Home Curiosita I pesci dalle abilità più assurde: sorprendenti prodezze sottomarine

I pesci dalle abilità più assurde: sorprendenti prodezze sottomarine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:52
CONDIVIDI

Non tutti amano i pesci come animali (magari come cibo), perché sembrano noiosi. Ma ecco alcuni pesci dalle abilità più assurde mai sentite, che vi faranno cambiare idea.

Amatitlania nigrofasciata pesci dalle abilità più assurde
Uno dei pesci dalle abilità più assurde: l’Amatitlania nigrofasciata (Foto YouTube)

Spesso i pesci come animali non sono molto apprezzati. Certo, hanno un buon sapore, ma a pochi interessano questi animali, a differenza dei mammiferi o altre specie. Saranno forse meno coccolosi, meno diffusi nelle nostre case rispetto a cani e gatti, magari non sembrano riuscire a capire come fare dei giochi con noi, come riportare un bastone o una pallina, e magari non ci fanno le fusa, ma non per questo sono noiosi. C’è una sorta di pregiudizio contro i pesci, ed è completamente ingiusto. Esistono infatti pesci dalle abilità più assurde degli altri, e parliamo di cose che possono veramente lasciare a bocca aperta i più scettici.

10 pesci dalle abilità più assurde

labrido pulitore pinterest
labrido pulitore: un vero business man! (Foto Pinterest)

Il pesce drago nero è piuttosto brillante

pesce drago youtube
Pesce drago nero (Foto YouTube)

Il pesce drago nero, o Idiacanthus atlanticus, è di sicuro uno dei pesci più brutti degli strani e oscuri abissi marini. Ma oltre ad essere un orribile abominio, questo animale dall’aspetto terribile ha alcuni adattamenti sorprendenti. Come la maggior parte delle creature che chiamano “casa” le terribili profondità a 600 metri sotto la superficie, il pesce drago nero ha organi luminosi, per segnalare ad altri pesci del suo genere, e per attirare prede. 

Ha anche emettitori di luce sul ventre per disturbare gli occhi sensibili di qualche predatore che li possa fissare in cerca di un pasto. E hanno anche un derma gelatinoso tra i raggi delle pinne, che può lampeggiare per spaventare i predatori. Quindi è un pesce che può far brillare molta luce da diverse parti del suo corpo e per diversi scopi. Ma niente di tutto ciò è fantastico quanto la sua vista da cecchino

La maggior parte dei pesci nelle profondità non riesce a vedere il colore rosso. Il rosso non viaggia molto lontano sott’acqua, quindi la maggior parte della bioluminescenza è blu e verde. Il pesce drago nero usa quei colori, ma brilla anche di rosso. E poiché altri pesci non riescono a vedere la luce rossa, ha praticamente una torcia invisibile per cercare la sua preda. 

Per inciso, neanche il pesce drago nero può davvero vedere il rosso. Ha un complicato sistema di visione che utilizza un derivato della clorofilla vegetale per riconvertire la luce nello spettro che riesce a percepire. Come un pesce abbia capito come far funzionare la genetica delle piante nella sua composizione, è una domanda che confonde ancora la scienza.

Questi pesci hanno dei figli davvero devoti

Amatitlania nigrofasciata pesci pinterest
Amatitlania nigrofasciata (Foto Pinterest)

Uno dei pesci dalle abilità più assurde, questi pesci di acqua dolce Amatitlania nigrofasciata adulti non escono mai dalla loro tana. In effetti, i ricercatori li hanno studiati per anni e non sono ancora esattamente sicuri di ciò che mangiano perché non riescono a vederli fuori dalle tane. Ma è molto probabile che le loro migliaia di bambini li nutrano

Di notte, i piccoli di questa specie pendono dai fili mucosi diffusi in tutta la tana. I ricercatori non sono esattamente sicuri del perché lo facciano, anche se tutti concordano sul fatto che è inquietante. Durante il giorno, lasciano la tana in uno sciame per cibarsi di plancton. Dipinti a strisce bianche e nere, i piccoli assomigliano al velenoso pesce gatto a strisce. Questo mimetismo li aiuta a restare al sicuro mentre cercano cibo.

Quindi, quando scende la notte, tornano nella tana dove gli scienziati credono che vadano a nutrire i loro genitori, rendendolo l’unico caso in natura in cui i piccoli si prendono cura degli adulti. I piccoli sono stati visti nuotare dentro e poi lasciare la bocca dei genitori, ma nessuno sa cosa facciano lì dentro. Stanno rigurgitando, o defecando, o una terza cosa che è forse ancora più ripugnante? Nessuno lo sa. Fa parte del mistero e della bellezza dell’oceano.

Il pesce elefante ha qualcosa di scioccante da dire

pesce elefante
Il pesce elefante (Foto YouTube)

Tutti sanno che i pesci parlano, giusto? Non parliamo solo di linguaggio dei segni o postura, ma di comunicazione effettiva. Gli scienziati hanno scoperto che i piranha hanno tre parole che “grugniscono” per comunicare tra loro e per avvertire le loro prede. I pesci sono in realtà molto vocali e comunicano tra loro tutto il tempo, ma il pesce elefante (Callorhinchus milii) ha forse uno dei metodi più insoliti per scambiare informazioni: l’elettricità. 

Il pesce elefante usa l’elettrorecezione per percepire il suo ambiente. Genera una carica elettrica e lo utilizza come sonar per orientarsi. Gli scienziati hanno anche scoperto che questa rara capacità di generare e percepire l’elettricità ha dato al pesce elefante una nuova forma di comunicazione. Esistono oltre 200 specie di pesci elefante e producono tutti un campo leggermente diverso; tutti possono sentire le reciproche correnti per distinguere le specie. Possono anche determinare il sesso e lo stato sociale, il tutto con l’elettricità. I maschi fanno addirittura delle serenate per le femmine, con una sorta di ronzio a bassa frequenza. È praticamente un pesce che canta una canzone elettrica.

Il pesce damigella ha un pollice verde… sulla pinna

pesce damigella flickr
Pesce damigella (Foto Flickr)

Esiste una specie di pesce damigella, la Stegastes nigricans, che ha un sistema digestivo molto debole. Non ha gli organi per macinare le piante fibrose come i suoi simili, e non ha gli enzimi digestivi per mangiare molte delle specie di alghe che esistono nel suo habitat. Tuttavia, può mangiare l’alga rossa della specie Polysiphonia, il che è fantastico, tranne per il fatto che questa alga è molto debole che non sopravvive molto bene, permettendo ad altre alghe di crescere al di sopra di essa.

In che modo riesce a sopravvivere questo animale? È un pesce limitato a una dieta specializzata di alghe che non crescono bene in natura. Sembra una ricetta per l’estinzione, ma questo pesce damigella invece ha davvero molto successo. Questo perché coltiva l’alga Polysiphonia.

I pesci damigella di tutto il mondo sono stati osservati mentre si avvicinano e difendono i loro appezzamenti di terra dagli intrusi e eliminando tipi di alghe meno appetibili. La Polysiphonia, anche se verrà mangiata, beneficia anche dell’accordo. Gli esperimenti hanno dimostrato che senza questo pesce che ne cura le trame, delle erbacce hanno rapidamente preso il suo posto. Le due specie sono diventate quasi completamente dipendenti l’una dall’altra.

I labridi sono esperti di business

labrido pulitore flickr
Labrido pulitore (Foto Flickr)

Il labrido comune è l’imprenditore delle barriere coralline. Le strisce blu brillanti sui suoi lati pubblicizzano i suoi servizi ad altri abitanti dei mari. Cosa vende? Servizi di pulizia e igiene. I labridi pulitori hanno territori, chiamati “stazioni di pulizia”, ​​dove altri pesci più grandi, persino gli squali, si allineano per essere ripuliti dai parassiti. Il labrido ottiene un pasto (e si spera non diventi lui stesso un pasto), mentre il pesce cliente viene ripulito di tutti i suoi pidocchi e altri parassiti. 

Il labrido pulitore ha un harem di fino a 16 femmine che lavorano con lui. Se una di loro diventa avida e morde un cliente, il maschio la inseguirà e la tormenterà. Quindi, si scuserà con il cliente accarezzandoli con le pinne. Non solo è un vero business dei pesci, ma ha tutti gli stessi problemi di personale e clienti delle aziende umane

Il labrido pulitore ha a che fare con cattivi dipendenti e clienti arrabbiati. Il pesce cliente ha molte scelte e può essere schizzinoso su chi lasciare che lo pulisca. I clienti guarderanno anche i team al lavoro per vedere chi fa il miglior lavoro. È un mercato difficile là fuori, soprattutto quando i lavoratori vogliono mangiare la carne dei clienti.

I pesci ciechi che possono sentire chi si avvicina

pesce tetra messicano flickr
Tetra messicano (Foto Flickr)

Il tetra messicano, o pesce cieco della caverna (Astyanax mexicanus) sono… bene, sono ciechi. Non hanno occhi, perché vivono nell’oscurità perpetua. Quindi come vivono? Perché non vanno a sbattere sui muri e le rocce o su altri pesci? Hanno un super senso chiamato “immagine idrodinamica”.

Tutti i pesci hanno un organo chiamato “linea laterale” lungo la lunghezza del loro corpo, che rileva le vibrazioni e il flusso di acqua intorno a loro. Alcuni pesci usano questo per nuotare in banco, o per sentire se un predatore si sta avvicinando alle loro spalle. Nel tetra messicano, questo senso è molto migliorato. Riescono a sentire muri, rocce e ostacoli semplicemente nuotando. È come un esteso senso del tatto. Il cambiamento nel campo del flusso attorno ai loro corpi consente loro di costruire una mappa di ciò che li circonda.

Ai pupfish piace il caldo

pesce pupfish death valley
Pupfish della Death Valley (Foto Flickr)

Solitamente, le vasche idromassaggio non devono superare i 40°C. Numerosi decessi dovuti a colpi di calore sono stati causati da temperature fino a 43°C. E anche a 40°C, non dovremmo restare in acqua più di 20 minuti. Il pupfish della Death Valley (Cyprinodon salinus) vive a questa temperatura tutto l’anno. In effetti, può arrivare fino a 47°C nelle sue insenature e pozzanghere. 

Queste temperature potrebbero cuocere qualsiasi altra cosa, ma al pupfish piace proprio vivere così. Ventimila anni fa, la Death Valley era un lago enorme, ma col tempo si è seccata in alcune piccole pozze. Quando tutto il resto alla fine è morto, il pupfish ha trovato il modo di riuscire a restare faticosamente in vita. Dimorando nelle calde acque bollenti a una salinità a volte quattro volte quella dell’oceano, il pupfish è uno dei grandi sopravvissuti del pianeta.

Il mummichog non può essere fermato

Mummichog flickr
Mummichog (Foto Flickr)

Non si può uccidere il mummichog. Può vivere praticamente ovunque. La baia è piena di agenti cancerogeni mortali? Al mummichog (dal nome scientifico di Fundulus heteroclitus) non importa. Il porto è pieno di letali bifenili policlorurati che causano fatali danni al fegato? Il mummichog se la ride. Anche nei fiumi sporchi coperti di chiazze di petrolio, questo piccolo pesce vive felice e sano

La maggior parte dei pesci evita l’acqua sporca e povera di ossigeno, ma non il mummichog. Se ha a che fare con un ambiente a basso contenuto di ossigeno, respira in superficie o cambia il suo sangue per legare più ossigeno. Perché alterare il sangue per lavorare un po’ di più non è così difficile, giusto?

Il mummichog può sopravvivere sia in acqua dolce che in acqua estremamente salata. In altri esperimenti, è stato dimostrato che il mummichog può persino adattarsi a vivere a gravità zero. Ed è un pesce molto utile, perché può consumare 2000 larve di zanzara al giorno. Questo è un super pesciolino che può sopravvivere non solo a una vasta gamma di veleni, ma anche ai voli spaziali.

Il Killifish delle mangrovie supera i suoi limiti

Killifish delle mangrovie pesci dalle abilità più assurde
Killifish delle mangrovie (Foto Pinterest)

Non importa quante abilità abbiano i pesci, c’è ancora una regola universale: sono bloccati nell’acqua. Il killifish delle mangrovie (Kryptolebias marmoratus) ha trovato un modo per aggirare anche questo requisito immutabile, però. Può vivere all’interno di alberi e rami in decomposizione sulla terra per mesi: questo è letteralmente un pesce che vive sugli alberi. 

Quando le piscine si seccano o l’acqua si ritira, il killifish delle mangrovie si incastra in vecchi alberi, noci di cocco vuote, lattine di bibite scartate o appena sotto le foglie morte. Fintanto che rimane umido, questo killifish può sopravvivere in questo modo per 66 giorni. E se anche altri pesci, come i dipnoi, possono sopravvivere senza acqua più a lungo – altri pesci dalle abilità più assurde che mai! – ma devono però andare in uno stato dormiente, una specie di letargo dei pesci.

Il killifish delle mangrovie invece mantiene un normale stato metabolico, in modo che non appena l’acqua lo colpisce, salta su e si allontana. Il segreto è che la loro pelle si comporta come una serie aggiuntiva di polmoni per conservare l’aria e mantenere costanti i livelli di sale. Sono alcuni dei più anfibi tra tutti i pesci anfibi… e sono anche ermafroditi. Quindi, mentre vivono in attesa del ritorno della marea, possono auto-fertilizzarsi per passare il tempo.

Il pesce che vive in acque infernali

pesce lingua pesci dalle abilità più assurde
Pesce lingua (Foto Flickr)

Nel 2006, una spedizione per esplorare la catena superficiale di vulcani sottomarini nell’arco della Mariana tra il Guam e il Giappone ha fatto diverse scoperte sorprendenti. Uno dei reperti più interessanti sono state le pozze di zolfo fuso sparse in tutta la gamma. Raggiungendo temperature di oltre 180°C e vomitando metalli pesanti solforici e tossici, queste prese d’aria non sono luoghi ospitali, ma il cosiddetto pesce lingua (della famiglia delle Cynoglossidae) le adora, invece. 

Questi pesci piatti e simili alle razze, sono stati osservati vivere tranquillamente in questo ambiente in gran numero. La densità di questo pesce è circa 100 volte maggiore di quella che normalmente si trova sulla piattaforma continentale. Allora, cosa sta facendo prosperare questi pesci dall’aspetto strano? Gli scienziati non lo sanno ancora. Sono di certo uno dei pesci dalle abilità più assurde.

Né qualcuno sa davvero come un pesce possa vivere proprio contro pozze di zolfo tossico bollente. Ancora più sorprendentemente, alcuni pesci furono visti giacere nelle pozze di zolfo. Stavano fluttuando sulla superficie di un calderone gorgogliante di zolfo fuso senza preoccuparsi affatto di nulla. Ecco come vive il pesce lingua: quello che chiamiamo inferno, loro chiamano casa.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello