Home Non solo Cani e Gatti Il criceto può mangiare frutta? Benefici e rischi per i nostri amici...

Il criceto può mangiare frutta? Benefici e rischi per i nostri amici roditori

Noi umani mangiamo molta frutta, ma non sempre questo alimento è sicuro per i nostri animali domestici. Scopriamo se il criceto può mangiare frutta, e di che tipo.

criceto mangiare frutta
Il criceto può mangiare la frutta, e quale? (Foto Unsplash)

Se ci siamo mai chiesti se il nostro criceto può mangiare frutta, non siamo certamente gli unici. Per molti padroni – soprattutto quando sono abituati a mangiare molta frutta salutare – è un problema perché questi pelosetti sono molto curiosi e di certo vogliono sempre sapere cosa c’è nelle mani dei loro genitori umani. Teoricamente, potremmo pensare che la frutta fa bene e quindi può andar bene per i nostri animali domestici, ma dobbiamo fare molta attenzione perché non è sempre così. Soprattutto, non tutta la frutta è uguale in quanto a sostanze nutritive. Bisogna per questo sapere quale frutta va bene e quale no per il nostro piccolo amichetto peloso.

Il criceto può mangiare frutta, in generale?

criceto mangiare pollo
Il criceto non è solo vegetariano, anche se solitamente predilige semi e cereali (Foto Pinterest)

Sì, i criceti possono mangiare alcuni tipi di frutta. Tuttavia, i criceti dovrebbero mangiare frutta in quantità molto piccole, e non troppo spesso. La maggior parte dei frutti infatti va bene per i criceti, ma non gli agrumi, ad esempio: sono troppo acidi per l’intestino di questo piccolo animale. E non sono gli unici frutti da evitare. 

Ma ci sono differenze in quanto a frutta adatta o non adatta, anche a seconda della razza del criceto. C’è infatti una grande differenza tra i criceti nani (russo, siberiano, cinese, di Roborowski) ed il grande criceto siriano. I criceti delle razze nane sono molto inclini al diabete, e devono stare lontano da cibi e bevande molto zuccherati. Ciò significa che possono, in effetti, mangiare un po’ di frutta, ma in quantità molto ridotta. E molto meno spesso di un criceto siriano. 

Ciò è in gran parte dovuto alla differenza di dimensioni tra i due tipi di criceto: un pezzo di mela grande quanto una nocciolina, ad esempio, potrebbe essere accettabile per il tuo criceto siriano. Ma per un nano, lo stesso identico pezzo ovviamente contiene molti più zuccheri e carboidrati, il che porterà a un aumento di peso indesiderato e alle prime fasi del diabete. E lo stesso discorso non vale solo per la frutta, ma anche con alcune verdure, come carote, mais e patate dolci.

Tipi di frutta da mangiare in sicurezza

criceto Roborovski
Il criceto può mangiare la mela? E quali altri frutti? (Foto Pixabay)

Tenendo quindi presente le differenze tra criceti nani e siriani, vediamo quali frutti il nostro criceto può mangiare in tutta sicurezza. I frutti più comuni come mele, prugne, ciliegie e uva vanno bene. Tuttavia, i criceti (di tutte le razze) non reagiscono bene ai semi di un frutto. Nella maggior parte dei casi i semi sono velenosi per loro, quindi è meglio se non diamo mai al nostro animaletto un frutto con i semi, di qualsiasi tipo.

Inoltre, i frutti molto dolci come banana, albicocca, pesca, mango, ananas, papaya – la maggior parte dei frutti gialli, in pratica – dovrebbero essere dati in quantità minuscole. Per noi questi frutti sono ottimi e dolci, ed hanno un fantastico gusto e profumo. Tuttavia per i criceti sono troppo dolci e saporiti, quindi è meglio se il nostro pelosetto ne mangia solo una quantità incredibilmente piccola. Nessuno di questi è velenoso in realtà, sono semplicemente troppo dolci per un criceto, quindi è meglio fare attenzione.

I tipi di bacche – come la fragola e il lampone, sono perfetti per il nostro criceto. Ma, ancora una volta, senza semi. Quindi, ad esempio, una fragola dovrebbe essere leggermente raschiata per estrarre tutti i semi e dobbiamo tagliare la parte superiore verde. Un lampone va bene in sè, poiché il nucleo bianco si staccherà da solo quando il frutto sarà finito. Mirtilli e mirtilli rossi vanno bene, ma sempre in quantità molto piccole: parliamo di una o due bacche alla settimana. I fichi vanno bene per il nostro pelosetto, ma in quantità molto ridotta. E anche i datteri vanno bene, purché non abbiano il nocciolo.

Il cocco è sicuro per i criceti, ma dovrebbe essere somministrato in quantità molto piccole e scarsamente. La noce di cocco ha una quantità di grassi più elevata rispetto alle arachidi, e può far ingrassare il nostro animaletto più velocemente delle banane o dei mango. E infine, l’anguria è sicura per i criceti, se somministrata in una piccola quantità e sempre e solo la parte di polpa rossa, e senza semi. Ciò è in parte dovuto alla sua dolcezza ed al fatto che ha un contenuto d’acqua molto elevato. Mangiarne troppa può creare problemi allo stomaco del nostro pelosetto.

I frutti da tenere lontano

criceto può mangiare frutta
Alcuni alimenti sono dannosi per il criceto (Foto Pixabay)

Il kiwi, anche se per noi è un ottimo frutto, non è molto sicuro per i criceti. A volte può essere molto acido, e i semi come abbiamo detto non vanno bene per questi roditori. Questo vale anche per la meno diffusa (almeno in Italia) pitaya (anche noto come dragonfruit), poiché ha altrettanti semi, ovunque nella sua polpa.

Le more, che potrebbero anche andar bene per i criceti in base al loro valore nutrizionale, diventano poco sicuri per la quantità di semi e per quanto sia difficile sbarazzarsene. In pratica, non è possibile rimuovere i semi da una mora e averla intera: meglio evitarla del tutto. Anche gli agrumi sono tutti frutti non adatti ai criceti. Addirittura, i criceti evitano l’odore di arance e mandarini. In questa categoria includiamo tutti gli agrumi: arance, mandarini, kumquat, clementine, pompelmi (tutti i tipi), limone e lime.

Il criceto può mangiare frutta come premio

disturbo ossessivo compulsivo
Un criceto con la sua padrona (Foto Istock)

Dal momento che il nostro criceto non può avere frutta molto spesso, possiamo usarlo come una sorta di sorpresa. In particolare, possiamo usarla come un trattamento molto speciale quando lo stiamo addestrando. Questo significa che il nostro amichetto peloso non deve ricevere questi premi troppo spesso: magari può avere giusto un pezzettino di mela, o forse un cubetto di mango, a seconda di ciò che abbiamo a disposizione.

Le prelibatezze come le chips di frutta (fettine di frutta essiccata), possono essere ottime per i criceti. In commercio un prodotto molto diffuso sono le chips di banana, che sono ottime anche per il loro contenuto di calcio. E ai criceti piacerà di sicuro la loro consistenza croccante, tutta da sgranocchiare. 

Assicuriamoci ovviamente che non siano addolcite con zucchero o altre sostanze non adatte a questi animaletti. E anche se il criceto può mangiare frutta e questa sembra frutta secca, si tratta pur sempre di chips di banana, quindi sono piuttosto dolci, anche se non dolci quanto le normali fette di questa frutta. In ogni caso, è meglio non esagerare quando diamo da mangiare al nostro pelosetto questi snack, poiché in realtà contengono zuccheri come le vere fette di banana.

Mai dare troppa frutta!

criceto mangiare carnivoro
Un simpatico criceto: mai dare troppo cibo! (Foto Unsplash)

Che sia un criceto nano o siriano, il nostro amico a quattro zampe può comunque sviluppare problemi di salute se gli vengono somministrati troppi cibi zuccherati. Anche se una fetta di mela non è paragonabile ad un cubetto di cioccolato quando si tratta di zucchero e grassi, sono entrambi piuttosto dolci, soprattutto per le papille gustative del nostro sensibile criceto. Quindi è meglio tenere d’occhio quanta frutta e dolci diamo al nostro pelosetto.

Un criceto che assume troppo zucchero tramite il suo cibo diventerà sovrappeso e svilupperà il diabete. Entrambe le condizioni possono essere pericolose per la vita di qualunque essere vivente (umani inclusi), ancora di più per una creatura piccola come un criceto. Se il nostro criceto è già in sovrappeso, assicuriamoci con il nostro veterinario di quali cibi è meglio eliminare o aggiungere alla sua dieta.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello