Home Cani Razze di cani American Bully: razza, caratteristiche, carattere e salute

American Bully: razza, caratteristiche, carattere e salute

DESCRIZIONE

L’american Bully è un con più tipologie in base alle dimensioni. Dall’aspetto massiccio, basso e corposo è un cane agile, forte e vigoroso. Risulta affettuoso con gli adulti, giocherellone con i bambini, gentile e cordiale con gli sconosciuti ed è facile da gestire per i non esperti. Se gli anziani gli permettessero delle passeggiate, potrebbe essere anche un cane adatto a loro. E’ perfetto per una vita famigliare, anzi si vuole sentire parte della famiglia. Riesce a legare anche con i suoi simili. E’ leale verso il padrone, ma non risulta invadente. Ha coraggio visto il passato da guardiano, infatti difende la famiglia a qualsiasi costo. Svolge più mansioni, infatti è un cane da compagnia, da guardia e anche da lavoro. Se ci sono dei compiti da svolgere, infatti, l’American Bully li esegue con grande piacere. Preferisce il contatto con i familiare e vuole piacere. Questo lo porta ad essere obbediente e docile.

CARATTERISTICHE

  • Tipo d’impiego: Cane da guardia e da compagnia
  • Taglia: Media
  • Vita Media: 8-10 anni
  • Altezza maschio: 46-53 cm
  • Altezza femmina: 43-51 cm
  • Peso maschio: 30-50 Kg
  • Peso femmina: 30-50 Kg
  • Riconoscimento: Non riconosciuto

CARATTERE E STILE DI VITA

L’American Bully dall’aspetto sembra aggressivo e diffidente, ma in realtà è un cane vivace, energico, giocherellone, attivo e solare. È perfetto per stare con i bambini e fare delle sessioni di gioco in cui rafforza le agilità per le gare. L’inattività non fa al suo caso, ha bisogno di fare sport oppure delle passeggiate più volte al giorno. In base alle dimensioni, potrebbe vivere anche in un appartamento adattandosi alla vita cittadina, anzi, in realtà adora stare tra le mura domestiche a contatto con i membri del gruppo sociale d’appartenenza. Però non occorre dimenticare che ha bisogno di fare molto movimento anche all’aria aperta. Anche la vita in campagna non disprezza. Tanto meno vivere in una villa con giardino, non occorre, nemmeno, recintare il perimetro perché tende a non scappare. È opportuno che si facciano le giuste valutazione prima di adottare questa razza, perché se si abita al quinto piano senza ascensore è difficile da trasportare date le sue dimensioni e la grossa corporatura. Si consiglia di farlo socializzare da cucciolo sia con altri animali che con le persone, così d’adulto non avrà grosse difficoltà ad integrarsi. Il suo passato da guardiano lo portano ad essere vigile e attento in qualsiasi situazione. Risulta amichevole anche con gli estranei, infatti non intimidisce chi cerca di avvicinarsi. È un cane perfetto per la famiglia. Essendo cordiale può avere una coabitazione serena con i suoi simili. Con i felini pure potrebbe vivere nella stessa cosa, ma devono essere cresciuti insieme. Dato il passato da cacciatore, magari può confondere il gatto per una preda. Non ama tantissimo i cambiamenti climatici, infatti, in inverno preferisce stare in casa al caldo, perché il pelo raso non lo aiuta a proteggersi dalle intemperie. In estate, invece, non riesce a stare troppo al sole a causa del suo naso schiacciato.

PREZZO

Dato che è una razza non riconosciuta dall’Enci non ci sono allevamenti che hanno cuccioli registrati con pedigree. Questo porta anche ad una poca diffusione della razza, ciò nonostante, il costo è molto elevato, tanto che in Italia può partire da una cifra di 700 euro fino ad arrivare ai 1500 euro. Il budget per il mantenimento è di circa 50 euro al mese, per poter soddisfare i suoi bisogni.

ASPETTO GENERALE

L’american Bully risulta basso, con naso schiacciato, pieno di muscoli e di statura media. Nonostante sia tarchiato, risulta bilanciato e proporzionato nell’aspetto generale. L’andatura è sciolta e sicura.

American Bully cucciolo
American Bully cucciolo

TESTA E COLLO

Ha una testa grande e possente con stop in evidenza e abbastanza profondo. Il tartufo ha narici ampie e il colore può variare. Gli occhi risultano molto distanti, hanno una forma a mandorla e sono di piccolissime dimensioni. Il colore può variare tra una miriade di colorazioni. Le orecchie sono piccole con una forma a triangolo, quasi si intravede solo la punta. L’attaccatura è molto alta. Il collo è di media dimensione, massiccio e continua con un’unica linea del corpo.

TRONCO E CODA

Il tronco è basso, possente e forzuto quasi come i muscoli fossero incisi nella pelle. La coda ha attaccatura medio-alta, non è lunghissima e risulta doppia alla base per poi assottigliarsi verso la punta.

ARTI

Gli arti anteriori sono forti e potenti, con una lieve curva all’avambraccio. Risultano perpendicolari al suolo, ma molto distanti tra di loro. I gomiti sono attaccati al corpo. Gli arti posteriori sono molto sviluppati, con muscoli in evidenza. Hanno il garretto ben piegato ed i metacarpi discesi. I piedi sono piccoli, di forma rotonda, con unghie di colore scuro.

PELO E MANTELLO

Il pelo è molto corto a volte anche raso. Liscio, lucente ma ruvido al tatto. Il colore del mantello può variare, non avendo uno standard predefinito. Può alternarsi tra il bianco e il nero con tante sfumature o macchie.

PADRONE IDEALE

Per adottare questa razza occorre avere tenacia, fermezza, stabilità e costanza. Ma non occorre sottovalutare la dolcezza, l’affetto e la tranquillità. E’ opportuno dedicargli molto tempo, per poter instaurare un rapporto di fiducia e un legame profondo tra il cane e il padrone. Ciò nonostante non ha un attaccamento morboso nei confronti del proprietario, anzi riesce a rispettare i suoi spazi. Durante le sessioni educative per impartire gli ordini si può usare il gioco, tramite attività di lancio e riporto. Gli piace eseguire le richieste del padrone. Vuole sentirsi parte integrante della famiglia, infatti è un compagno ideale per gli adulti e un amico di giochi per i bambini. Dall’aspetto massiccio, può sembrare aggressivo, ma in realtà è obbediente e docile, tanto da vincere molte medaglie nei giochi canini, in particolare nella Rally Obedience. Essendo agile e pieno d’energia è fortissimo nelle prove d’agilità e nell’inseguimento, ecco perché ci vuole un proprietario sportivo che lo aiuti e lo sproni in queste attività, ma non bisogna sottoporlo a sforzi immani poiché ha difficoltà a respirare data la sua formazione del muso schiacciato brachicefale. Gli anziani devono tener conto della forza che hanno questi esemplari, a cui piace sfogare la propria energia all’aria aperto. Quindi i sedentari che non gli consentono delle passeggiate non sono ideali per accudirli. Per coloro che sono inesperti e stanno alla loro prima esperienza con i quattro-zampe è consigliabile l’American Bully, in quanto è molto disciplinato. In base alla tipologia di taglia si può capire se trasportarlo con sé oppure lasciarlo in casa. Ma visto che preferisce stare in compagnia, l’assenza dei padroni deve essere breve. Non adora tantissimo la solitudine.

ALIMENTAZIONE

Il cane è di buona forchetta, magia di tutto in quanto è goloso. E’ importante fargli seguire una dieta alimentare prescritta da un veterinario. Si consigliano le crocchette di grande dimensione. Quando sono cuccioli è opportuno pesarli spesso, da adulti, invece, si devono tenere sotto controllo le razioni di cibo. Oltre alle crocchette può anche mangiare cibo umido, oppure seguire una dieta tradizionale fatta in casa a base di carne cruda, verdure fresche e carboidrati.

TOELETTATURA

L’American Bully non ha bisogno della toelettatura dato il pelo cortissimo. E’ sufficiente una spazzolata alla settimana per mantenere il mantello sempre lucido e in buona salute. Durante tutto l’anno la caduta del pelo è regolare.

PATOLOGIE

Questa razza, anche se regolarmente vaccinata e curata, potrebbe essere maggiormente predisposta ad alcune patologie.

CENNI STORICI

L’american bully non ha una storia molto passata, anzi le origini derivano dagli anni 90. Infatti è una razza molto recente. Venne selezionato per diventare un cane da compagnia per il suo dolce carattere, da guardia per l’aspetto ‘da duro’ che presenta. Molto probabile che i cani che hanno aiutato alla creazione di questa razza sono l’American Pit Bull Terrier e l’American Staffordshire Terrier. La prima apparizione venne fatta nel 1990 in Virginia, California e Los Angeles. Oltre a questi due ruoli, veniva anche usato per dare la caccia ai maiali e i bovini selvatici, e anche per la guida del bestiame nei momenti in cui ci stava una caccia in corso. Il primo club pe la registrazione della razza fu fondato nel 2003 e così nacque il ‘The Bully Kennel Club’. Dal nome possiamo vedere che è americano ma con il tempo si è anche diffuso in Europa e in Asia.  Ad oggi l’Enci e la Fci, non l’hanno ancora riconosciuto, ma ha l’ufficializzazione da parte del UKC, ABKC, UCA, DRA, EBKC, BBC. La categoria a cui appartiene è dei cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoidi e cani bovari svizzeri. Possiamo vedere vari tipi di grandezza per questa razza: American Bully Classic: è il più proporzionato è ha dimensioni medie; American Bully Extreme: è il più muscoloso; American Bully XL: ha proporzioni maggiori; American Bully Standart: trasmette un po’ di panico; American Bully Pocket: ha le misure più piccole di tutti.

American Bully adulto
American Bully adulto

NOMI

Questo cane dal pelo raso e un naso schiacciato, ha una statura da intimidire, ma l’espressione del volto è divertente per chi la guarda. Per dargli un nome adatto potete immergervi tra le tante lettere dell’alfabeto e scegliere quella che più vi ispira.  Qui potete trovare la lista per il nome al vostro cane.

  • Femmina: Aspa e Alia
  • Maschio: Ancelmo e Adelchi

CHICCHE

Un cane di questa razza di nome Hulk, pesa quasi 80 Kg e venne notato a livello mondiale per essere il Bully più grande del mondo. Viene chiamato Bully Giant per sue dimensioni estreme di taglia XXL.