Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili Come fare amicizia con i corvi: un nuovo animale domestico in pochi...

Come fare amicizia con i corvi: un nuovo animale domestico in pochi passi

I corvi sono uccelli estremamente intelligenti e interessanti. Ma come fare amicizia con i corvi e avvicinarsi a loro in maniera sicura e corretta?

Come fare amicizia con i corvi
Come fare amicizia con i corvi? (Foto Pinterest)

Immaginate la scena: siamo seduti fuori casa in cortile o in giardino, quando alzando gli occhi vediamo un corvo seduto sul filo del telefono. Quel corvo seduto a un certo punto ci guarda con la testa inclinata da un lato, osservandoci con un amichevole occhio nero. Anche se non possiamo esserne certi, sembra proprio che sia divertito quanto noi e ci stia fissando incuriosito. E infatti molte persone ritengono che questo uccello sia un ottimo animale da compagnia, anche se resta in libertà. Ma come fare amicizia con i corvi, senza avere problemi di sicurezza nè per noi che per loro?

La via per il cuore di un corvo

Curiosità sugli uccelli
Un animale estremamente intelligente: il corvo (Foto Unsplash)

Il modo migliore per presentarci a un corvo è nutrirlo. Di sicuro ci sono altri modi per farlo, ma il modo più semplice e veloce per il cuore di un corvo (come per tanti altri animali, in fondo) è il cibo. Alcuni potrebbero sostenere che un corvo sia un animale selvatico e alimentandolo, incoraggiamo una dipendenza innaturale. 

Con la maggior parte della fauna selvatica, questa è una filosofia eccellente. Ma i corvi e gli umani vivono fianco a fianco da secoli ormai, e ricercatori indicano molti casi di coevoluzione culturale tra di noi. La relazione tra umani e corvi è stata probabilmente simbiotica e da un bel po’ tempo.

Certamente, dopo tutto questo tempo insieme, le vite e le storie degli umani e dei corvi si sono strettamente intrecciate. Quindi, comunque, siamo vicini di casa – in molti casi – e regalare una forma di alimentazione è la cosa giusta che farebbe un vicino quando si presenta in un nuovo quartiere.

Come fare amicizia con i corvi: passo dopo passo

corvi uccelli neri
Il nero corvo sorveglia da un ramo… Cosa vedrà? (Foto Pexels)
  • Troviamo un cibo che ai corvi sembra piacere. Ciò può richiedere qualche prova ed errore, poiché questi uccelli possono essere sorprendentemente schizzinosi. Sapremo che a un corvo piace quello che gli diamo da mangiare, a giudicare dalla velocità con cui scende per afferrarlo. Se quel mucchio di avanzi resta al suo posto tutto il giorno, significa che non gli interessa, quindi proviamo qualcos’altro, assicurandoci solo che sia salutare. Ai corvi piacciono i cibi fast food, ma dar loro da mangiare quel tipo di cibo – anche se delizioso – probabilmente non è una cosa salutare per loro.
  • Facciamo scorta di quel cibo. Compriamone abbastanza da non rimanere mai senza. Ad esempio, se scopriamo che che piacciono loro le noccioline, compriamo degli enormi sacchetti (non salate, ovviamente!).
  • Stabiliamo un programma di alimentazione regolare, in modo che i corvi sappiano quando aspettarci, e viceversa. Se non si stabilisce un ritmo per l’interazione, la relazione potrebbe non stabilizzarsi mai.
  • Non esagerare. Non diamo loro da mangiare troppo o troppo spesso da farli diventare dipendenti, basta solo una manciata di qualcosa ogni tanto, per mostrare che ci prendiamo cura di loro.
  • Cerchiamo di essere affidabili, risoluti e attenti. Non basta gettare il cibo fuori casa e andare via. Restiamo a una distanza rispettosa per vederli mangiare. Potremmo vederli mangiare sul posto, o potrebbero scegliere con cura quello che preferiscono e volare via per conservarlo per dopo. Poiché i corvi hanno territori, prendiamoci del tempo per cercare di capire quanto è grande la nostra famiglia di corvi locali. Una coppia accoppiata di solito costruisce un nido e depone un uovo o due ogni anno. Alcuni cuccioli degli anni precedenti restano in giro per diversi anni prima di trasferirsi per accoppiarsi, e prendere un nuovo territorio. Ecco come appare una famiglia “normale” di corvi, ma ci sono anche storie di più generazioni che condividono un unico territorio.
  • Non cerchiamo di avvicinarci troppo. Questi sono animali selvatici, dopo tutto. Il nostro obiettivo non dovrebbe essere quello di domarli o prenderli come animali domestici, il che è comunque legale in Italia. Anche dopo anni di amicizia, un corvo sarà scaltro e astuto (ma resterà ad ammirare da lontano), ed è meglio così.

Cosa piace mangiare ai corvi

corvi acqua uccello
Cosa mangia il corvo? Come possiamo fare amicizia con lui? (Foto Unsplash)

I corvi sono spazzini onnivori, quindi sono di bocca buona riguardo ciò che mangiano. Possono mangiare tranquillamente frutta, verdura, insetti, bacche, crocchette, popcorn, avanzi di cucina, carcasse (magari qualche incidente stradale) e, con nostro grande disgusto, persino vomito. 

La loro cattiva reputazione come presagi di morte probabilmente ha qualcosa a che fare con il fatto che in passato si precipitavano per aiutare a ripulire un campo di battaglia. Dopotutto sono spazzini. Saccheggeranno le uova di altri uccelli e frugheranno nella nostra pattumiera se glielo permettiamo. E per fare amicizia con i corvi, magari non è raro.

I corvi di alcuni quartieri sono leggermente più esigenti riguardo a ciò che mangiano, forse perché hanno accesso a molte fonti di cibo e possono permettersi di essere pignoli. Le diete dei corvi di campagna differiscono probabilmente molto da quelle dei loro cugini che abitano la città. 

A volte, i corvi beccano e inghiottono il cibo proprio lì in strada. Altre volte, specialmente con le arachidi, si riempiono i becchi e volano via per nascondere il loro bottino in modo che possano godersela in seguito. I gusci delle arachidi li rendono molto facili da trasportare e li ricordano bene.

I cibi preferiti dai corvi:

  • Noccioline non salate, nel guscio
  • Uova sode, complete con guscio
  • Avanzi di cucina
  • Cibo per gatti o cani, umido o secco
  • Cibo per fast food – ma non è salutare per loro!

Perché i corvi non si fidano di noi

curiosità corvo
Un uccello affascinante, ma scostante all’inizio. (Foto Pexels)

I corvi possono essere bruschi e distaccati. Non ci correranno mai incontro come un cane per una leccata e una carezza, e proprio il loro atteggiamento distaccato è probabilmente il motivo principale per cui hanno prosperato come specie per così tanto tempo. Dobbiamo sempre ricordare che i corvi sono animali selvaggi. Negli Stati Uniti, ad esempio, è illegale tenere gli uccelli canori nativi (compresi i corvi) come animali domestici, mentre in Italia è legale. Se vogliamo imparare a fare amicizia con i corvi, dobbiamo imparare a capirli.

Inoltre, c’è ancora questa mentalità superstiziosa per cui la maggior parte degli umani vede i corvi come animali maligni, minacciosi e omicidi (o nella migliore delle ipotesi, dei topi con le ali). Per secoli, i corvi hanno interpretato i cattivi nelle storie che gli umani raccontano, e di sicuro questi uccelli hanno notato lo sguardo maligno che la maggior parte delle persone gli lanciano da anni.

Quindi, i corvi si prenderanno il loro momento per decidere se si fidano di noi o no… ma una volta che sanno chi è un umano “buono”, non lo dimenticheranno mai. All’inizio, potrebbero darci le spalle in modo freddo, ed ignorare le nostre offerte, ma non dobbiamo prenderla sul personale. Questa paranoia è tutta una questione di sopravvivenza, ma la pazienza e la vigilanza alla fine ripagheranno. Se si supera il loro test, decideranno di fidarsi di noi.

Come comunicare con i corvi

becco corvo
Il becco del corvo (Foto Pexels)

Ci sono storie di corvi che hanno imparato certe parole come può fare un pappagallo, ma quelle storie sono rare. La maggior parte di noi si accontenterà di un tipo più sottile di comunicazione uccello/umano, ed imparerà a interpretare le forme naturali di comunicazione di questi uccelli.

Gli esperti possono identificare molto richiamo diversi, ma anche un dilettante può iniziare a riconoscere determinati suoni: quello per richiamare gli altri membri della loro famiglia quando vedono il cibo; il richiamo quando vedono uno sconosciuto o una possibile minaccia e avvisano gli altri; i suoni per il corteggiamento durante la stagione degli amori; e piano piano noteremo le differenze tra le vocalizzazioni di un adulto e un bambino. I corvi restituiranno il favore della nostr attenzione, anche imparando a interpretare i nostri segni. Possono memorizzare le nostre abitudini ed orari, o addirittura il suono delle nostre chiavi dell’auto. 

Dove vanno i corvi?

Dove vanno i corvi?
Dove vanno i corvi quando spariscono? (Foto Pinterest)

Anche se i corvi che vediamo nel nostro quartiere “possiedono” quel territorio e sono molto territoriali, ciò non significa che non se ne andranno mai. Per gran parte dell’anno, prima che il sole tramonti, i corvi volano verso un posatoio comune. Possono volare anche per chilometri se serve a raggiungerlo, fermandosi lungo la strada per chiacchierare con altri corvi, fino a quando non arrivano al posatoio dove dormiranno tutti insieme. Magari anche fino a mille uccelli, in un unico posto. Sembra che fino a 40.000 corvi possono posare in un unico punto, anche se c’è chi dice che un posatoio può consistere anche fino a duecento milioni di corvi!

L’unica volta in cui i corvi costruiscono nidi individuali nel loro territorio è durante la primavera, quando diventano abbastanza amanti dei loro segreti, per proteggere i loro piccoli dai predatori. In questo periodo, possiamo spiarli da lontano, portando materiali di costruzione del nido nei loro becchi. E in quel momento, e dopo che le uova sono state deposte e quando i piccoli sono appena nati, i corvi diventano ancora più scostanti e sprezzanti del solito.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello