Home Curiosita Vivere in città con un gatto: tutti i consigli per la convivenza...

Vivere in città con un gatto: tutti i consigli per la convivenza perfetta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:03
CONDIVIDI

Vivere in città con un gatto, in un appartamento, con tutte le esigenze di quelli che sono spazi ristretti e una vita frenetica, può anche essere facile con i nostri pratici consigli.

Vivere in città con un gatto
Tutti i consigli per vivere in città con un gatto al meglio. (Foto Pixabay)

Certo, vivere in città con il nostro gatto può sembrare una fantastica idea, ma non sarà priva di sfide. Anche se questi felini sono uno degli animali domestici più popolari, e rispetto ai cani sono sicuramente più “a bassa manutenzione”, hanno sempre dei bisogni da soddisfare. In effetti, possiamo lasciare un gatto solo a casa senza problemi, finché abbia cibo, acqua, un po’ di giochi e la sua lettiera. Si tratta anche di un animale piuttosto tranquillo di suo, il che lo rende un perfetto compagno in una casa piccola, o un appartamento di città. E allora, vediamo come far vivere al meglio la vita cittadina al nostro micio.

Potrebbe interessarti anche: Le razze di gatti più adatte alla vita da appartamento: quali adottare

Mici in appartamento: regole e tipi di gatti

cosa fa il gatto da solo in casa
Quali sono le regole da seguire, e le razze migliori di mici per noi (Foto AdobeStock)

Prima di trasferirci nel nostro nuovo appartamento con il micio, o prima di adottare un gatto da portare a casa, è sempre necessario assicurarsi che sia ben accetto.

In molti appartamenti, infatti, ci sono restrizioni in quanto ad animali domestici. Chiediamo quindi tutte le necessarie conferme in caso di regole condominiali sugli animali.

Alcuni animali potrebbero non essere ammessi, o magari alcune razze. Ci sono a volte anche dei limiti sul numero di animali domestici che possiamo avere in casa.

Ci sono alcune razze di gatti che si adattano meglio a vivere in città, sempre parlando di case piccole e appartamenti, perché non tutti i mici sono uguali.

  • British Shorthair: una razza nota per un comportamento tranquillo, e per la sua capacità di saper vivere bene anche al chiuso. Sono mici che non hanno comportamenti distruttivi, e sono anche piuttosto sedentari, quindi molto adatti per la vita in città e in appartamento.
  • Persiano: un’altra buona scelta per vivere in appartamento. Si tratta di gatti piuttosto tranquilli, anche se hanno bisogno di una certa dose di toelettatura. Sono anche un po’ inclini all’ansia di separazione, per cui non vanno bene se stiamo fuori per molto tempo.
  • Ragdoll: una razza nota per l’atteggiamento rilassato e delicato. Si tratta di un gatto che sa perfettamente vivere anche da solo per tutto il giorno, restando un gatto devoto ed affettuoso.

In ogni caso, dovremmo scegliere un gatto non basandoci solo sulla sua razza, ma sulla sua personalità, e sulla sua compatibilità con il nostro stile di vita per far vivere bene il nostro micio.

Un appartamento a prova di gatto

Tappetino refrigerante per gatti (Foto Adobe Stock)
Una casa perfetta per il nostro micio? Basta poco. (Foto AdobeStock)

Vivere in città non è sempre semplice per un gatto, perché non c’è molto spazio per muoversi, nè per osservare il panorama.

Ma abbiamo tanti modi per rendere il nostro appartamento più piacevole per il nostro micio, intervenendo per renderlo davvero confortevole.

Creare degli spazi verticali dona moltissimo spazio in casa al nostro micio. Lo spazio è fondamentale ancora di più se abbiamo più gatti in casa.

Creiamo delle aree su cui il nostro gatto possa saltare, così da incoraggiare il suo esercizio fisico. Spesso, infatti, i gatti che vivono in casa non fanno abbastanza attività.

Posatoi, alberi, mensole, librerie, sono tutte ottime idee per creare dei punti in alto su cui il nostro micio possa arrampicarsi e saltare. 

Ma anche un semplice davanzale davanti a una finestra sarà un punto di osservazione sul mondo esterno.

Non facciamo poi mancare qualche tipo di attività ed intrattenimento al nostro micio, anche se solitamente i gatti vengono visti come animali tranquilli.

Ogni giorno un gatto dovrebbe giocare almeno 15-20 minuti, secondo gli esperti. Se non adeguatamente stimolato mentalmente e fisicamente, potrebbe sviluppare problemi comportamentali.

Tiragraffi, giocattoli, ma anche i già accennati punti di accesso verticale (librerie, davanzali per finestre) saranno indispensabili per tenerlo occupato.

In casa, è importante avere il giusto numero di lettiere (soprattutto quando abbiamo più gatti), nei posti giusti della casa.

Ad un gatto non piace fare i suoi bisognini in una lettiera che è già utilizzata da altri gatti, e tantomeno in un posto troppo vicino al suo cibo.

Inoltre, è fondamentale che le lettiere siano pulite e tenute in ottime condizioni, per evitare di ritrovarci con un appartamento pieno di cattivo odore.

Esistono vari modelli di lettiere, per tutte le esigenze sia dei gatti che dei loro padroni, quindi sarà sicuramente possibile trovare quella adatta a noi.

Infine, evitiamo di avere oggetti fragili. Sappiamo che i gatti amano saltare sui mobili e sugli scaffali, e amano anche far cadere oggetti per gioco.

Teniamo da parte gli oggetti che sappiamo potrebbero rompersi, per evitare che diventino “vittime” del nostro micio.

Potrebbe interessarti anche: I migliori tipi di lettiera per gatto per chi vive in un piccolo appartamento

Un appartamento pulito e fresco

Il gatto sente la mancanza del padrone
Come tenere il nostro appartamento pulito con il gatto. (Foto Pixabay)

Se abbiamo un gatto in casa, non sarà facile tenere pulito e fresco il nostro appartamento. Non solo dobbiamo tenere pulite le lettiere, come abbiamo detto, ma anche molto altro.

Sarà necessario infatti effettuare una regolare pulizia in tutti i punti della casa, per evitare che si accumulino gli odori tipici di un gatto domestico.

Possiamo usare detergenti e disinfettanti, ma che siano adatti ai gatti! Ne esistono infatti alcuni che contengono sostanze tossiche per gli animali domestici, dobbiamo fare attenzione.

Esistono però anche deodoranti naturali, come il carbone attivo, il bicarbonato di sodio, l’aceto bianco. E anche degli oli essenziali, purché sicuri per il nostro gatto.

Dopo aver seguito tutti questi consigli, vivere in città con il nostro gatto in un appartamento, anche di piccole dimensioni, sarà facile.

In fondo, la vita cittadina può essere stressante e nevrotica, e un micio può essere un ottimo supporto per la nostra tranquillità alla fine della giornata.

F. B.