Home Curiosita Abilità nascoste di animali comuni: quello che gli scienziati hanno scoperto

Abilità nascoste di animali comuni: quello che gli scienziati hanno scoperto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:03
CONDIVIDI

Gli animali, anche quelli che potremmo ritenere abbastanza studiati e noti, hanno sempre delle sorprese in serbo per noi. Le abilità nascoste di animali noti vi stupiranno.

Abilità nascoste di animali comuni: quello che gli scienziati hanno scoperto
Abilità nascoste di animali comuni: la volpe rossa ha un “superpotere” (Foto Flickr)

Molti animali hanno delle note caratteristiche particolari, spesso davvero impressionanti. Ma in tanti altri casi, ormai ci sembra che alcune specie siano perfettamente conosciute e che siano state studiate in modo talmente approfondito dagli scienziati che non c’è possibilità che possano riservare sorprese. E invece, gli scienziati trovano continuamente nuove abilità nascoste di animali anche ben studiati. Ci deve servire da promemoria di quanto poco sappiamo della natura, e quanto può essere piacevolmente sorprendente l’evoluzione. La parte migliore di tutto questo, è che la realtà scientifica è spesso molto più strana e bizzarra di qualsiasi cosa raffigurata nel mondo della finzione.

10 abilità nascoste di animali conosciuti

curiosità coccodrillo
Abilità nascoste di animali: il coccodrillo non è così cattivo. (Foto Flickr)

Lo squalo bambù bandemarroni conserva lo sperma

Lo squalo bambù bandemarroni
Lo squalo bambù bandemarroni (Foto Pinterest)

Lo squalo bambù bandemarroni (dal nome scientifico di Chiloscyllium punctatum) si è recentemente affermato come il più incredibile accaparratore di spermatozoi del regno animale. Uno squalo femmina ha dato alla luce un cucciolo sano nel 2012, nonostante non fosse stata vicina ad uno squalo maschio nei quattro anni precedenti.

Alcuni squali amano prendere in giro i biologi, espellendo uova non fertilizzate, quindi anche se la femmina stava deponendo un tappeto di potenziali cuccioli, era qualcosa che ci si aspettava abbastanza e venne inizialmente ignorato. Ma a un esame più attento, due delle uova presumibilmente inerti ospitavano effettivamente piccoli squali.

L’unico maschio nella vasca era una razza giavanese. E non essendo uno squalo, o i ricercatori avevano assistito a un miracolo, o qualche squalo maschio estremamente subdolo era il futuro papà. In questo caso, la scienza attuale è più folle di ogni possibile speculazione.

La femmina era entrata in contatto con un maschio ed era stata impregnata nel solito modo. La parte strana sono i 45 mesi passati tra la fecondazione e la nascita. All’inizio, i ricercatori pensavano che i piccoli potessero essere dei cloni della madre. Alcuni animali, tra cui lucertole e alcuni squali, possono saltare l’accoppiamento e passare subito alla nascita. Tuttavia, i test del DNA hanno dimostrato che il cucciolo è nato da due diversi squali. In precedenza gli scienziati sapevano che gli squali potevano immagazzinare lo sperma, ma che per così tanto tempo era una sorpresa.

La lumaca cono usa l’insulina come arma

Cono geografico
Cono geografico (Foto Pinterest)

La lumaca cono potrebbe apparire come piccola e innocua, ma colpisce i suoi nemici in modo diabolico. Questa lumaca attacca i pesci con uno spruzzo inabilitante di insulina di pesce modificata, che manda rapidamente le vittime in uno shock ipoglicemico. Ma l’insulina è solo uno dei componenti della potente tossina della lumaca del cono. Il cocktail chimico è carico di agenti nervosi ed ha anche colpito molte vite umane: infatti, non esiste antidoto. 

Ancor più sconcertante (per i pesci), la nuvola tossica è l’area in cui ha effetto questo “incantesimo”, in grado di trasformare un banco di piccoli pesci in un buffet galleggiante. L’esplosione istantanea di insulina fa sì che lo zucchero nel sangue della preda si riduca e la immobilizzi. L’insulina stessa è una meraviglia evolutiva. È una versione modificata e ridotta che può agire rapidamente e indurre un grave arresto ipoglicemico. 

E se tutto ciò non fosse abbastanza orribile, questa lumaca possiede un’arma secondaria: un’appendice appuntita da usare nel combattimento corpo a corpo. Questo pungiglione può anche depositare direttamente una dose di veleno in qualsiasi creatura sfortunata si trovi a tiro.

Le vespe usano il riconoscimento facciale

Vespa
Vespa (Foto Pixabay)

Incontrare un conoscente di cui sbagliamo il nome è un evento imbarazzante che abbiamo tutti vissuto, ma non per la vespa tropicale della specie Liostenogaster flavolineata. Il sistema di riconoscimento facciale della vespa gli consente di identificare gli intrusi negli alveari, prima di rimuoverli con la forza dai locali. Identificare l’amico dal nemico è molto importante per gli insetti sociali, le cui grandi comunità sono parte integrante della loro sopravvivenza – e anche la nostra, poiché gli insetti comuni come le api impollinano molte delle piante che alla fine mangiamo. 

Quindi, in che modo questi insetti rilevano gli ospiti indesiderati quando tutti i loro amici e nemici sembrano uguali? Alcuni insetti dimostrano la loro fraternità con pungenti feromoni, mentre altri potrebbero usare dei rumori specifici: queste abilità nascoste di animali sono tante. Ma questa vespa aumenta la posta in gioco, aggiungendo il riconoscimento facciale alla sua lista di abilità. 

Gli scienziati non sono sicuri del perché abbiano sviluppato questa abilità. Potrebbe essere perché il sud-est asiatico è pieno di nidi di vespe. Con così tanti potenziali intrusi, le vespe hanno sviluppato un sistema di sicurezza potenziato, che abbina il riconoscimento facciale ai loro già sensibili sensi dell’olfatto, il tutto per garantire il benessere continuo della regina.

I piccioni categorizzano gli oggetti

10 motivi per apprezzare i piccioni
Abilità nascoste di animali: i piccioni e le categorie di oggetti. (Foto Flickr)

Sembra che abbiamo sottovalutato gravemente l’intelligenza dei piccioni per molti, molti anni. Delle ricerche passate hanno suggerito la competenza degli uccelli, ma un recente esperimento mostra che i piccioni possono identificare e raggruppare una grande varietà di oggetti, sia artificiali che naturali. Inoltre, le strategie mentali alla base dell’apprendimento dei piccioni possono rispecchiare quelle dei bambini umani. 

Questo studio ha coinvolto tre piccioni e un touchscreen. Le immagini di una delle 16 grandi categorie, inclusi i preferiti dell’infanzia come fiori, cani, scarpe e cappelli, erano mostrate sullo schermo. Erano accompagnati da due simboli, che spingevano i piccioni a scegliere se gli oggetti appartenessero a determinati gruppi (ad esempio, un Chihuahua è un cane?). Gli uccelli si sono comportati egregiamente, con una percentuale di successo del 65-80%. Uno in particolare, ha ottenuto un punteggio di 127 su 128!

Lo studio sulla semantica dei piccioni non è stato condotto esclusivamente per testare l’intelligenza assoluta dell’animale, ma per osservare eventuali processi di apprendimento condivisi tra di noi e gli uccelli. Il co-autore Ed Wasserman, psicologo di professione, suggerisce che uno stile simile di prove visive ed errori, viene utilizzato dai bambini piccoli, quando mettono in relazione le parole con le loro rappresentazioni fisiche.

Le falene luna usano le ali come blocchi per pipistrelli

falena luna farfalla
La falena luna (Foto Pinterest)

Nota per la vivida colorazione delle ali, la bella falena luna (o Actias luna) appare senza alcuna difesa contro le legioni di pipistrelli che la predano, ma in realtà come spesso accade nelle abilità nascoste di animali e insetti, ha un asso nascosto nella manica: delle minuscole nappe all’estremità delle ali

Precedentemente considerate inutili, gli studi hanno confermato che queste appendici sono adattamenti difensivi usati per deviare il sonar dei pipistrelli. Per testare la teoria, gli scienziati hanno raccolto un gruppo di falene luna e le hanno divise in due gruppi. In un gruppo le falene sono rimaste intatte, mentre alle altre hanno tagliato la punta delle ali.

Come controllo, fu reclutato anche un piccolo gruppo di falene piralidi, relativamente indifese. Le falene furono liberate in massa, per un gruppo di pipistrelli da divorare. Le appendici funzionano offrendo ai pipistrelli un bersaglio allettante ed accattivante. Se la farfalla viene colpita, è molto più probabile che perda un pezzo di coda, piuttosto che parti vitali. 

Avendo tagliato le appendici senza intaccare l’aerodinamicità delle falene, si è notato che gli esemplari intatti ebbero più successo di eludere gli attacchi. Il 65% delle falene luna intatte è sopravvissuto, mentre solo il 19% di quelle senza coda ha evitato di essere mangiato. Le piralidi invece furono quasi completamente eliminate.

Le balene ascoltano tramite i loro teschi

Animali in via d'estinzione
Balenottera comune (Foto Unsplash)

Utilizzando solo uno scanner di livello militare e una grossa testa di capodoglio, il biologo Ted W. Cranford e l’ingegnere Petr Krysl hanno scoperto come i misticeti (sottordine dei cetacei) sentono suoni a frequenza estremamente bassa: con le loro facce. Più specificamente, i loro teschi catturano le vibrazioni e le guidano verso i fori delle orecchie

Le balene sono tra i membri più vocali della catena alimentare, ed emettono bassi mormorii che possono percorrere grandi distanze attraverso gli oceani. E se gli scienziati non sanno ancora cosa dicono le balene, almeno hanno scoperto un meccanismo dietro le capacità uditive dei cetacei estremamente sviluppati

I suoni sono vibrazioni che viaggiano attraverso mezzi come l’aria o le porte chiuse, e impartiscono pressione o spostamento. Proprio come le onde tangibili sulla spiaggia, le proprietà invisibili delle onde sonore determinano le loro interazioni con gli esseri viventi, come le orecchie. Le onde a bassa frequenza hanno le loro depressioni (o colline) molto distanti. Nel caso dei richiami delle balene, queste possono essere distanziate anche per lunghezze superiori a 75 metri. 

Teoricamente, questi suoni dovrebbero cadere al di fuori del raggio udibile delle balene, ma le balene sono effettivamente in grado di ricevere questi telegrammi acquatici perché usano i loro teschi come amplificatori naturali. Tra le abilità nascoste di animali, questa sembra quasi un superpotere! Le vibrazioni risuonano nelle loro teste, e si intensificano oltre la soglia della percezione. Il team è stato in grado di modellare questo fenomeno attraverso una simulazione al computer e ha scoperto che senza questa unica anatomia cefalica, il modo di comunicare delle balene come lo conosciamo sarebbe impossibile.

I pipistrelli origliano

Pipistrello domestico
Pipistrello: non solo per film horror (Foto Pixabay)

Nonostante l’idea che ne abbiamo a causa dei film horror, i pipistrelli sono in realtà piuttosto carini. Probabilmente è ormai noto che molti pipistrelli usano i loro richiami stridenti per navigare nel mondo, tramite l’ecolocalizzazione, ma questa capacità è abbastanza limitata come raggio d’azione. I pipistrelli coda di topo maggiore (Rhinopoma microphyllum), ad esempio, hanno una portata effettiva di circa 10 metri. 

Tuttavia, i pipistrelli sono furbi e un nuovo studio ha scoperto che sono abbastanza consapevoli dei loro limiti. Spesso cacciano in gruppo, spingendosi avanti a vicenda il sonar per estenderne la portata fino a 160 metri. È un po’ l’equivalente delle nostre reti hotspot wi-fi! Questi pipistrelli stanno effettivamente intercettando, ascoltando altri pipistrelli che hanno trovato un pasto, e li usano come guide per localizzare i deliziosi insetti.

Tuttavia, i pipistrelli non sono in grado di estendere il loro raggio d’azione all’infinito. Le dimensioni della squadra di caccia sono limitate dal rischio di collisioni dei pipistrelli a mezz’aria, a causa della loro stretta vicinanza. La scoperta risponde anche a una vecchia domanda, poiché in precedenza gli scienziati hanno notato che i pipistrelli tendono a cacciare entro 150 metri dai loro compagni di caverna.

Gli scimpanzé imparano nuovi dialetti

scimpanzé abilità nascoste di animali
Gli scimpanzè e i loro dialetti. (Foto AdobeStock)

Un nuovo studio che ha coinvolto un gruppo di scimpanzé europei ha sconvolto gli esperti di lingue: le scimmie hanno rivelato che alcuni aspetti del linguaggio non sono così unicamente umani come pensavamo. Apparentemente, i nostri amici scimmie non solo assorbono le diverse lingue regionali, ma possono anche adottarne di nuove attraverso l’interazione sociale. I biologi sostengono se questo potrebbe essere un cambiamento nel dialetto piuttosto che nella lingua, ma è comunque sorprendente. 

Tutto è iniziato dall’astuzia di alcuni scimpanzé allevati in Olanda, che sono stati trasferiti ad uno zoo scozzese nel 2010. Per la gioia dei ricercatori, i primati espatriati hanno rapidamente fatto amicizia con la gente del posto. Dopo un po’, i primatologi furono sorpresi di scoprire che gli scimpanzé olandesi avevano abbandonato il loro vecchi richiami ed imitavano quelli dei loro fratelli scozzesi mentre chiedevano il loro snack preferito, le mele.

Inoltre, i loquaci scimpanzé rendono confusa la distinzione tra comunicazione umana ed animale. Se stiamo scoprendo solo ora che le scimmie possono imparare sinonimi, chissà quante altre sfumature linguistiche degli animali esistono al di fuori della nostra conoscenza e delle specie. E non solo tra i primati, ma è una delle abilità nascoste di animali diversi, in particolare quelli più intelligenti come delfini, elefanti, polpi e corvi. La comunicazione non umana è molto più sofisticata di quanto pensiamo.

Le volpi cacciano con il magnetismo

Animale selvatico come animale domestico abilità nascoste di animali
Una meravigliosa volpe rossa (Foto Pixabay)

Non facciamoci ingannare dalle pellicce lucide e dalle code gonfie: le volpi sono assassini naturali. Le loro abilità da supereroi includono la visione notturna, un’agilità suprema e un acuto senso dell’udito. Nel corso degli ultimi anni, alcuni studi hanno dimostrato che le volpi rosse hanno anche un legame con il personaggio di Magneto: le volpi infatti possono colpire con precisione le prede nascoste, anche quando tali prede si trovano comodamente sotto vari strati di neve. Usando la sua intuizione, la volpe rossa può immergersi a capofitto nella neve per tirare fuori piccoli animali che non sapevano nemmeno di essere in pericolo di venir cacciati. 

Gli scienziati erano molto curiosi delle abilità nascoste di animali quali le volpi, di individuare obiettivi invisibili. Non era chiaro se fossero in grado di eseguire queste straordinarie imprese basandosi solo su segnali udibili, quindi furono svolti dei test su 84 singole volpi. Le volpi, si scoprì, avevano più successo quando saltavano in direzione nord-est, con una percentuale di successo nel 73% dei loro attacchi. Saltare nella direzione opposta ha prodotto un tasso inferiore del 60%. I salti in attacco in qualsiasi altra direzione, tuttavia, erano quasi inutili, con uno scarso 18%. Sembra che la volpe utilizzi una sorta di bussola interna.

I coccodrilli giocano

Coccodrillo marino abilità nascoste di animali
Coccodrillo: un vero giocherellone! (Foto Unsplash)

Sembra proprio che i coccodrilli sono semplicemente stati fraintesi. Una nuova ricerca dell’Università del Tennessee mostra che questo feroce dinosauro moderno è, in realtà, un simpaticone amante del divertimento. Potrebbe sembrare difficile da immaginare, ma il professore di psicologia Vladimir Dinets ne ha le prove. Ha registrato coccodrilli impegnati in tre attività di gioco scientifico: gioco locomotore, gioco con oggetti e gioco sociale. 

Sorprendentemente, sono stati anche visti formare legami di lunga durata con esseri umani e altri animali. I rettili hanno offerto un bell’aneddoto, su un’amicizia che si è formata per tutta la vita tra un coccodrillo ferito da arma da fuoco ed il suo salvatore umano. I due sono diventati migliori amici (di specie diverse) e si sono divertiti per due decenni, fino a quando il coccodrillo è morto di vecchiaia. 

I coccodrilli adorano divertirsi, con tutti i tipi di passatempo. Si impegnano in ogni forma di gioco descritta dagli specialisti del comportamento. Sono stati osservati anche giovani coccodrilli mentre giocavano con le lontre. I rettili si divertono con salti e tuffi, tra l’agile e il buffonesco, non disdegnando il surf sulle onde, scivolando giù per colline fangose.

Potrebbe interessarti anche:

F. B.