Home Non solo Cani e Gatti Malattie della tartaruga acquatica: come riconoscere le più comuni

Malattie della tartaruga acquatica: come riconoscere le più comuni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:06
CONDIVIDI

Come tutti gli animali domestici (e non), anche le tartarughe d’acqua possono ammalarsi. Quali sono le malattie della tartaruga acquatica più comuni?

Malattie della tartaruga acquatica: le più comuni (Foto Pinterest)
Malattie della tartaruga acquatica: le più comuni (Foto Pinterest)

Le tartarughe acquatiche sono animali domestici molto popolari, e molte specie sono colorate, di dimensioni modeste e intelligenti. Se curate adeguatamente, questi simpatici rettili possono vivere anche per decenni (spesso più dei loro padroni). E proprio per la loro longevità, è importante comprendere la responsabilità che deriva dalla cura di una tartaruga acquatica negli anni a venire. La maggior parte delle specie di tartarughe acquatiche richiede vasche piuttosto grandi, con acqua pulita e un volume d’acqua adeguato alle loro dimensioni. Di conseguenza, prendersi cura delle tartarughe acquatiche può essere più laborioso della cura dei rettili terrestri di animali domestici come tartarughe, serpenti o lucertole. Ma riconoscere le malattie della tartaruga acquatica più comuni può aiutarci a farle vivere a lungo e felici.

Potrebbe interessarti anche: Tartarughe di terra o di acqua: differenze e caratteristiche

La cura delle tartarughe acquatiche

tartaruga che nuota Facebook
Tartaruga che nuota: come curare questa piccola rettile (Foto Facebook)

Purtroppo, la cura necessaria e la lunga durata delle tartarughe acquatiche portano a volte i proprietari a non voler più prendersi cura di loro. Molte tartarughe indesiderate vengono abbandonate in rifugi per animali o rilasciate in natura, spesso in habitat non adatti a loro, o dove non sono diffuse in natura, causando quindi problemi come specie invasive.

I proprietari di animali domestici dovrebbero comprendere appieno l’impegno richiesto nella cura adeguata delle tartarughe acquatiche come animali domestici. Prima di selezionare una specie, devono essere condotte ricerche approfondite sulle necessità di questi animali, come temperatura, dieta, illuminazione, dimensione dell’acquario e dimensioni che raggiungerà da adulto. Fortunatamente, ora c’è un’abbondanza di buone informazioni e prodotti utili per migliorare la cura delle tartarughe in cattività.

Le specie di tartarughe acquatiche più popolari nel mondo includono molte delle specie nordamericane della famiglia Emydidae, come le tartarughe dipinte (Chrysemys picta), le tartarughe geografiche (del genere Graptemys), le tartarughe “cooter” e le scivolatrici (generi Pseudemys e Trachemys.) e anche le tartarughe dal ventre rosso a collo corto (Emydura subglobosa), ma anche le tartarughe dalle orecchie gialle, rosse o arancioni. Molte altre specie sono allevate solitamente dagli hobbisti più esperti. 

Come per tutti i rettili, i proprietari di questi animali dovrebbero assicurarsi prima di tutto che sia legale tenere una particolare specie nella zona in cui risiedono, e che gli esemplari siano stati acquisiti legalmente. Alcune specie di tartarughe acquatiche, come le tartarughe marine, sono protette da leggi molto severe a seconda dello stato di residenza. 

In ogni caso, se ci sono segni di cattiva salute (come occhi gonfi, naso che cola, eccetera), è meglio far esaminare la nostra tartaruga da un veterinario. Come tutti gli animali domestici, le tartarughe acquatiche purtroppo possono ammalarsi, soprattutto quando non vengono curate in modo adeguato. È importante un esame annuale da parte di un veterinario con esperienza nella cura delle tartarughe. Durante l’esame, sarà così possibile valutare la salute generale della tartaruga, e discutere eventuali modifiche nella sue attuali cure.

Le diete povere possono provocare malattie nutrizionali, le basse temperature dell’acqua possono causare un indebolimento della risposta immunitaria, la scarsa qualità dell’acqua può causare problemi agli occhi, alla pelle e al guscio, mentre una scarsa illuminazione può causare ossa deboli. 

Anche se curate alla perfezione, le malattie sono sempre dietro l’angolo. I segni delle malattie della tartaruga acquatica spesso includono letargia, strano modo di galleggiare (ad esempio, coricata di lato), scarso appetito, e i già anticipati occhi gonfi e naso che cola. Questi non sono segni di una malattia in particolare, ma piuttosto sono sintomi che la nostra tartaruga non sta bene. Se notiamo uno o più di questi segni, è necessario programmare un appuntamento per vedere un veterinario.

Malattie nutrizionali nelle tartarughe acquatiche

la tartaruga respira con il sedere
Malattie della tartaruga acquatica legate alla dieta (Foto Adobe Stock)

Tra le malattie della tartaruga acquatica, negli ultimi anni si è ridotta la presenza di problemi nutrizionali, soprattutto grazie alla maggiore possibilità di conoscere informazioni sull’allevamento, gli alimenti disponibili in commercio adatti a queste tartarughe, e di prodotti di illuminazione adeguati.

Un problema molto noto, il “guscio molle” (un sintomo dell’iperparatiroidismo secondario nutrizionale) è causato da inadeguati livelli nella dieta di calcio e vitamina D, quantità eccessiva di fosforo tra gli alimenti, e mancanza della luce ultravioletta (UV). Questa malattia è più comune nelle tartarughe giovani, ed i sintomi possono includere un guscio morbido, ossa rotte e debolezza. 

Se rilevata precocemente, la malattia può essere curata e risolta semplicemente modificando dieta e illuminazione, anche se i casi più gravi possono richiedere supplementi di farmaci prescritti dal veterinario.

Durante il trattamento, se l’animale affetto da guscio molle mangia normalmente, dobbiamo implementare la sua dieta, inserendo anche alimenti che hanno molto calcio, e anche degli integratori di calcio e vitamina D3. Luce solare naturale dovrebbe essere fornita, se possibile, o illuminazione artificiale UVB.

La carenza di vitamina A nelle tartarughe provoca spesso gonfiore agli occhi. In passato, era comunemente visto nelle giovani tartarughe che venivano alimentate con carne di manzo, pollo, insetti o lattuga iceberg non integrata. Questo problema è stato in gran parte eliminato con la disponibilità di diete complete a base di tartaruga.

Il trattamento è generalmente efficace con una prescrizione da parte del veterinario di vitamina A. I veterinari devono fare attenzione a non diagnosticare la carenza di vitamina A in un animale che è stato a dieta con – invece – adeguata vitamina A. Spesso, il gonfiore degli occhi in questi campioni è dovuto a un’infezione batterica o virale, o all’esposizione a luce UV eccessivamente forte.

Malattie infettive nelle tartarughe acquatiche

Prendersi cura della tartaruga domestica
Malattie infettive nelle tartarughe acquatiche (Foto Pixabay)

Le infezioni sono comuni malattie della tartaruga acquatica. Nella normale flora presente nell’habitat delle tartarughe ci sono anche batteri e funghi, e altri batteri si trovano abbondantemente nella bocca e nell’apparato digerente di questi animali. A volte, tuttavia, questi organismi possono entrare in parti del corpo dove normalmente non dovrebbero essere trovati, e quindi può svilupparsi un’infezione.

Le tartarughe spesso sviluppano infezioni del guscio, del tratto respiratorio, della pelle, delle orecchie e del tratto digestivo. Nei casi più gravi, potrebbe anche arrivare al corpo passando tramite il sistema circolatorio. Le infezioni del guscio possono essere di vari tipi: molto lievi e superficiali, dello strato esterno di cheratina, o anche gravi e profonde come l’osteomielite, che è un’infezione del guscio. 

Per capire se c’è un’infezione da guscio possiamo cercare alcuni segni: scolorimento, desquamazione anomala della cheratina, sanguinamento, parti molli del guscio e cattivo odore. Per alcune specie (come le tartarughe dipinte), è normale vedere spargimento delle sottili scaglie di cheratina del guscio mentre la tartaruga cresce, e questo non deve essere confuso con l’infezione.

Le infezioni respiratorie possono variare da semplici infezioni dei seni nasali, alla polmonite potenzialmente letale. L’infezione dell’orecchio (otite) provoca rigonfiamento della membrana timpanica sul lato della testa.

Le infezioni dell’apparato digerente, in particolare le infezioni parassitarie, possono causare diarrea o sangue nelle feci. Numerosi parassiti interni causano malattie in questi animali, e colpiscono spesso il tratto digestivo, il sistema circolatorio, il fegato e i reni. In particolare, trematodi della famiglia Spirorchiidae (si tratta di vermi), e protozoi come l’Entamoeba possono causare danni significativi. Mentre alcune infezioni rimangono all’interno del tratto digestivo, l’Entamoeba può diffondersi ai reni o al fegato.

Il trattamento delle infezioni dipende dalla diagnosi esatta: ad esempio, quali parti del corpo sono infette, quali organismi infettivi sono coinvolti e la gravità dell’infezione. Un esame fisico completo e dei test diagnostici consentono al veterinario di sviluppare un piano di trattamento. Possono essere necessari test come colture, analisi dei parassiti fecali, radiografie e biopsie.

Per alcuni tipi di infezione, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere i tessuti infetti o morti. Farmaci come antibiotici, antiparassitari e antimicotici possono essere erogati attraverso una varietà di vie, inclusi metodi topici, orali, iniettabili o anche nebulizzati. Come per tutti i rettili malati, il mantenimento di adeguate temperature ambientali e di alimentazione corretta è essenziale durante il trattamento delle malattie infettive.

Malattie riproduttive nelle tartarughe acquatiche

Prendersi cura della tartaruga domestica
Malattie riproduttive nelle tartarughe acquatiche (Foto Unsplash)

L’allevamento in cattività di tartarughe acquatiche è ora abbastanza comune, fornendo esemplari sani per l’industria degli animali domestici e a volte anche aiutando a conservare alcune specie in pericolo. Nel corso del ciclo riproduttivo, in particolare per le femmine, ci sono però varie cose che potrebbero accadere, portando a processi anomali.

Quando le tartarughe femmine raggiungono la maturità sessuale, in genere iniziano un ciclo riproduttivo annuale, durante il quale i follicoli sulle loro ovaie si ingrandiscono e si riempiono di tuorlo. Questi follicoli alla fine ovulano ed entrano negli ovidotti, dove diventano i tuorli delle uova. Quando un follicolo passa lungo l’ovidotto, si formano l’albume e il guscio d’uovo, e le uova sono quindi pronte per essere depositate nel terreno.

Vari problemi possono insorgere in qualunque punto lungo questo processo. In alcuni casi, i follicoli potrebbero non riuscire a ovulare, e rimanere invece ingranditi (una condizione detta stasi follicolare). Nel tempo, i follicoli statici possono iniziare a decomporsi, perdendo materiale tuorlo all’interno della tartaruga e portando a una condizione chiamata celomite del tuorlo.

In altri casi, le uova, complete di guscio, vengono trattenute troppo a lungo negli ovidotti, dove potrebbero rimanere bloccate. Raramente, le uova possono spostarsi in aree insolite del corpo, come il colon o la vescica urinaria, o addirittura allentarsi all’interno della cavità corporea della tartaruga.

Fortunatamente, la diagnosi e la gestione di tali condizioni è diventata piuttosto sofisticata negli ultimi anni, e molti di questi casi possono essere gestiti in modo medico o chirurgico se la condizione viene rilevata abbastanza in tempo.

I principi della chirurgia mini-invasiva degli umani vengono ormai applicati alle tartarughe, e i veterinari possono ora rimuovere eventuali uova o ovaie se malate, quando necessario. È persino possibile, e abbastanza ragionevole, far sterilizzare una tartaruga femmina prima che sorgano questi tipi di problemi.

Corpi estranei nelle tartarughe acquatiche

Prendersi cura della tartaruga domestica
Corpi estranei nelle tartarughe acquatiche (Foto Unsplash)

Le tartarughe sono molto curiose, e spesso mangiano tutto ciò che è abbastanza piccolo per loro da ingerire. Una volta ingeriti, gli oggetti che non sono prodotti alimentari vengono definiti corpi estranei. Materiali come ghiaia, monete e gioielli possono essere consumati. Se la tartaruga è abbastanza grande rispetto alla dimensione dell’oggetto, i corpi estranei possono passare attraverso il sistema digestivo di una tartaruga senza incidenti. 

Ma se gli oggetti sono grandi, numerosi o pesanti, possono rimanere intrappolati nel sistema digestivo della tartaruga, causando un’ostruzione. Le ostruzioni possono diventare pericolose per la vita nel tempo, ma se rilevate abbastanza presto, il paziente può spesso essere gestito con successo mediante un’endoscopia o la chirurgia.

Gli ami da pesca sono un tipo specifico di corpo estraneo, e anche se è insolito per una tartaruga da compagnia ingerire un amo da pesca, gli ami sono comunemente trovati nelle tartarughe acquatiche selvatiche, che vengono presentate ai centri di riabilitazione. Il risultato dell’ingestione dell’amo è abbastanza variabile e dipende dal tipo di amo, dalla posizione in cui è stato depositato e dalla presenza di una lenza. Nei casi semplici, un singolo gancio è presente nella bocca, da dove può essere rimosso facilmente.

Nei casi più complicati, l’amo è alloggiato nella profondità dell’esofago vicino alla base del cuore, ed una lunga linea di lenza si estende nell’intestino, dove taglia gradualmente attraverso la parete intestinale. La gestione di ciascun caso è diversa e il veterinario utilizzerà una varietà di informazioni per determinare come procedere.

I traumi nelle tartarughe acquatiche

Prendersi cura della tartaruga domestica
I traumi nelle tartarughe acquatiche, specie al guscio (Foto Pixabay)

Oltre alle malattie della tartaruga acquatica, possono esserci anche dei traumi. Il guscio di una tartaruga da compagnia può essere danneggiato da un cane, o talvolta da incidenti più gravi che coinvolgono, ad esempio, un tosaerba o un’automobile. Alcuni casi gravi possono giustificare l’eutanasia, ma molti possono essere gestiti con successo con varie tecniche di riparazione del guscio. Questi metodi vengono spesso insegnati in occasione di conferenze veterinarie e di riabilitazione, pertanto molti veterinari possono fornire tali servizi.

È importante riconoscere che oltre all’ovvio trauma del guscio, ci sono spesso problemi più gravi, come la perdita di sangue, un battito cardiaco rallentato e il forte dolore. Pertanto, i pazienti con trauma da guscio devono essere gestiti analizzando a fondo la situazione.

Potrebbe interessarti anche: Malattie delle tartarughe trasmissibili all’uomo: quali sono e come evitarle

Conclusione

Tartarughe marine (Foto Pixabay)
Tartarughe acquatiche: la loro salute dipende da noi. (Foto Pixabay)

Esistono molte altre malattie della tartaruga acquatica che colpiscono questi animali da compagnia, ma studiando a fondo le esigenze di allevamento e la storia naturale di ogni specie, i padroni di questi rettili possono ridurre al minimo il rischio di queste malattie.

Come regola generale, un periodo di quarantena della durata di almeno un mese dovrebbe essere applicato a qualsiasi nuovo arrivo in famiglia, in particolare nel caso delle tartarughe più grandi e delicate.

Durante il periodo di quarantena, un esame e vari test diagnostici da parte di un veterinario, possono aiutare a rilevare eventuali malattie contagiose. I padroni di tartarughe dovrebbero essere consapevoli dei comuni segni di una malattia, e dovrebbero cercare cure veterinarie quando si notano tali segni.

F. B.