Home Cani Come abituare il cucciolo al guinzaglio: addestrare il cane da piccolo

Come abituare il cucciolo al guinzaglio: addestrare il cane da piccolo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:47
CONDIVIDI

Portare a spasso il nostro cane è fondamentale. Abituare un cucciolo al guinzaglio, e insegnare al nostro nuovo pelosetto le buone maniere non è difficile.

Come abituare il cucciolo al guinzaglio
Addestrare il cucciolo di cane a camminare al guinzaglio (Foto Flickr)

Addestrare il nostro nuovo cane fin dai primi giorni con noi, è importante per farlo abituare a comportarsi bene in casa e fuori. Insegnare al cucciolo a camminare a guinzaglio in modo corretto, non solo ci permetterà di portarlo a spasso e di fargli fare tutta l’attività fisica di cui ha bisogno, ma anche di insegnare a Fido ad essere obbediente e a rispondere correttamente ai nostri comandi. Per farlo, è necessaria tanta pazienza e costanza. L’addestramento non è un processo da prendere alla leggera, ma se fatto correttamente porterà a ottimi risultati. E dopo, una passeggiata con il nostro cucciolo sarà un momento di grande gioia per entrambi.

Potrebbe interessarti anche: Come scegliere il guinzaglio giusto per il cane: i fattori da considerare

Come abituare il cucciolo al guinzaglio

Adottare un cucciolo di Golden Retriever
Addestriamo il nostro cucciolo usando il rinforzo positivo. (Foto YouTube)

Per prima cosa, dobbiamo ricordare sempre di avere tanta pazienza con il cucciolo. Dobbiamo abituare il cucciolo a indossare collare e guinzaglio per la prima volta, e non sarà qualcosa che riusciremo a fare in un solo giorno.

Per un addestramento efficace, dobbiamo avere molta calma e coerenza nella pratica, e stabilire un rapporto di grande fiducia con il nostro piccolo amichetto peloso. Ma i risultati ripagheranno ampiamente i nostri sforzi.

Il miglior modo di addestrare un cucciolo – e non solo per andare al guinzaglio – è usare un sistema di rinforzo positivo con ricompense e premi. Il metodo più semplice è dare un piccolo premio in cibo (qualcosa che sia piccolo, leggero così che possa anche essere dato in grande quantità, e facilmente masticabile) ogni volta che fa un passo avanti in questo processo di apprendimento.

Per il nostro cane sarà un modo per capire in modo immediato che quel comportamento appena adottato è corretto e viene ricompensato: ma i premi devono essere velocemente consumati così, che non si distragga dall’addestramento.

Non pensiamo solo al cibo come ricompensa: prenderci un momento per giocare può essere visto come un vero e proprio premio. Possiamo usare anche tante lodi e parole di incoraggiamento, o anche un addestramento con il clicker, di cui abbiamo già parlato in passato.

La scelta del collare e del guinzaglio

Adottare un cucciolo di Jack Russell Terrier
Scegliamo un collare e un guinzaglio adatti al nostro cucciolo. (Foto Pinterest)

Scegliamo un collare ed un guinzaglio adatti al nostro cucciolo. Un collare troppo pesante e grosso sarà troppo scomodo per il nostro piccolo pelosetto, quindi a seconda della sua razza, dimensione ed età dovremo scegliere qualcosa che sia perfetto per lui/lei.

Un collare che sia leggero, comodo, e abbastanza grande da non essere troppo stretto. Altrettanto comodo e leggero deve essere il guinzaglio: il cucciolo deve abituarsi il più velocemente possibile ad avere questo nuovo oggetto al collo, e di certo non c’è bisogno di un pesante collare a catena su un piccolo cucciolo di pochi mesi.

La prima volta che i cuccioli indossano il collare, spesso non si trovano a loro agio, tentano di masticarlo, fanno i capricci e si innervosiscono. Cerchiamo di superare il disagio che prova il nostro cucciolo con qualche piccolo trucco: distraiamolo mettendo il collare mentre giochiamo, o mentre siamo fuori all’aperto, diamo dei premi (cibo, snack, o un giocattolo particolarmente amato) per associare il collare a qualcosa di positivo, e teniamo il collare non troppo stretto (deve aderire senza dare fastidio).

Abituiamo il cucciolo al guinzaglio. Alcuni cuccioli sembrano infastiditi moltissimo dal guinzaglio, comportandosi in modo da veri pazzi, altri invece si bloccano e non si muovono. La prima volta che mettiamo il guinzaglio, lasciamolo cadere in terra e facciamo giocare il cucciolo, magari mentre lo rincorre in giro

Ovviamente teniamo sempre sotto controllo il cucciolo quando ha il guinzaglio, per evitare che ci si aggrovigli. Nel frattempo, giochiamo con lui e facciamo sì che capisca che può essere comunque abbastanza libero mentre è al guinzaglio. Ogni tanto, prendiamo il guinzaglio e chiamiamo il cucciolo, dando qualche premio quando si avvicina.

Potrebbe interessarti anche: Come addestrare un cucciolo: le 5 regole fondamentali

Insegniamo al cucciolo a stare al guinzaglio

adottare un cucciolo fa bene
Con pazienza e costanza, il nostro cucciolo crescerà disciplinato. (Foto Unsplash)

La prima cosa da fare è creare un ambiente tranquillo. I cani spesso si eccitano troppo alla vista del guinzaglio, iniziando a abbaiare, girare in tondo, o gemere. In questi casi, la cosa da fare è restare calmo con il guinzaglio in mano, e attendere che il nostro pelosetto si calmi. Mantenere la calma è fondamentale anche durante le passeggiate. Il cane percepisce il nostro stato d’animo: se siamo calmi, lo sarà anche lui/lei.

Portiamo dei piccoli premi in cibo con noi, durante l’addestramento. L’importante è che siano piccoli, non da masticare a lungo o le fasi dell’addestramento subiranno troppe pause. Alcuni esempi possono essere piccoli pezzetti di wurstel, o di formaggio.

Diamo tutto il tempo al nostro cucciolo di abituarsi al guinzaglio, usando tutta la pazienza necessaria. Dobbiamo capire che è qualcosa di nuovo per lui/lei, e ci vorranno coccole e premi a ogni occasione. Non incoraggiamo cattivi comportamenti, ma senza mai innervosirci.

Ogni volta che si verifica un comportamento sbagliato, fermiamolo senza rabbia o urla. Non perdiamo mai la calma, e comportiamoci in modo costruttivo. Ecco alcuni esempi comuni di cattive abitudini che potremmo trovarci ad affrontare, e qualche consiglio per gestirli:

  • Il nostro cucciolo potrebbe iniziare a tirare il guinzaglio. Appena succede, fermiamoci e restiamo immobili, non tiriamo il guinzaglio: facciamo capire al cane che quando tira non ci si muove più. Chiamiamolo, e premiamolo quando arriva. Calma e costanza in questo comportamento ci faranno risolvere velocemente questo problema.
  • Il cucciolo si ferma e si mette seduto o sdraiato. Se il nostro pelosetto non vuole camminare, facciamo qualche passo allontanandoci e chiamiamolo offrendo un premio. Finché continua in questo comportamento, procediamo a ripetere questa operazione.

La coerenza è fondamentale in qualunque tipo di addestramento: il nostro cane vuole imparare, lo fa con gioia, ma è compito di noi padroni comunicare correttamente cosa vogliamo che faccia.

Se premiamo con coerenza i comportamenti giusti, e fermiamo quelli errati, il cane imparerà a comportarsi bene e con disciplina. Se invece lasciamo che tiri il guinzaglio, il nostro cucciolo non capirà cosa stiamo cercando di insegnargli/le.

Fabrizio Burriello