

Quando si sospetta una malattia ostruttiva delle vie aeree superiori, il veterinario può utilizzare vari scopi per visualizzare naso, gola e vie respiratorie. Quando si sospetta una delle possibili malattie dei polmoni nel gatto, il veterinario vorrà esaminare il contenuto del polmone e le sue vie respiratorie.

Questo può essere fatto bagnando la trachea o le sacche d’aria con un fluido sterile ed esaminando il contenuto del fluido recuperato; queste procedure sono chiamate rispettivamente lavaggio transtracheale e lavaggio broncoalveolare. Quando si sospetta la polmonite batterica, la coltura batterica del lavaggio transtracheale o del liquido di lavaggio broncoalveolare può rivelare quali tipi di batteri sono presenti. L’analisi microscopica del fluido dai polmoni può anche aiutare nella diagnosi di malattie polmonari fungine, parassitarie o allergiche.

gatto veterinario peperoncino
L’accumulo di liquidi nella cavità pleurica può essere un segno di malattie cardiache  (Foto AdobeStock)

Nei gatti con un accumulo di liquido nella cavità pleurica, un campione del fluido accumulato viene spesso rimosso usando un ago (toracentesi), quindi valutato al microscopio. L’accumulo di liquidi nella cavità pleurica può essere un segno di malattie cardiache nei gatti, quindi può anche essere eseguita l’ecocardiografia.

Un naso che cola, starnuti o entrambi possono suggerire la presenza di infezione virale o batterica, o un tumore, o un oggetto estraneo nel naso. I casi persistenti possono richiedere un esame aggiuntivo mediante radiografia, tomografia computerizzata (TC), esame con un endoscopio o un campione di tessuto nasale. La valutazione microscopica del tessuto nasale può aiutare a diagnosticare le infezioni fungine. Gli esami del sangue per le infezioni respiratorie fungine e altre condizioni sono talvolta utilizzati in aggiunta ad altri test ed esami.

Controllo delle condizioni respiratorie

malattie dei polmoni nel gatto
Controllo delle condizioni respiratorie (Foto AdobeStock)

Improvvisi cambiamenti nella dieta, svezzamento, freddo, correnti d’aria, umidità, polvere, scarsa ventilazione e la miscelazione di diverse fasce di età svolgono un ruolo nelle malattie respiratorie in gruppi di animali. Tra questi, ovviamente parliamo anche delle malattie dei polmoni nel gatto.

Lo stress e la miscelazione di animali provenienti da più fonti dovrebbero essere evitati, o minimizzati se possibile. L’immunizzazione può aiutare a controllare alcuni tipi di infezione respiratoria; tuttavia, non sostituisce le condizioni ambientali adeguate e la cura degli animali.

Trattamento generale dei disturbi polmonari e delle vie aeree

malattie dei polmoni nel gatto
I trattamenti per le malattie dei polmoni nel gatto (Foto AdobeStock)

Tra le malattie dei polmoni nel gatto, i disturbi respiratori spesso comportano la produzione di secrezioni in eccesso nel sistema respiratorio (ad esempio nel naso e nei polmoni) che l’animale interessato potrebbe non essere in grado di rimuovere senza assistenza. Un obiettivo del trattamento veterinario è ridurre il volume e lo spessore delle secrezioni e renderne più semplice la rimozione. Ciò può essere ottenuto controllando l’infezione, assottigliando le secrezioni e, se possibile, migliorando il drenaggio e rimuovendo il materiale.

Gli animali con disturbi respiratori dovrebbero normalmente ricevere molta acqua se non diversamente indicato dal veterinario. L’aggiunta di umidità nell’aria può facilitare la rimozione delle secrezioni delle vie aeree. I medicinali per la tosse (espettoranti) sono talvolta usati per ridurre le secrezioni e facilitare la tosse dell’animale; tuttavia, raramente sono utili. Se l’ostruzione delle vie aeree è grave, potrebbe essere necessario aspirare delicatamente grandi quantità di secrezioni dal veterinario.

Quando la tosse non aiuta a rimuovere il muco (una tosse non produttiva), i farmaci possono essere utilizzati per sopprimere la tosse. L’aumentata resistenza delle vie aeree causata dalla contrazione dei muscoli delle vie aeree bronchiali è talvolta trattata con broncodilatatori, che espandono le vie aeree e possono essere prescritti per animali con condizioni simili all’asma e malattie respiratorie croniche. Gli antistaminici possono essere utilizzati per alleviare la costrizione innescata dalle allergie. La costrizione dei bronchi nei polmoni può anche essere ridotta in modo significativo rimuovendo i fattori irritanti, usando sedativi lievi o riducendo i periodi di eccitazione.

Se è presente un’infezione batterica, vengono spesso somministrati antibiotici. I diuretici (medicinali che aiutano l’organismo a liberarsi del liquido in eccesso) sono talvolta usati quando un animale ha un accumulo di liquido nei polmoni.

Quando una malattia respiratoria provoca una mancanza di ossigeno nel sangue, la condizione può di solito essere corretta dal veterinario che somministra ossigeno. Tuttavia, il trattamento deve essere eseguito con attenzione, poiché troppo ossigeno può causare altri problemi.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello