Home Cani Salute dei Cani Quando portare fuori il cucciolo di cane per la prima volta: l’età...

Quando portare fuori il cucciolo di cane per la prima volta: l’età corretta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:45
CONDIVIDI

Portare fuori il cane è fondamentale per la sua crescita e la sua salute quotidiana. Ma quanto portare fuori il cucciolo per la prima volta, a che età è meglio?

A che età prendere un cucciolo di cane
Quando portare fuori il cucciolo di cane per la prima volta (Foto AdobeStock)

Tutti i cuccioli devono essere socializzati per evitare che diventino paurosi e ostili, quando sono più grandi. Quindi non è possibile tenere il cucciolo lontano dal mondo per le prime settimane: la socializzazione di un cucciolo che non è ancora immune da malattie gravi deve essere fatta con cura. Ma quando portare fuori il cucciolo in sicurezza, a che età può passeggiare o incontrare altri cani? Nel frattempo, dobbiamo comunque socializzare il nostro cucciolo e organizzare un incontro con altri cani vaccinati. E dobbiamo ovviamente prendere le dovute precauzioni per prevenire l’infezione del tuo cucciolo. Quindi, come bilanciare queste due questioni contraddittorie? 

Quando portare fuori il cucciolo di cane

A che età prendere un cucciolo di cane
Quando portare fuori il cucciolo di cane (Foto AdobeStock)

I cuccioli possono uscire all’esterno in luoghi pubblici quando sono completamente protetti dalle loro vaccinazioni, a circa 16 settimane. Di certo, quando portiamo a casa il nostro nuovo amichetto peloso, non vediamo l’ora di mostrarlo ad amici e parenti e portarlo a fare passeggiate. Ma a 8 settimane (quando solitamente vengono portati a casa) non sono ancora pronti.

Anche se potremmo aver ricevuto consigli contrastanti. Ma come abbiamo consigliato, è meglio tenere il cucciolo a casa fino a quando le sue vaccinazioni non saranno state completate, a circa 15-16 settimane. E complicando le cose, le uscite sono fondamentali per la socializzazione, e che queste uscite devono avvenire prima che il cucciolo abbia 13 settimane.

Ovviamente, non possiamo seguire entrambi i consigli contemporaneamente. Non dobbiamo preoccuparci, c’è una soluzione. Ne parleremo tra un momento. Innanzitutto, diamo un’occhiata ai problemi di vaccinazione e socializzazione.

Ci sono due ragioni principali per cui i proprietari di cuccioli vogliono uscire con i loro cuccioli. Innanzitutto, sanno che è importante per la socializzazione dei cuccioli. Secondo, portare fuori un cucciolo è divertente! Ma quando possono uscire i cuccioli: è sicuro portare fuori il cucciolo a poche settimane? 

Non vogliamo far sedere un cucciolo a casa per diverse settimane. Anzi, vogliamo metterlo in mostra e includerlo nelle gite in famiglia. Quindi, è frustrante sentirsi dire che è necessario tenerlo a casa fino a quando non sarà completamente coperto dalle vaccinazioni. Ma perché i cuccioli devono restare a casa? Molti veterinari e allevatori consigliano di tenere il cucciolo a casa fino a quando le vaccinazioni non avranno avuto effetto. Questo per proteggerlo dalle malattie infettive.

I veterinari spesso dicono ai proprietari di tenere il cucciolo a casa fino a una settimana dopo la vaccinazione finale. E non senza una buona causa: il cucciolo non avrà la piena immunità contro le malattie fino a quel momento. I cuccioli sono infatti vulnerabili alle infezioni. 

Ad esempio, è fondamentale tenere il cucciolo sollevato da terra dove altri cani hanno fatto i loro bisognini, ed evitare cani strani che potrebbero non essere vaccinati. Focolai regolari di parvovirus si verificano ancora nella maggior parte del mondo. E il parvovirus uccide, in particolare i cuccioli. Per non parlare di tutte le altre malattie canine che sono ancora prevalenti in molti paesi.

Tuttavia, c’è un problema con i consigli tradizionali di tenere il cucciolo a casa fino al completamento delle vaccinazioni. La mancanza di socializzazione può anche uccidere i cuccioli. Lo vedremo più in dettaglio tra un momento. Innanzitutto, diamo un’occhiata a come i cuccioli possono contrarre delle malattie. Questa informazione è importante per proteggere il tuo cucciolo.

In che modo i cuccioli possono prendere malattie?

A che età prendere un cucciolo di cane
In che modo i cuccioli possono prendere malattie? (Foto AdobeStock)

I cuccioli non possono contrarre malattie da noi padroni o dalla nostra famiglia umana. Questo perché la maggior parte dei germi che possono infettare un cane non può infettare l’uomo e viceversa. Tuttavia, il tuo cucciolo può contrarre malattie da altri cani.

E gli altri cani non hanno bisogno di apparire malati per essere contagiosi e far ammalare il tuo cucciolo. L’altro cane potrebbe essere un portatore (un cane che può infettare altri cani senza ammalarsi). Oppure l’altro cane potrebbe incubare una malattia e non mostrare ancora i sintomi. Ma anche il semplice terreno è un rischio!

Ancora più importante, il cucciolo può prendere alcune malattie annusando o leccando il punto in cui un cane infetto ha urinato o defecato. E sappiamo tutti come ai cani piace annusare e leccare le cose sul terreno. Quindi, il tuo cucciolo è a rischio a causa dell’esposizione a cani non vaccinati e pipì e cacca da un cane infetto. Teniamo a mente questi rischi.

Quando possono incontrare altri cani

traffico cani cuccioli
Quando possono incontrare altri cani (Foto Pixabay)

Quindi, quando possono essere i cuccioli intorno ad altri cani? Sempre più esperti raccomandano di portare fuori il cucciolo dal giorno in cui lo portiamo a casa, ma in condizioni rigorose. Se decidiamo di portare fuori il cucciolo in visita prima che abbia fatto tutti i suoi vaccini, dovremo seguire alcune linee guida di sicurezza.

Forse ci chiediamo di cosa siano, e perché i cuccioli devono uscire prima che le loro vaccinazioni siano completate. In fondo, se altri cani e luoghi che hanno fatto la cacca sono così rischiosi, perché portare fuori un cucciolo? 

Potrebbe sembrare molto più semplice tenere a casa il cucciolo per alcune settimane, soprattutto quando inizia a diventare pesante. Dopotutto, portare fuori un cucciolo di 22 chili non è uno scherzo! Ma ecco il problema. Molti cani muoiono ogni anno perché diventano aggressivi, perché non socializzati in modo corretto. I loro proprietari devono prendere la straziante e terribile decisione di farli addormentare.

Prevenire l’aggressività

Cucciolo di Dogue De Bordeaux
Prevenire l’aggressività (Foto Pixabay)

I cani mordono milioni di persone ogni anno. I postini vengono attaccati, i cani guida vengono attaccati e molti bambini vengono morsi. Ogni anno circa una dozzina di persone muoiono a causa di attacchi di cani. E centinaia, se non migliaia, di cani vengono uccisi o feriti in modo grave, a causa di comportamenti aggressivi. La maggior parte di queste tristi situazioni potrebbero essere evitate.

Chiaramente, l’aggressività nei cani è un problema sia per i cani che per le persone che mordono. Ma esiste un ottimo modo per prevenire l’aggressività nella maggior parte dei cani, se iniziamo a farlo quando sono cuccioli.

Perché i cani mordono? Il semplice fatto è che quasi tutti i morsi di cane sono causati dalla paura. I cani sicuri e amichevoli non mordono le persone. Quindi, una delle cose migliori che possiamo fare per il tuo cane è allevarlo in modo da essere fiducioso e amichevole. E il modo in cui i cani diventano amichevoli è attraverso un processo chiamato socializzazione.

Cani spaventati

Cucciolo di labrador (Foto Pixabay)
Cani spaventati: da dove deriva la paura? (Foto Pixabay)

“Tutti i labrador sono amichevoli” potremmo dire, ma questo non è vero. I piccoli cuccioli normalmente amano tutti, sono felici di essere coccolati e coccolati da chiunque capiti di passare. Ciò cambia prima che abbiano tre mesi, quando subentrano alcuni comportamenti legati alla paura.

Da dove viene la loro paura? La natura ha progettato cuccioli per essere spaventati da strani oggetti, persone, animali e situazioni. Questo accade quando sono in grado di esplorare da soli, a circa quattro mesi di età. Quella paura era una buona strategia nei lupi, da cui discendevano i nostri cani. Vivevano in un mondo in cui gli estranei potevano vedere un cucciolo come spuntino. Per questo motivo, la maggior parte degli animali selvatici è nervosa per gli estranei in questo modo.

La paura non è una cosa buona, per un cane che vive nella moderna società umana. Un cucciolo scarsamente socializzato amerà la sua famiglia e gli amici intimi, ma considererà il resto del mondo come una minaccia. I cani che si sentono minacciati possono diventare aggressivi e persino mordere.

L’importanza della socializzazione

A che età prendere un cucciolo di cane
L’importanza della socializzazione (Foto AdobeStock)

Molti cuccioli, persino adorabili cuccioli di Labrador, perdono il loro amore per gli estranei tra le otto e le dieci settimane, a meno che non siano socializzati. Entro tredici settimane, un labrador (come ogni altro cane) che è stato tenuto a casa sarà nervoso per gli estranei. Sarà ansioso in situazioni che non ha mai incontrato prima. Più persone e luoghi sperimentano il tuo cucciolo nelle prime dodici settimane di vita, meno è probabile che abbia paura.

I cani scarsamente socializzati sono spesso aggressivi, e l’aggressività tende a portare a problemi e situazioni negative nella vita del cane e della sua famiglia. Alcuni cani, però, hanno bisogno di più socializzazione di altri. I temperamenti variano e non è possibile essere sicuri di quale temperamento il nostro cane abbia ereditato in questa fase.

Quasi tutti i cuccioli di otto settimane che sono stati allevati in modo responsabile appariranno amichevoli. Non affidiamoci però ad un falso senso di sicurezza. Questo non è un indicatore di quanto saranno amichevoli in futuro. Una socializzazione deliberata ed estesa è l’unico modo per essere sicuri che il nostro cane sarà libero dalla paura e dall’aggressione che spesso ne deriva.

Sia che portiamo il cucciolo ovunque, o rischiamo di metterlo a terra, il tempo è poco. Quindi dobbiamo pianificare la socializzazione del nostro cucciolo, ed eseguire questo piano rapidamente e con determinazione. L’opportunità per la socializzazione è quasi finita quando il ciclo di vaccinazione iniziale è completo. Qual è il rischio maggiore per il nostro cucciolo: malattia o aggressività? Vedremo la risposta tra poco ma prima, quali sono le alternative?

Socializzare il cucciolo a casa

A che età prendere un cucciolo di cane
Socializzare il cucciolo a casa (Foto AdobeStock)

In passato, quando la maggior parte dei veterinari raccomandava che i cuccioli rimanessero a casa per le loro prime tredici settimane, alcuni proprietari cercavano di socializzare i cuccioli a casa. Socializzare il cucciolo a casa è importante, ma non è un sostituto della socializzazione nel mondo. Invitare dozzine di persone diverse a casa durante le settimane in cui il nostro cucciolo ha tra le otto e le dodici settimane non è pratico.

È importante che il cucciolo incontri una grande varietà di persone. Ciò include le persone su sedia a rotelle e in uniforme, gli anziani e i bambini di età diverse, in particolare i bambini piccoli. Il cucciolo ha bisogno di incontrare persone di etnie diverse, persone con cappelli strani, persone con voci forti, uomini grandi, persone coccolose e molto altro.

Inoltre, il cucciolo ha bisogno di provare i panorami, i profumi e i suoni di treni, camion e autobus. Deve sentire il vento soffiare e sentire la pioggia in faccia. In breve, dobbiamo esporre il tuo cucciolo a tutti gli aspetti che possono esistere nel nostro mondo umano. E semplicemente, non possiamo portare il mondo intero in salotto. Per garantire un futuro sicuro per il tuo cucciolo, dobbiamo portare il cucciolo fuori il più possibile durante quelle cruciali settimane di vita.

Quindi, quando portare fuori il cucciolo è un compromesso

Quanto esercizio fisico devono fare i cuccioli?
Quindi, quando portare fuori il cucciolo è un compromesso (Foto AdobeStock)

I cuccioli hanno bisogno di socializzare. Ma devono anche rimanere a casa e al sicuro dalle malattie. Che cosa si può fare? Quando portare il nostro cucciolo a fare una passeggiata? La risposta è di solito un compromesso tra le due cose. I veterinari si concentrano sulla salute del tuo cane, e alcuni raccomandano ancora di tenere il cucciolo a casa fino a quando non avrà circa quattordici settimane.

Man mano che vengono a conoscenza dei rischi della scarsa socializzazione, i comportamentisti canini, i formatori e gli allevatori raccomandano sempre più spesso ai proprietari di portare i cuccioli fuori fin dalla tenera età. Il consenso è che il rischio di una cattiva socializzazione supera i rischi di malattia.

Non è una decisione facile da prendere, soprattutto se il veterinario ha una visione più tradizionale. Ma in ogni caso, il compromesso sta diventando sempre più la norma. È meglio portare in giro il nostro cucciolo, dal momento in cui lo portiamo a casa. Ed è essenziale farlo in un modo che minimizzi i rischi per il tuo cucciolo. Quindi, se il cucciolo ha bisogno di uscire nel mondo, come possiamo assicurarci di non contrarre qualche brutta malattia?

Possiamo portare il tuo cucciolo in pubblico non appena ci siamo assicurati che sia protetto dalle malattie, o anche dal contatto diretto con altri cani, o attraverso il contatto con le loro urine, feci o superfici in cui questi sono stati.

Se portiamo fuori il cucciolo in pubblico – e molti esperti ora credono che dovremmo farlo – allora dobbiamo prendere precauzioni. Non possiamo semplicemente metterlo a terra e lasciare che corra i suoi rischi. Non può incontrare altri cani potenzialmente non vaccinati fino a quando non viene vaccinata da sola.

Cosa fare e cosa non fare

Il cucciolo di Golden Retriever (Foto Pixabay)
Cosa fare e cosa non fare. (Foto Pixabay)

Ecco cosa fare e non fare, per ridurre al minimo i rischi di infezione del cucciolo mentre lo aiutiamo a scoprire che il mondo è un luogo amichevole. Fino al completamento della copertura per la vaccinazione del cucciolo, per la massima sicurezza:

  • Mai mettere il cucciolo a terra dove altri cani hanno fatto la cacca o hanno urinato.
  • Non permettere al nostro cucciolo di giocare con cani estranei, non importa quanto sembrino amichevoli.
  • Non consentire al cucciolo di giocare con i cani dei nostri amici, a meno che questi animali non siano completamente vaccinati.
  • Mai far camminare a terra il cucciolo, a meno che non si siamo certi che il terreno non sia contaminato.
  • Consideriamo di consentire al cucciolo di frequentare una classe di cuccioli ben controllati, se tutti i cuccioli presenti hanno avuto le loro prime vaccinazioni. Ciò è particolarmente importante se non abbiamo amici con cani vaccinati da fargli incontrare.

Ci sono rischi in questo approccio? Probabilmente, ma nella maggior parte delle località in Europa e Nord America, questi rischi sono minimi.

Quando portare il cucciolo fuori in cortile?

cane attività fisica
Quando portare il cucciolo fuori in cortile? (Foto Flickr)

Abbiamo parlato della necessità di portare il cucciolo e tenerlo lontano dal suolo. Ma che dire di casa nostra? I proprietari di animali domestici potrebbero essere preoccupati di far uscire il loro cucciolo nel proprio cortile, prima che le vaccinazioni siano completate.

Da un lato è stato detto loro di portare spesso fuori il cucciolo per un addestramento banale. D’altra parte, non dobbiamo mettere il cucciolo a terra nel caso in cui prenda qualcosa. Non c’è da stupirsi che siano confusi e preoccupati! Ciò è particolarmente vero per le persone che sanno o sospettano che gli animali selvatici entrino nelle loro proprietà di notte.

Gli animali selvatici possono infettare il cucciolo? La malattia di cui la maggior parte dei proprietari di cani è preoccupata è il parvovirus canino. Nel Regno Unito, ad esempio, le volpi sono sensibili a questa malattia e il virus può sopravvivere per qualche tempo nelle feci infette.

Quindi esiste la possibilità, per quanto remota, che una volpe malata possa defecare dove gioca un cucciolo e che il cucciolo potrebbe essere contaminato dal contatto con la cacca di volpe, se nella zona dove abitiamo ci sono questi animali. Ovviamente per la maggior parte delle persone che abitano in città questo non è un grande problema.

I cuccioli vengono allevati nell’ambiente sterile e controllato della nostra cucina. Quindi, il cucciolo potrebbe temere il vento e la pioggia quando si trova fuori. Non avrà familiarità con la sensazione di erba, sole e terra. I suoni del canto degli uccelli e degli aerei in alto possono essere spaventosi. Per non parlare di tutte le altre delizie ed emozioni di essere fuori casa. Stare fuori è una parte importante dell’apprendimento precoce, e i cuccioli non dovrebbero saltare questa fase.

E anche se portiamo il cucciolo fuori molte volte al giorno per sperimentare queste cose, i progressi nell’addestramento per i bisogni saranno ritardati dal non stare a terra. Dovremmo insegnare a usare le traversine (tappetini igienici) per iniziare. Più tardi, dovremo però insegnare di nuovo da capo a fare i bisognini all’esterno. Questo può essere inevitabile se siamo fuori molto tempo per il lavoro, ma se possiamo, trarremo beneficio dall’insegnare a fare i bisognini all’aperto fin dall’inizio.

L’addestramento precoce prevede l’allontanamento dal cucciolo mentre ci segue. Farsi seguire dal cucciolo è la base di un addestramento con richiamo più formale che faremo in seguito. È importante che il cucciolo ci segua in giro in diversi luoghi all’aperto mentre è piccolo se possibile. Questo ci metterà in una buona posizione in seguito, quando sarà più indipendente. Il giardino o cortile è il luogo ideale per iniziare questa pratica.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello