Home Gatti Salute dei Gatti Punture di insetti nel gatto: come comportarsi e quali rischi ci sono

Punture di insetti nel gatto: come comportarsi e quali rischi ci sono

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:42
CONDIVIDI

I mici sono molto curiosi. E proprio per questo, sono soggetti a qualche pericolo. Come comportarsi in caso di punture di insetti nel gatto?

Punture di insetti nel gatto: come comportarsi e quali rischi ci sono
Punture di insetti nel gatto: come comportarsi e quali rischi ci sono (Foto AdobeStock)

Un vecchio modo di dire, la curiosità ha ucciso il gatto, in realtà ha un certo elemento di verità. I gatti sono creature ficcanaso, mentre annusano in cerca di qualcosa di interessante. Studiano, cercano, esplorano, ma soprattutto cacciano: il loro istinto predatorio e fortissimo, e li porta alla ricerca costante di qualcosa da predare. E ovviamente, se trovano qualcosa di interessante, tendono a mangiarlo o morderlo, o anche soltanto a metterlo in bocca. Dato che i felini trovano interessanti gli insetti, li studiano annusandoli, e se mettono il naso dove non dovrebbero, potrebbero trovarsi con qualche puntura o morso, che potrebbe anche essere fatale.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto mangia una cimice: cosa fare, i rischi e i problemi in questi casi

Insetti e gatti: un rapporto burrascoso

Il gatto si morde la coda
Il gatto è stato punto da un insetto: cause e rimedi (Foto Pixabay)

Gli insetti risentono dell’intrusione nel loro territorio dei gatti ficcanaso, quindi pungono la parte del corpo più vicina, con gli occhi, le orecchie e le zampe come facili bersagli. Quando un gatto cammina su una collina coperta di formiche o disturba un nido di vespe o un alveare di api, questi insetti possono sciamare e pungere tutto il corpo del gatto. I ragni sono invece solitari, ma anche un solo morso di ragno può essere grave.

Le punture di api, vespe e calabroni e i morsi di formiche e ragni possono tutti dare problemi ai gatti. Il veleno degli insetti provoca problemi che vanno dalla lieve irritazione allo shock mortale. In quanto amorevoli padroni di animali domestici, dobbiamo cercare di ridurre al minimo la reazione intervenendo tempestivamente. Teniamo però presente che sebbene il pronto soccorso venga avviato a casa, i casi più gravi richiedono cure mediche immediate.

Ecco cosa possiamo fare quando in caso di punture di insetti nel gatto:

  • Essere pronti a riconoscere che il nostro gatto è stato morso o punto. Se il micio improvvisamente si mette una zampa in faccia, mastica le sue zampe o inizia a gonfiarsi in qualsiasi area del corpo, consideriamo la possibilità di una puntura d’insetto.
  • Identificare l’insetto. Cerchiamo rapidamente nell’area sia insetti volanti che striscianti. Poiché un ragno è difficile da identificare e può essere velenoso, cerchiamo di catturarlo se possibile.
  • Nel caso di punture di api, cerchiamo un pungiglione. Le api sono gli unici insetti che lasciano i loro pungiglioni nelle loro vittime. Questi pungiglioni abbandonati continuano a secernere il veleno, quindi rimuoverli riduce la quantità di tossina iniettata nel corpo del gatto. Se il pungiglione è ancora attaccato al gatto, rimuoviamolo raschiando con una carta di credito o una tessera in plastica sul pelo del gatto, e sfogliandolo. Non usiamo le pinzette, che potrebbero spremere più veleno dal sacco del pungiglione. Fortunatamente, altri insetti volanti (vespe, calabroni) non si lasciano alle spalle un pungiglione.
  • Curiamo la zona del morso o della puntura. Prepariamo una pasta densa di bicarbonato di sodio e acqua e applichiamola sul sito della puntura. Se il gatto ha subito più punture o morsi, un bagno rilassante alla farina d’avena è la strada da percorrere.
  • Ridurre al minimo il gonfiore. Applicare un impacco di ghiaccio sulla zona interessata per 10 minuti aiuta a ridurre il gonfiore. Una bustina di piselli surgelati funge da pratico impacco di ghiaccio per morsi singoli. Un asciugamano raffreddato funziona ancora meglio, per le aree più grandi.
  • Prevenire le reazioni allergiche, somministrando una dose di antistaminico orale (come la difenidramina) può ridurre al minimo la reazione ed il prurito. Consultiamo prima il nostro veterinario per il corretto dosaggio.
  • Ridurre il trauma del graffio è molto utile per la decorrenza della condizione. Usiamo un cono, se il nostro gatto continua a leccare o graffiare la ferita derivata dal morso o dalla puntura. I graffi costanti ritardano la guarigione, e possono causare infezioni.
  • Mantenere l’idratazione e l’assunzione di cibo costante. Diamo al gatto acqua fresca da bere. I gatti che vengono punti nella bocca possono avere difficoltà a mangiare, quindi diamo loro da mangiare cibo umido. Il cibo secco ammorbidito con acqua ha meno probabilità di turbare il suo tratto gastrointestinale rispetto al cibo in scatola.

Gli insetti che possono pungere/mordere il nostro gatto

Quali insetti possono più comunemente pungere il nostro gatto (Foto AdobeStock)

Gli insetti più probabili per il nostro gatto da incontrare sono i seguenti, ognuno con delle caratteristiche specifiche e diversi gradi di pericolosità.

Pulci

Le pulci sono insetti assetati di sangue che saltano sui corpi dei nostri animali domestici, e crescono sulla superficie della pelle. La testa, il collo, l’inguine, il perineo (area intorno all’ano) e la base della coda sono posizioni comuni in cui le pulci si riuniscono, mordono e irritano la pelle. Di conseguenza, il nostro animale leccherà, masticherà o graffi nel tentativo di alleviare l’irritazione. Le lesioni cutanee da punture di pulci possono presentare gonfiore, arrossamento, perdita di peli, croste e trasudamento.

Zecche

Le zecche si aggrappano opportunisticamente alla pelliccia di animali che sfiorano un filo d’erba, foglie, rami, terra o altre superfici ambientali. Le zecche sono creature che si muovono lentamente che strisciano sulla superficie della pelle, fino a quando non trovano una posizione adatta per mordere gli strati della pelle per prendere un pasto di sangue.

La faccia, la testa, le orecchie e i lati del corpo (fianchi) e gli arti sono siti comuni in cui vengono scoperte zecche su cani e gatti. Questi insetti possono passare inosservati fino a quando non si nutrono e le loro dimensioni crescono. Il rossore può verificarsi attorno al morso di zecca; gonfiore e croste possono quindi verificarsi dopo che il segno di spunta viene rimosso o cade.

Acari

Gli acari (come la rogna) sono insetti microscopici che scavano in profondità negli strati della pelle per nutrirsi e vivere. Le lesioni cutanee da rogna possono manifestarsi in tutto il corpo, ma le ascelle, l’inguine, i margini auricolari e le aree con peli minimi (gomiti, ecc.) sono più comunemente colpite. Gonfiore, arrossamento, perdita di peli, croste, trasudazioni o altre lesioni possono verificarsi, secondariamente alla rogna.

Zanzare

Gli animali domestici avvertono la sensazione di una puntura di zanzara che penetra nella pelle, quindi si verificano comunemente leccate improvvise, masticazione o graffi direttamente sul sito del morso. Tutte le superfici del corpo sono soggette a punture di zanzare, ma aree di superficie più ampia (schiena, fianchi, ecc.) del corpo forniscono ampie aree da mordere. Gonfiore, arrossamento e orticaria possono essere visti dopo la puntura di zanzara. Anche se il prudere può durare per minuti o ore, probabilmente non avrà effetti a lungo termine.

Api, calabroni e vespe

Come le zanzare, la puntura di un’ape, un calabrone o una vespa, tende a localizzarsi fino al punto di entrata nella pelle e può verificarsi in qualsiasi parte del corpo. Tuttavia, la puntura di questi insetti provoca un dolore significativo che può portare a vocalizzazione improvvisa, zoppia, prurito o altri segni. Inoltre, il loro veleno crea una significativa risposta infiammatoria che porta a gonfiore, arrossamento, orticaria e segni più sistemici come vomito, diarrea, inciampo, collasso e bassa pressione sanguigna (ipotensione) in animali domestici sensibili.

Formiche

Anche i morsi di formica causano dolore e gonfiore localizzati, ma in genere non hanno effetti significativi su tutto il corpo. Le formiche strisciano sugli animali nel punto di contatto tra una parte del corpo e il terreno, quindi gli animali domestici in piedi vengono morsi in piedi e gli animali che si rilassano possono essere morsi in qualsiasi parte del corpo a contatto con il pavimento. Prurito, arrossamento e zoppia sono più comunemente associati a morsi di formica su animali domestici.

Mosche

Come le pulci e le formiche, i morsi di mosca tendono a causare dolore e gonfiore, ma in genere non hanno effetti significativi su tutto il corpo. Gli animali neonati, geriatrici e con problemi di mobilità sono più inclini alle conseguenze dei morsi di mosca, inclusi prurito e arrossamento. Le mosche possono depositare le uova sulla pelle del nostro animale domestico, specialmente nelle piaghe aperte. In pochi giorni, le uova si schiudono in larve che strisciano sulla superficie o si rompono all’interno di strati più profondi della pelle e portano a gonfiore e infezione secondaria (batteri, ecc.).

Potrebbe interessarti anche: Malattie trasmesse dalle pulci al gatto: sintomi, cura e prevenzione

Quando preoccuparsi per una puntura di insetto

malattie dei polmoni nel gatto
Quando preoccuparsi per una puntura di insetti (Foto AdobeStock)

Come alcune persone, molti gatti sono ipersensibili (molto allergici) alle punture o ai morsi di insetti. Il grado di reazione varia a seconda del sistema immunitario del micio e del tipo di insetto. Le reazioni allergiche di solito si verificano entro 20 minuti dal morso, ma possono essere ritardate di ore, quindi un attento monitoraggio è fondamentale. Le reazioni più gravi (anafilassi) possono anche essere fatali, quindi un’azione rapida è vitale.

Portiamo il gatto dal veterinario per un controllo di emergenza al primo segno di uno qualunque (o più) di questi sintomi:

  • Grave gonfiore intorno alla testa e al collo (tanto da poter anche compromettere la respirazione). Non è necessario che il morso si sia verificato in queste aree.
  • Orticaria su qualsiasi parte del corpo. I segni possono apparire come protuberanze sotto la pelle che sollevano i peli o come protuberanze rosse su aree senza peli come la pancia. L’orticaria prude molto, quindi il gatto può rotolarsi nell’erba o sul pavimento nel tentativo di graffiare i punti difficili da raggiungere.
  • Difficoltà a respirare o respiro sibilante. I gatti di solito non respirano attraverso la bocca, quindi se il gatto inizia ad ansimare, chiamiamo il veterinario.
  • Eccessiva sbavatura, causata dal gonfiore alla gola e dalla difficoltà a deglutire la saliva.
  • Agitazione e ansia. Alcuni gatti a causa del prurito e della difficoltà a respirare si ritrovano in preda all’agitazione. Inoltre, il veleno degli insetti può influenzare il sistema nervoso.
  • Anche il vomito lieve e le feci molli possono indicare problemi.
  • Vertigini o disorientamento: se il gatto non è vigile o inciampa.
  • Convulsioni.

Le cure mediche possono salvare la vita del nostro gatto e mirano a ridurre la reazione allergica e prevenire lo shock. Oltre agli antistaminici, il veterinario può somministrare corticosteroidi o epinefrina al gatto, ma anche liquidi per via endovenosa per stabilizzare il gatto e l’ossigeno per aiutare la respirazione. 

L’obiettivo qui non è soffocare la curiosa natura del nostro gatto, ma essere preparato per le conseguenze. Ciò significa che dobbiamo agire rapidamente nel caso di punture di insetti nel gatto o morsi.

Fabrizio Burriello