Home Gatti Salute dei Gatti Quando portare fuori il gattino per la prima volta: l’età corretta per...

Quando portare fuori il gattino per la prima volta: l’età corretta per il gatto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:03
CONDIVIDI

Lasciar uscire il micio può sembrare normale con i gatti adulti. Ma per chi ha appena adottato un cucciolo, è importante sapere quando portare fuori il gattino in sicurezza.

Quando portare fuori il gattino per la prima volta: l'età corretta per il gatto
Quando portare fuori il gattino per la prima volta: l’età corretta per il gatto (Foto AdobeStock)

Quando adottiamo un nuovo micio, ci sembra che sia così fragile e delicato che tutto ci fa paura. Ma è altrettanto vero che effettivamente sono molto a rischio per malattie e situazioni negative che possono influire sul suo benessere psicologico e fisico. Quindi, quando portare fuori il gattino per la prima volta, o lasciarlo uscire fuori casa, senza aver paura per la sua salute? Oggi vedremo quali sono i migliori consigli che possiamo seguire per non aver nessun problema con il micio, e tenerlo al sicuro al meglio, pur potendo avventurarsi fuori casa con o senza di noi.

Quando portare fuori il gattino, e come

gattino adobestock
Quando portare fuori il gattino, e come. (Foto AdobeStock)

Prima di qualsiasi viaggio fuori, vale la pena considerare come intendiamo concedere al nostro gatto l’accesso all’aperto, a lungo termine. Se siamo a casa per lunghi periodi della giornata, potremmo prendere in considerazione la possibilità di consentire l’accesso “su richiesta” tramite la porta sul retro o una finestra posizionata comodamente, ad esempio.

Tuttavia, se siamo fuori al lavoro durante il giorno, potremmo preferire installare una porta per gatti. L’ambiente imporrà quali regole mettere in atto per quanto riguarda eventuali limiti di tempo per l’accesso all’esterno, ma questo sta molto alle nostre decisioni. Potremmo voler tenere al chiuso il gattino alla sera, in modo che possa rimanere in casa di notte, o limitare l’accesso all’esterno nei momenti in cui il traffico può essere più controllato.

In ogni caso, prima di consentire al nostro nuovo micio di uscire all’esterno, dobbiamo assicurarci che disponga di un mezzo di identificazione, un collare ben fissato con una targhetta (che mostra il tuo numero di telefono) o, meglio ancora, un’identificazione con microchip impiantata sotto la pelle del collo (obbligatorio, ormai).

La protezione dalle malattie

gattino adobestock
La protezione dalle malattie (Foto AdobeStock)

A causa della potenziale infezione da malattie come l’enterite o l’influenza del gatto, il nostro gattino non dovrebbe essere autorizzato all’esterno fino ad almeno una settimana dopo aver terminato il suo primo ciclo di vaccinazioni, a circa 13-14 settimane (a seconda del vaccino).

Potremmo quindi lasciarlo esplorare all’esterno, ma solo se è supervisionato. Una volta che è stato completamente vaccinato e si è abituato a vivere in casa, possiamo iniziare a lasciare il gattino fuori un po’ di più. Tuttavia, prima di consentire l’accesso completo al gattino all’aperto, assicuriamoci che sia stato sterilizzato (circa 4 mesi).

Quando portare fuori il gattino sarà consentito, dovremmo anche assicurarci che il giardino sia sicuro per lui, coprendo eventuali stagni, bloccando eventuali buchi nella recinzione e rimuovendo eventuali sostanze o oggetti da giardino potenzialmente pericolosi, come conservanti del legno, insetticidi, strumenti appuntiti ecc.

Abituare il gattino all’esterno

Il sistema immunitario del micio: consigli pratici per migliorarlo
Abituare il gattino all’esterno (Foto Flickr)

È molto utile abituare il gattino ad essere chiamato per venire da noi: possiamo farlo offrendogli piccoli premi in modo che sia felice di rispondere, come ricompensa per il suo corretto comportamento. Avremo così un po’ di controllo quando usciamo fuori per chiamarlo.

Scegliamo una giornata asciutta (se possibile) e un momento tranquillo, quando portare fuori il gattino accompagnandolo, consentendogli di esplorare il nuovo ambiente. I possibili fattori di eccitazione, come altri gatti, cani che potrebbero abbaiare o bambini che urlano nel giardino del vicino, vanno evitare possibilmente, almeno per le prime due escursioni in modo che il gattino possa concentrarsi su di noi e non sia spaventato. 

Continuiamo ad accompagnarlo quando portare fuori il gattino diventa un’abitudine, almeno fino a quando non si abitua a stare in giardino e riesce a tornare a casa senza difficoltà. È meglio non lasciare il gattino fuori da solo fino a quando non ha 6 mesi ed è essenziale che sia castrato (dai 4 mesi di età) prima di consentirgli l’accesso senza sorveglianza.

E per i gatti adulti neo adottati?

gatti siedono quadrato cerchio
Gatto adulto mai stato fuori casa: come gestirlo? (Foto AdobeStock)

Se abbiamo adottato un gatto adulto probabilmente ci sarà stato consigliato di tenerlo in casa per 2-3 settimane per sistemarlo nella sua nuova casa. Alcuni gatti tollereranno bene questo periodo, ma altri cercheranno di uscire prima possibile. Probabilmente è meglio attenersi a questo calendario, in particolare se sentiamo che ci sono stati segni di ansia dal suo arrivo. 

Quando decidiamo per la prima volta di permettere al gatto di uscire, scegliamo un periodo tranquillo e asciutto quando siamo a casa tutto il giorno, e facciamolo poco prima di un pasto di routine. Accompagniamo il gatto fuori, ma senza allarmarsi se scompare in qualche arbusto; questa è una normale strategia per consentirgli di abituarsi al suo nuovo ambiente in un luogo in cui può osservare senza essere visto. 

Lasciamo inizialmente aperta la porta sul retro e, dopo 30-60 minuti, chiamiamo il gatto in casa per il suo pasto e ripetiamo questo processo il ​​giorno seguente. La maggior parte dei gatti si adatta molto rapidamente all’esplorazione del loro nuovo territorio all’esterno, e probabilmente non avranno bisogno di un’introduzione graduale di questo tipo, ma gli individui più timide possono beneficiare di periodi gradualmente crescenti all’esterno nelle prime settimane.

Alcune persone hanno a che fare con gatti adulti che non sono mai stati fuori prima, e si chiedono se saranno in grado di adattarsi per uscire nel grande mondo. Ma è sorprendente quanto siano adattabili i gatti, e ci sono molti esempi di gatti che hanno condotto un’esistenza da interni per la maggior parte della loro vita, godendo poi dell’opportunità di uscire in un nuovo ambiente. 

All’inizio possono essere un po’ nervosi, ma la maggior parte lo prende come una novità entusiasmante. Alcuni addirittura cacciano ed è affascinante pensare che tutto questo comportamento istintivo sia rimasto inattivo, ma possa ancora prendere vita quando il gatto ha l’opportunità di fare ciò che gli viene naturale!

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello