Home Gatti Alimentazione Gatti Il gatto può mangiare aglio e scalogno? Rischi e benefici per la...

Il gatto può mangiare aglio e scalogno? Rischi e benefici per la sua salute

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:03
CONDIVIDI

Alcuni cibi di noi umani sono ottimi anche per gli animali domestici, ma non tutti. Il gatto può mangiare aglio e scalogno o sono dannosi per la sua salute?

Il gatto può mangiare aglio e scalogno?
Il gatto può mangiare aglio e scalogno? (Foto AdobeStock)

Si sa, i gatti (come gli altri animali domestici) possono essere molto curiosi di assaggiare il cibo di noi umani. E se qualche volta può essere un crimine senza conseguenze, quando il micio compie un furto di cibo umano non adatto a lui, potrebbe stare male. Anche molto male. Il gatto può mangiare aglio (e simili)? Esistono rischi per la salute del micio, che vanno considerati, e problemi medici che nel caso si verifichino devono essere tempestivamente segnalati al nostro veterinario. Scopriamone di più insieme.

Il gatto può mangiare aglio e scalogno?

Il gatto può mangiare aglio e scalogno?
Il gatto può mangiare aglio e scalogno? (Foto Flickr)

I gatti sono notoriamente schizzinosi ma a volte – e diciamo che i vari video di YouTube sono ottime prove – sviluppano un gusto per il cibo umano, come gli spaghetti o la frittata. Carino, certo, ma pericoloso. Ingredienti comuni come aglio e scalogno sono velenosi per i gatti

Dobbiamo sempre svuotare il banco da lavoro e tenere ben chiusa la dispensa per proteggere i tuoi compagni pelosi. Aglio e scalogno possono avere un ottimo sapore per noi, ma sono tossici per i gatti. Quindi dobbiamo fare attenzione e non lasciare mai questi alimenti “a portata di micio”

Il nostro gatto può essere attratto dall’odore pungente di aglio e scalogno, ma non dobbiamo mai lasciargli assaggiare questi alimenti. Aglio, scalogno, cipolla, porro, erba cipollina, – tutti membri del genere Allium – sono velenosi per i gatti. Il micio potrebbe ammalarsi mangiando una grande quantità in una volta sola, o anche se ne mangia poco ma per un lungo periodo.

Cibi come aglio e scalogno distruggono i globuli rossi e causano anemia. Il gatto potrebbe anche non ammalarsi per alcuni giorni dopo averlo mangiato. Potrebbe sembrare solo debole e stanco, ma dovremmo cercare altri sintomi di avvelenamento e anemia. Sono possibili: urine di colore che va da arancione a rosso, vomito, diarrea, gengive pallide, frequenza cardiaca elevata, perdita di appetito e disidratazione.

Ma in ogni caso, se il gatto può mangiare aglio o simili alimenti, lo farà probabilmente. Se notiamo che lo ha fatto, non dobbiamo aspettare che si sviluppino i sintomi. Chiamiamo immediatamente un veterinario o una linea antiveleni per gli animali domestici.

Un alimento davvero pericolosissimo

cucina ricette casa
Cucinare aglio? Attenzione al micio! (Foto Pexels)

La maggior parte dei gatti non è attratta dall’odore di aglio crudo, scalogno e membri simili della famiglia delle cipolle. Una volta saltati, arrostiti o inclusi in un piatto da forno, però, diventano più allettanti. Potrebbe essere necessario anche dover allontanare il gatto, mentre si cucina o si mangia.

Le forme concentrate di Allium – probabilmente in cucina possiamo avere polvere di aglio e/o di cipolla – comportano maggiori rischi di avvelenamento. Vanno conservati in modo sicuro. La polvere di cipolla anche è un comune additivo per alimenti per bambini (omogeneizzati, ad esempio), che alcuni proprietari di animali da compagnia usano per i gatti malati o sensibili, ignari dei loro effetti negativi. Da evitare assolutamente.

Controlliamo sempre tutti gli ingredienti elencati nei prodotti alimentari per gatti. Anche se i livelli di Allium presenti negli alimenti per gatti commerciali sono approvati dalle normative e difficilmente possono causare problemi di salute acuti, è possibile una tossicità a lungo termine.

In cucina con il micio

Il gatto può mangiare cibo umano?
Il cibo umano per i gatti: può essere pericoloso. (Foto Flickr)

È meglio evitare del tutto di nutrire il gatto con cibo umano. Puliamo la cucina mentre cuciniamo, per evitare un lavoro in più dopo i pasti. Ricordiamo di conservare tutti gli alimenti e gli ingredienti potenzialmente tossici in contenitori a prova di gatto (beh, in realtà nulla è veramente “a prova di gatto”, ma facciamo uno sforzo e smettiamo di provare a insegnare al nostro gatto ad aprire il frigorifero). Proviamo a dare da mangiare ai mici prima dei pasti, per evitare di avere animali domestici a tavola.

E se teoricamente il gatto può mangiare aglio in quantità minori senza problemi, non ci sono informazioni definitive sulla quantità che può andar bene, in tutta sicurezza. Le attuali normative per l’aglio negli integratori alimentari sono probabilmente adatte alla maggior parte degli animali. In assenza di ulteriori studi, è meglio evitare del tutto di dare al nostro gatto cibo e sostanze pericolose, se anche non velenose.

Cos’è l’avvelenamento da aglio?

Il gatto puzza
Cos’è l’avvelenamento da aglio? (Foto Pixabay)

Le sostanze chimiche presenti nell’aglio entrano nel flusso sanguigno del gatto e iniziano a rompere i globuli rossi, il che porterà rapidamente all’anemia emolitica, una condizione molto pericolosa. Alcuni dei sintomi che potremmo osservare includono vomito, difficoltà respiratorie, diarrea e gengive pallide

Più attendiamo per ricevere assistenza medica, più grave diventa la condizione del micio. Se notiamo uno dei sintomi di avvelenamento da aglio, portiamo il tuo gatto da un veterinario il prima possibile per prevenire complicazioni potenzialmente fatali. Alcuni proprietari di gatti danno ai loro animali aglio perché si ritiene che abbiano benefici medicinali, inclusa la prevenzione delle malattie cardiache e delle pulci. Tuttavia, come abbiamo già detto l’aglio è tossico per i gatti, quindi non dovrebbe mai essere incluso nella loro dieta, in nessun caso. 

Sintomi e cause di avvelenamento da aglio nei gatti 

Buttare il gatto fuori dal letto
Sintomi e cause di avvelenamento da aglio nei gatti. (Foto Unsplash)

I sintomi di avvelenamento da aglio potrebbero non apparire immediatamente. In effetti, spesso occorrono dai due ai quattro giorni successivi al consumo per far apparire i sintomi, il che può rendere molto difficile la diagnosi di questa condizione per i proprietari di gatti e i veterinari. Alcuni dei sintomi che si possono osservare includono: 

  • Vomito
  • Diarrea
  • Affaticamento
  • Difficoltà respiratoria
  • Aumento della frequenza respiratoria
  • Aumento della frequenza cardiaca
  • Gengive bianche
  • Collasso

L’avvelenamento da aglio è causato – come è facile intuire – dall’esposizione all’aglio. La quantità di aglio necessaria per avvelenare il gatto varia a seconda del peso, della salute e del tipo di razza del gatto. Nella maggior parte dei casi, il gatto può mangiare aglio anche nella quantità di un singolo spicchio, per essere avvelenato. Dopo aver consumato l’aglio, questo inizia a danneggiare i globuli rossi, il che li rende più propensi a esplodere, portando infine all’anemia emolitica. 

Diagnosi di avvelenamento da aglio

malattie dei polmoni nel gatto
Contattare il veterinario per ogni evenienza. (Foto AdobeStock)

Se si nota uno qualsiasi dei sintomi di avvelenamento da aglio, bisogna portare immediatamente il gatto in un veterinario per il trattamento. Descriviamo i sintomi che abbiamo osservato, quando sono iniziati e le eventuali modifiche alla dieta del nostro micio. Il veterinario inizierà eseguendo una serie di test, tra cui un emocromo completo, analisi delle urine e profilo chimico del sangue. I risultati di questi test aiuteranno il veterinario a determinare se il micio soffre di bassi livelli di globuli rossi. Il veterinario dovrebbe essere in grado di individuare i corpi di Heinz, che si verificano quando il gatto soffre di anemia emolitica, in un campione di sangue. 

Tuttavia, ci sono una serie di cause di anemia emolitica, quindi il veterinario non può determinare se il micio ha avvelenamento da aglio solo dalla presenza dei soli corpi di Heinz. In molti casi, la diagnosi viene fatta in base alla presenza di corpi di Heinz e alle informazioni fornite dal proprietario del gatto. Ecco perché è così importante essere il più dettagliati possibile quando parliamo con il veterinario delle condizioni del nostro amico a quattro zampe. 

Trattamento dell’avvelenamento da aglio nei gatti

malattie dei polmoni nel gatto
Il veterinario curerà il gatto in caso di avvelenamento da aglio. (Foto AdobeStock)

Il trattamento varia in base a quando il gatto ha consumato l’aglio. Se l’aglio è stato recentemente consumato, il veterinario inizierà a indurre il vomito somministrando per via orale una soluzione di perossido di idrogeno al 3%. Ciò rimuoverà tutto l’aglio dallo stomaco del nostro pelosetto che non è stato digerito e impedirà il peggioramento delle condizioni del gatto. 

Un lavaggio gastrico, che è il termine medico per il lavaggio dello stomaco, può anche essere eseguito per garantire che tutte le tossine siano state lavate dallo stomaco. Potrebbe essere necessario che il veterinario somministri anche il carbone attivo. Il carbone attivo assorbe le tossine in modo che non abbiano la possibilità di entrare nel flusso sanguigno del gatto e causare ulteriori danni. Il veterinario dovrà monitorare le condizioni del gatto per determinare se ha bisogno di cure di supporto come liquidi per via endovenosa o ossigenoterapia. 

È comune che i gatti con avvelenamento da aglio abbiano bisogno di liquidi per via endovenosa per prevenire la disidratazione a causa del vomito e della diarrea che questa condizione provoca. Se abbiamo usato uno spray o un prodotto omeopatico con aglio sulla pelle del gatto, il veterinario dovrà lavarlo accuratamente per rimuovere eventuali tossine persistenti. Sebbene sia raro, se le condizioni del micio sono gravi e ha già perso molti globuli rossi, potrebbe essere necessaria una trasfusione di sangue completa per sopravvivere

Nei casi lievi o moderati di avvelenamento da aglio, i tassi di recupero sono alti, tuttavia i gatti con gravi casi di avvelenamento da aglio possono soffrire di complicazioni. Il veterinario può tenere il gatto dopo il trattamento per assicurarsi che le sue condizioni siano stabili prima di rilasciarlo. Una volta che è stato rilasciato, chiediamo al veterinario di eventuali cure a domicilio mentre il gatto guarisce. 

Innanzitutto, è importante rimuovere qualsiasi forma di aglio dalla dieta del gatto e attenersi agli alimenti per gatti approvati dal veterinario. Controlliamo tutti i prodotti che usiamo, compresi eventuali pulci omeopatici o trattamenti per la pelle, per assicurarci che non sia incluso alcun tipo di aglio o alimenti della famiglia Allium. Se usiamo l’aglio durante la cottura, assicuriamoci di tenerlo in un’area in cui i gatti non possano raggiungerlo.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello