Home Cani Salute dei Cani Cura del cucciolo di cane: consigli utili e punti da non sottovalutare

Cura del cucciolo di cane: consigli utili e punti da non sottovalutare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:57
CONDIVIDI

Prendersi cura del cucciolo di cane non è scontato, soprattutto per chi non ha mai avuto esperienza in materia: ecco perché è fondamentale conoscere i consigli indispensabili.

cura cucciolo cane
Prendersi cura del cucciolo di cane (Foto Pixabay)

Crescere un cucciolo fin dalla più tenera età è probabilmente una delle esperienze più belle e gioiose che la vita possa regalarci: prendersi cura di un tenero batuffolo è una fase memorabile per tutti i membri della famiglia, che contribuiscono con amore e impegno ad assicurare salute e benessere al nuovo arrivato.

Iniziare fin da subito a curare il cagnolino nel modo giusto significa impostare al meglio la strada di un’esperienza di vita che avrà un impatto enorme sulla vita del cucciolo e della famiglia, per un lungo periodo: potenzialmente, i cani vivono almeno fino a 12/15 anni e saranno nei nostri cuori per sempre.

Prendersi cura del cucciolo di cane: tutto ciò che devi sapere

cucciolo
Cucciolo di cane

1. La prima visita dal veterinario

La prima visita del cucciolo dal veterinario è un momento importante, da cui è bene trarre il massimo delle informazioni utili possibili: non abbiate paura di chiedere tutto ciò che vi passa per la mente! Il veterinario effettuerà un esame fisico accurato e raccoglierà le informazioni per costruire un quadro clinico completo. Prima dell’appuntamento, scrivi un elenco di tutto ciò che vorrai chiedere. Ecco alcuni spunti:

calendario delle vaccinazioni;
– parassiti interni ed esterni;
– sterilizzazione del cane;
– addestramento ed educazione;
comandi di base indispensabili;
– alimentazione specifica del cucciolo di cane.

2. Cibo per cuccioli di qualità

L’alimentazione è uno degli aspetti principali della cura del cucciolo di cane ed è preciso dovere di chi adotta un cagnolino assumersene la responsabilità: scegliere il cibo per cani più adatto a questa fase di crescita è fondamentale, per cui è bene conoscere i dettagli della miglior dieta per cuccioli.

In generale, il passaggio dal cibo per cuccioli a quello per cani adulti dovrebbe essere fatto tra i 9 e i 12 mesi, nei cani di piccola e media taglia, mentre per i cuccioli di cani di taglia grande è importante aspettare il compimento del primo anno di età. Tutti i cuccioli devono avere sempre a disposizione una ciotola di acqua fresca e pulita e bisogna iniziare fin da subito a cadenzare gli orari per la pappa:

– dalle 6 alle 16 settimane, i cuccioli dovrebbero fare circa 3/4 pasti al giorno;
– dai 3 ai 6 mesi, si può passare a 2/3 pasti al giorno;
– dopo i 6 mesi il cane può iniziare a mangiare la razione di cibo per cani giornaliera suddivisa in 2 pasti.

3. Inizia al meglio l’addestramento ai bisogni

Addestrare il cucciolo di cane a fare i bisogni sulla traversina è molto importante per evitare di ritrovarsi a ripulire pavimenti, tappeti e sueperfici della casa dalle macchie di urina. A un certo punto, poi, bisognerà insegnargli anche a fare i bisogni fuori casa: questo addestramento è fondamentale per la crescita del cucciolo e nei primi tempi richiederà moltissimo impegno e tanta pazienza.

La cosa migliore sarebbe iniziare ad educare il cane a fare i bisogni fuori appena arriva in famiglia: bisogna tenere sempre presente che ci saranno piccoli incidenti e imprevisti, che sarà un lavoro lungo e impegnativo, e che il cane non va sgridato o maltrattato ma educato con amore e con i principi del rinforzo positivo.

insegnare cucciolo bisogni fuori
Come insegnare al cucciolo a fare i bisogni fuori (Foto iStock)

4. Riconoscere segnali di malattia nei cuccioli

I cuccioli di cane sono predisposti ad alcuni problemi di salute e malattie che possono rivelarsi anche molto gravi, ma fortunatamente la maggior parte di esse sono prevedibili: ecco perché le vaccinazioni sono così importanti per i giovani esemplari. Tuttavia, non esistono vaccini per tutte le malattie dei cani ed è per questo che è fondamentale saper riconoscere i sintomi più importanti, per i quali bisogna chiamare immediatamente il veterinario:

inappetenza nel cane,
– crescita lenta e aumento di peso scarso,
– vomito e diarrea,
– addome gonfio e dolorante,
– letargia,
– tosse e difficoltà respiratorie,
– gengive pallide,
– occhi rossi e gonfi,
– secrezioni oculari o nasali,
– difficoltà a urinare o defecare.

5. Il calendario della vaccinazioni

Per una cura ottimale del cucciolo di cane è importante seguire scrupolosamente il calendario delle vaccinazioni: si parte quando Fido è ancora piccolo, per proseguire con alcuni richiami anche in età adulta. Ci sono vaccini obbligatori e vaccini facoltativi, in generale tra i più importanti ricordiamo: tosse del canile, leptospirosi, rabbia, parvovirus.

6. La dentizione nei cuccioli

Il periodo della dentizione del cane è fondamentale per il corretto sviluppo del nostro amico a quattro zampe: c’è il periodo di crescita dei denti da latte, che parte dalle 3 settimane di vita del cagnolino. Questi denti inizieranno poi a cadere per fare posto ai denti definitivi da adulto.
Durante la fase di dentizione è molto importante che il cane abbia a disposizione giocattoli specifici, adeguati all’età e alla taglia, che consentano di rafforzare delicatamente i dentini in crescita.

7. Sterilizzazione: quando e perché

Sterilizzare il cucciolo è importantissimo: per evitare gravidanze indesiderate e per evitare alcune malattie pericolose. I cucciolo andrebbe sterilizzato intorno ai 5/6 mesi, anche se il momento giusto cambia in base alla razza ed è per questo che è importante sentire il parere del veterinario a riguardo. Sterilizzare un cucciolo troppo tardi, infatti, sembrerebbe comportare l’aumento dell’incidenza di alcune forme di tumore.

8. La socializzazione del cane

La socializzazione è una fase di sviluppo fondamentale per il cucciolo di cane, che deve iniziare già intorno alle 8 settimane di vita: in questo periodo, il cagnolino deve incontrare persone, altri cani, altri animali per sperimentare il contatto e l’interazione con ognuno e portare con sé la capacità di relazionarsi da adulto con persone e animali senza problemi.

La socializzazione è importante per evitare che il cane possa sviluppare comportamenti disfunzionali da adulto, ad esempio essere spaventati e reagire in maniera eccessiva davanti a stimoli e situazioni sconosciute: è il caso, ad esempio, del cane che abbaia e insegue qualsiasi mezzo di trasporto che vede per strada.

Potrebbe interessarti anche:

C.B.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI