Home Curiosita Il mistero dei grandi felini britannici, dalla Gran Bretagna un vero enigma

Il mistero dei grandi felini britannici, dalla Gran Bretagna un vero enigma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:07
CONDIVIDI

E se esistessero degli animali ancora non scoperti proprio sotto il nostro naso? I grandi felini britannici sono un gruppo di animali ancora avvolti dal mistero: mito o realtà?

Il mistero dei grandi felini britannici: esistono davvero?
Il mistero dei grandi felini britannici: esistono davvero? (Foto Pinterest)

Uno dei lati più interessanti e intriganti dello studio degli animali è di certo quello dedicato alle specie ancora non confermate, misteriose, e ancora in bilico tra mito e realtà. Pensiamo allo yeti, il sasquatch, il chupacabra, e chissà quanti altri animali mitici che hanno tantissima diffusione su internet con prove della loro esistenza o meno, con appassionati credenti e ferventi scettici che litigano sui siti di tutto il mondo. In Gran Bretagna esistono degli animali sulla cui esistenza ci sono ancora molti dubbi: i grandi felini britannici. Scopriamo qualcosa di più di questi animali enigmatici.

Un grosso gatto o una nuova scoperta?

Pantera che cammina di soppiatto (Foto Istock)
I felini misteriosi potrebbero essere semplicemente grandi felini selvaggi? (Foto Istock)

Non c’è dubbio nella mente di Anne Terranova. Non c’era al momento e non c’è stato da allora. Era appena mezzogiorno di un freddo mercoledì di dicembre. Anne e un’amica si stavano arrampicando su una collina sopra Nailsworth, nel Gloucestershire, dove ha vissuto negli ultimi otto anni. Gli alberi avevano da tempo perso le foglie, garantendo splendide vedute sulla valle. 

Raggiunta la cima della collina, le due donne si fermarono per riprendere fiato, voltandosi indietro per ammirare lo scenario. Mentre lo facevano, l’amica di Anne fece un gesto per indicare qualcosa giù alla collina. Lì, in fondo al campo, c’era un grosso animale che trascinava lentamente una staccionata di legno verso una macchia nel bosco. Era elegante, di un colore marrone sabbia scuro, all’incirca delle dimensioni di un Labrador, con una lunga coda che si snodava verso l’alto. Anne disse che era semplicemente un gatto molto grande.

Anne osservò affascinata mentre la creatura scompariva rapidamente e con grazia tra gli alberi. Quando arrivò a casa più tardi quel pomeriggio, cercò online le immagini dei leoni di montagna. Le foto corrispondevano esattamente. Quando ha descritto la sua esperienza su un gruppo locale di Facebook, il post ha accumulato dozzine di commenti. Alcuni chiesero se fosse stata prima al pub. Ma altri locali di Nailsworth hanno riportato avvistamenti simili. Un residente ha avvertito che sicuramente la gente che avesse visto uno, non avrebbe riso più.

Gli avvistamenti degli ultimi anni

Il fascino della tigre in libertà (Foto Pixabay)
E se ce la trovassimo di fronte? (Foto Pixabay)

Per decenni, avvistamenti di grandi felini sono emersi in tutta la Gran Bretagna – da Crystal Palace a Cornwall a Carlisle. Sono stati segnalati 155 avvistamenti di grandi felini alle forze di polizia britanniche nel periodo dal 2016 al 2019. Probabilmente ce ne sono molti altri mai registrati. I giornali locali pubblicano decine di rapporti di testimoni oculari ogni anno e hanno contribuito a fissare con fermezza certe creature – il Puma del Surrey, la Bestia di Exmoor – nella leggenda locale.

Da dove potrebbero venire questi felini? Una teoria suggerisce che furono rilasciati dai loro proprietari nei mesi precedenti il ​​Dangerous Wild Animals Act del 1976. Degli animali esotici erano stati venduti normalmente come un prodotto qualsiasi; di tanto in tanto si vedevano ghepardi che camminavano a Hyde Park. Data la scelta tra acquistare una licenza costosa o consegnare i propri animali domestici ai santuari per animali, alcuni proprietari hanno scelto una terza opzione: semplicemente rimettere questi felini in libertà. 

In diverse occasioni, gli avvistamenti di questi grandi felini britannici hanno suscitato sufficiente preoccupazione da indurre importanti indagini ufficiali. Nel 1983, in seguito alle notizie secondo cui un predatore misterioso aveva ucciso più di 100 pecore a Exmoor, una squadra di Royal Marines fu dispiegata nell’area, ma non riuscì a catturare il felino. Nel 1995, dopo quasi 20 anni di avvistamenti della Bestia di Bodmin, i funzionari del Ministero dell’Agricoltura hanno trascorso sei mesi a esaminare rapporti di testimoni oculari, registrazioni video e calchi in gesso di impronte, concludendo che non c’erano prove verificabili della presenza di un grosso felino.

Oggi il governo è scettico sui grandi felini britannici. Una portavoce del Dipartimento per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali ha dichiarato che non sono mai arrivate al governo notizie credibili sulle specie selvaggie o sull’allevamento di grandi felini in Gran Bretagna negli ultimi anni. Quindi, il dipartimento non è impegnato in alcun lavoro relativo alla gestione dei felini selvatici e non è nemmeno in programma farlo.

Secondo i resoconti dei media, misteriosi grandi felini sono stati visti in tutta la Gran Bretagna, inclusi Staffordshire, Lincolnshire, Devon, Fife e Hertfordshire. Tuttavia, molti degli avvistamenti nel corso degli anni sono stati esposti come bufale o errori. La tigre dell’Hampshire ha causato un grande spavento nel 2011: le forze di polizia sono state rimescolate e gli esperti erano a disposizione con dardi tranquillanti. Si è rivelato essere un pupazzo di pezza a grandezza naturale. Curiosamente, le riprese video catturate da membri del pubblico, sono sempre molto sfocate e di solito prese da una lunga distanza. Ma alcuni esperti ne sono stati convinti.

La comunità dei grandi felini britannici

leopardo delle nevi
Uno dei grandi felini britannici? O solo un leopardo delle nevi? (Foto Flickr)

Un ventoso giovedì pomeriggio di gennaio, Rick Minter e un amico erano a Coaley Peak, nel Gloucestershire, e guardavano verso il fiume Severn che attraversava la Foresta di Dean. Sono passate alcune settimane dall’avvistamento del leone di montagna di Anne Terranova a Nailsworth, a pochi chilometri di distanza. Minter non era sorpreso: ha sentito dozzine di rapporti simili nel corso degli anni. Il Gloucestershire è emerso come punto di riferimento per gli avvistamenti di grandi felini britannici e Minter ha indicato diverse località in cui sono stati individuati.

Minter è quasi sicuramente il principale consulente per i grandi felini della Gran Bretagna, un ruolo per il quale c’è una domanda sorprendente. Dopo 20 anni di lavoro per il governo, nella pianificazione delle campagne e nella gestione della fauna selvatica, ora trascorre gran parte del suo tempo a seguire gli avvistamenti di felini, consigliando i proprietari terrieri su come affrontare i sospetti leopardi e pantere. Minter non addebita i suoi consigli, ragionando che le informazioni che riceve in cambio sono sufficienti come pagamento. Più volte all’anno partecipa a spettacoli rurali, con due grandi felini impagliati a grandezza naturale al seguito, sollecitando rapporti dei testimoni e misurando le percezioni pubbliche del fenomeno dei grandi felini.

La grande comunità dei gatti attira personaggi eccentrici. Innumerevoli ricercatori dilettanti trascorrono i fine settimana a passeggiare per la campagna, controllando le telecamere con sensore di movimento per le riprese di creature sfuggenti. Un inseguitore avrebbe trascorso un paio di notti fredde a Exmoor sopravvivendo con un fagiano crudo, dopo essere rimasto bloccato nella sua stessa trappola.

Al contrario, Minter è misurato, metodico e professionale. Il suo lavoro attira occasionalmente il ridicolo, ma gli piace sfidare i preconcetti delle persone. Sostiene di non essere in un gruppo di pazzi. I testimoni sono spesso sollevati nel trovare qualcuno che crede a ciò che hanno visto. Minter desidera sottolineare che valuta accuratamente ogni rapporto, per evitare di assecondare i più creduloni.

Tunbridge ha ricordato la storia di una donna che portava il suo cane nei boschi vicini. Improvvisamente, notò un grosso gatto nero che la seguiva tra gli alberi. Se la donna si muoveva, il felino si muoveva con lei. Alla fine, un camion su una strada vicina ha spaventato il gatto. Ma se ci trovassimo in quella situazione, cosa dovremmo fare? Non agire come preda, è la cosa fondamentale, sostiene Minter. Mai correre, mai invitare il felino a inseguirci.

Forse il più famoso caso tra i grandi felini britannici è stato la Bestia di Bodmin Moor, che è stata oggetto di un’indagine scientifica nel 1995 – dopo circa 20 anni di avvistamenti, presunti omicidi di bestiame e tracce trovate dal pubblico. Gli scienziati che hanno condotto un’indagine molto limitata sull’argomento non hanno trovato prove dell’esistenza della bestia, ma i locali rimangono convinti che vi sia una fiorente popolazione di grandi felini predatori che vivono sulla brughiera della Cornovaglia.

Le prove dei grandi felini

impronte tigre
E le prove? (Foto Flickr)

Ci sono pochi dubbi sul fatto che la Gran Bretagna abbia occasionalmente ospitato grandi felini selvatici, anche se solo per brevi periodi. Nel 1903 il corpo di una lince canadese fu donato al Museo di Bristol; i documenti del museo indicano che l’animale fu ucciso dopo aver attaccato due cani nel Devon. Nel 1980 un contadino scozzese intrappolò un puma a Cannich, nelle Highlands. L’animale ricevette il nome di Felicity e visse in un parco naturale per cinque anni prima di essere imbalsamato ed esposto al Museo di Inverness. Nel 2009 la Commissione forestale ha rivelato di aver osservato due grandi felini mentre conducevano indagini sui cervi nella foresta di Dean.

Minter ritiene che ci sia molto di più nel fenomeno dei grandi felini rispetto a questi incidenti isolati e pensa che un minimo di 250 felini fornirebbe un gruppo genetico sano. La Gran Bretagna, secondo Minter, potrebbe persino ospitare una nuova sottospecie di grandi felini. In una popolazione isolata, d’altronde, le cose possono cambiare molto rapidamente e la natura può andare avanti.

Ma dov’è la prova? Minter sottolinea che gli avvistamenti sono rari anche in paesi in cui esistono puma e pantere in numero molto maggiore. Afferma di aver visto foto conclusive, anche se è stata negata la pubblicazione di queste prove da parte dei proprietari terrieri, riluttanti ad attirare pubblicità. Ci sono quindi altre linee di indagine.

Il dott. Andrew Hemmings, ricercatore presso la Royal Agricultural University, conduce da diversi anni analisi dei segni di morsi su carcasse di animali. Nel 2016 ha dichiarato alla BBC che, considerati insieme alla ricchezza di rapporti attendibili dei testimoni, i dati relativi alle impronte dei denti indicano la presenza di carnivori più grandi di quelli indigeni nel Regno Unito. Ma arrivano continuamente notizie di altri avvistamenti. Un uomo in Cornovaglia ha affermato di essere stato attaccato da una pantera mentre cercava di arrampicarsi attraverso la sua finestra. Nel Gloucestershire, un consigliere liberale democratico ha individuato una lince a Coaley Peak.

David Clarke, della Sheffield Hallam University ed esperto del folklore britannico, ha notato che, facendo affidamento quasi interamente sui rapporti dei testimoni, il fenomeno dei grandi felini condivide somiglianze con i rapporti sugli UFO. Clarke crede che il numero di avvistamenti superi di gran lunga il numero di felini che potrebbero vivere in modo selvaggio. Questo è un po’ come dire che le persone ci credono perché vogliono qualcosa di magico nel loro ambiente.

È possibile che la caccia ai grandi felini britannici non possa mai essere risolta. Nel 1995 gli autori dell’indagine ufficiale sulla Bestia di Bodmin ammisero che non sarebbe mai stato possibile dimostrare che un grande felino “esotico” era presente o no. Come il protagonista del famoso esperimento mentale di Schrödinger, i grandi felini britannici vivono in uno stato contraddittorio, con la loro esistenza sia immaginata che reale.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello