Home Curiosita L’aquila arpia: non è un umano travestito, ma un uccello davvero enorme

L’aquila arpia: non è un umano travestito, ma un uccello davvero enorme

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:26
CONDIVIDI

Alcuni animali sembrano davvero usciti da una fiaba o un racconto mitologico. L’aquila arpia è un uccello davvero grande, dall’aspetto veramente particolare.

aquila arpia uccello rapace
L’aquila arpia: tra i rapaci più grandi al monto (Foto Flickr)

La reazione che hanno la maggior parte delle persone vedendo l’aquila arpia per la prima volta in foto o dal vivo, è notare quanto è grossa! Non è solo “grande”, parliamo di un uccello davvero massiccio, feroce, maestoso. E con uno sguardo che ci fa capire che è meglio non scherzare con lui, ma non basta ancora! Ha un aspetto così strano che sembra un essere umano in costume, tanto che molte persone all’inizio davvero pensano che sia così. Ma possono assomigliare anche a una creatura aliena in visita sulla terra. In ogni caso, è un animale meraviglioso, con tante caratteristiche da scoprire.

Uno dei rapaci più grandi del mondo

aquila arpia uccello rapace
L’aquila arpia ha un’apertura alare di oltre 2 metri (Foto Flickr)

Immaginiamo un grande uccello che vive nella foresta con le zampe grandi quasi come i nostri polsi. Un enorme uccello in grado di cacciare animali pesanti come bradipi o scimmie, senza nessun’arma tranne la forza dei suoi artigli e delle dita. Un uccello che può accoppiarsi per la vita, e che condivide tutti i doveri genitoriali, e che si prende cura del suo piccolo fino ai primi due anni di vita. Abbiamo appena descritto l’aquila arpia.

Negli ultimi anni le aquile arpie hanno spopolato su internet. Questo grazie al loro aspetto probabilmente, che può essere spaventoso e meraviglioso allo stesso tempo. Di sicuro, unico. Ma l’aquila arpia non è un animale da sottovalutare e prendere alla leggera: parliamo sempre di un rapace.

aquila arpia uccello rapace
L’aquila arpia è il simbolo nazionale di Panama (Foto Flickr)

Questo animale, dal nome scientifico di Harpia harpyja, vive tra America Centrale e America del Sud, distribuite di solito nello strato superiore delle foreste tropicali nelle pianure. Sfortunatamente, a causa della distruzione del suo habitat, è quasi sparita dall’America Centrale. Ce ne sono meno di 50.000 esemplari rimasti in tutto il mondo

Lo stato di Panama l’ha inserita nello stemma ufficiale e nella sua bandiera, e dal 2002 è l’uccello nazionale di questo stato. Inizialmente, non era specificato quale tipo di aquila rappresentare, e anche se molte scuole usavano proprio l’arpia, nel 2006 è stato definito che era questo l’uccello da usare negli stemmi e bandiere panamensi.

L’aspetto fisico

aquila arpia uccello rapace
L’aquila arpia ha un aspetto davvero unico (Foto Flickr)

Per il loro aspetto, le aquile arpie sembrano incredibilmente serie e sciocche allo stesso tempo. Sono tra i rapaci più grandi della terra (è probabilmente il più grande uccello rapace, con dimensioni simili solo all’aquila di Steller e all’aquila delle Filippine), con un’apertura alare fino di circa 2 metri, e un peso di circa 10,5 chilogrammi

In pratica, dalla punta di un’ala fino all’altra, sono più lunghi di quanto molti umani adulti siano alti. Le femmine sono più grandi dei maschi (che non superano solitamente i 7 kg di pesi), con una lunghezza di 1 metro. Le loro dita, comprese di enormi artigli ricurvi, sono lunghe 13 cm.

Hanno ali relativamente corte, e lunghe code che agiscono come il timone di una barca per sterzare attraverso la fitta vegetazione. Invece di percorrere lunghe distanze contemporaneamente, le aquile arpie viaggiano in modo a velocità relativamente lente, spostandosi da un albero all’altro, attraverso la foresta.

Sono inoltre uno dei pochi rapaci diurni con un disco facciale (come i gufi). Il disco facciale è composto da piume che formano un cerchio attorno alla faccia di questo uccello. Il disco può essere sollevato o abbassato a loro piacimento. Quando le piume del disco facciale vengono sollevate, aiutano a dirigere i suoni alle loro orecchie ai lati della sua testa. Un po’ come quando avviciniamo le mani alle orecchie per sentire meglio. Queste aquile hanno anche una cresta, composta da alcune lunghe piume, che possono sollevare e abbassare a piacimento come quelle del cerchio facciale.

Le loro abitudini ed il loro comportamento

aquila arpia uccello rapace
L’aquila arpia è una cacciatrice, e ha artigli grandi e forti. (Foto Facebook)

Le aquile arpie sono carnivore e mangiano prede come piccoli mammiferi ed uccelli più piccoli: piccole scimmie, piccoli bradipi, istrici, coati, uccelli, serpenti, lucertole, ecc. Questo uccello riesce a sollevare anche grandi pesi: può portare delle prede pensati fino a tre quarti del suo peso corporeo!

Le arpie sono diurne (sono attive di giorno e riposano di notte), e trascorrono gran parte del loro tempo arroccate sugli alti alberi, quando non sono attivamente a caccia o alla ricerca di cibo. Quando cacciano, a volte scendono al di sotto dei piani più della foresta, per cercare prede. Anche di giorno, poca luce del sole penetra nella fitta foresta, che è molto più buia di quella che si trova all’aperto. Quindi, oltre alla loro vista acuta, le aquile arpie usano l’udito per individuare le prede.

Le aquile arpie non cacciano tutti i giorni, poiché possono nutrirsi con la stessa uccisione per diversi giorni di fila. Certo, dopo qualche giorno nel caldo di una foresta tropicale, la carcassa della preda non avrà un aspetto (nè un odore) invitanti, ma anche se per noi umani può sembrare disgustoso, questo aiuta le aquile arpie a sopravvivere, e significa anche che possono cacciare di meno. A differenza di molti rapaci, non hanno bisogno di mangiare tutti i giorni, possono resistere anche una settimana o più senza cibo.

La salvaguardia dell’aquila arpia

aquila arpia uccello rapace
L’aquila arpia è minacciata dalla distruzione del suo habitat (Foto Flickr)

Le aquile arpie, come tutti i migliori predatori, svolgono un ruolo molto importante nel loro ambiente. Sono ciò che è noto come “specie ombrello”. Proprio come molte persone possono stare sotto un solo, grande ombrello, ed essere protette dalla pioggia, così anche molte specie di animali selvatici possono essere protette salvaguardando una sola specie come, in questo caso, l’aquila arpia.

Ma per proteggere queste aquile, dobbiamo proteggere le scimmie, i bradipi e gli altri animali di cui hanno bisogno per il cibo, le piante e gli animali su cui si basa la vita delle scimmie e dei bradipi, e gli alberi in cui nidificano le aquile arpie, che aiutano a proteggere gli altri animali che usano questi alberi come cibo, riparo e in generale, spazio vitale. La conservazione delle arpie e del loro habitat fornisce automaticamente protezione a tutte le altre piante e animali che vivono in quei territori.

Potrebbe sembrare che un uccello grande e forte come un’arpia non abbia bisogno del nostro aiuto, ma la verità è che gli animali di grossa taglia, in particolare i predatori, a volte sono proprio quelli che ad essere per primi in pericolo. Molti grandi predatori hanno difficoltà a sopravvivere nel mondo attuale, perché di solito fanno affidamento su altri animali per il cibo, molte persone li temono e talvolta li uccidono, e hanno bisogno di più spazio (e habitat) per sopravvivere. L’aquila arpia non fa eccezione a questa triste regola.

Quando le foreste vengono abbattute, molti degli animali che le abitano si spostano, e con sempre meno foreste disponibili, spesso non c’è abbastanza spazio negli habitat per supportare tutta la fauna selvatica che ha bisogno di una casa. Molti animali così finiscono per morire di stenti. Altri sono costretti a vivere ai margini della foresta (più vicino alle zone colonizzate dagli umani), il che li mette a maggior rischio di essere feriti o uccisi dalle persone. 

La loro alimentazione

aquila arpia uccello rapace
Questo rapace è un predatore carnivoro (Foto Instagram)

Le zampe di un rapace determinano ciò che mangia. Uno sguardo alla zampa di un’arpia non lascia dubbi sul fatto che questi uccelli siano perfettamente attrezzati per cacciare prede di grandi dimensioni. Le loro gambe e zampe potenti e i loro artigli lunghi e affilati sono progettati per catturare prede che sarebbero impossibili da catturare per la maggior parte degli altri uccelli. Le scimmie urlatrici lunghe 60 cm (coda esclusa), i bradipi da quasi 4 kg, persino i cervi, sono possibili portate presenti nel menu di quest’enorme aquila.

Le aquile arpie hanno una dieta variegata. Possono volare tra gli alberi e i rami grazie a un’agilità davvero straordinaria viste le loro grandi dimensioni, e sono abili nel catturare animali arboricoli, cioè che trascorrono tutta la loro vita (o gran parte di essa) sugli alberi. Questo include: iguane, pappagalli, istrici, coati (mammiferi simili ai procioni) e procioni. Ma non solo: sono stati visti addirittura catturare avvoltoi neri e volpi! E seppur solitamente scelgono di cacciare in alto, tra gli alberi, in caso di necessità possono andare a caccia anche di animali che vivono nel terreno, come armadilli, taiassuidi (simili ai suini), e roditori della specie Dasyprocta.

Queste aquile si sono adattate a cacciare animali molto grossi, ma devono comunque fare molta attenzione visto che non sono gli unici ad avere delle buone difese. Scimmie e bradipi, ad esempio, hanno denti e artigli affilati con cui possono mordere o colpire, ferendo facilmente qualsiasi predatore. Gli uccelli più giovani, in particolare, sono più inclini a restare feriti mentre stanno imparando a diventare cacciatori efficaci.

Nidificazione, uova e cura dei piccoli

aquila arpia uccello rapace
L’aquila arpia è monogama e cura i suoi piccoli (Foto Flickr)

Le aquile arpie raggiungono l’età adulta intorno ai cinque anni di età. Le piume dei giovani sono quasi tutte bianche, e grigio chiaro. Per i primi cinque anni, le piume di una giovane aquila arpia diventano un po’ più scure dopo ogni muta (il processo per cui le vecchie piume cadono e vengono sostituite da nuove, solitamente annuale). Quando raggiunge l’età adulta, l’aquila continua la muta, ma le sue piume non cambiano più colore.

Da adulti questi uccelli hanno piume posteriori nere, una faccia grigio scuro e pancia bianca. Questa colorazione può aiutare le aquile arpie ad identificare altri membri della loro specie, pronti per l’accoppiamento. Per un’arpia adulta, trovare un compagno e crescere dei piccoli è molto importante. Sembra che siano monogame a vita: parliamo di un rapporto di anche 25-30 anni!

Dopo aver trovato un partner adatto, è tempo di cercare un sito per nidificare. Le aquile arpie nidificano tra gli alberi più alti della foresta. Scelgono il punto più alto sui tronchi di questi alberi, proprio dove i rami iniziano a espandersi, a circa 40 metri di altezza. Una volta trovato l’albero, inizia la costruzione del nido vera e propria, usando grandi bastoni e rami raccolti dagli alberi vicini, solitamente usando oltre 300 rami per un diametro che potrebbe ospitare due esseri umani adulti.

Quando il nido è completo, la femmina deporrà una o due grandi uova bianche. Sebbene il maschio possa aiutare nell’incubazione, la femmina fa la maggior parte delle sedute per mantenere al caldo e al sicuro i pulcini in fase di sviluppo, per circa 55 giorni. Anche così, molto spesso sopravviverà solo un pulcino delle due uova. Non è chiaro perché sopravvive un solo piccolo, si ritiene che il secondo sia un vero e proprio uovo “di riserva” nel caso accada qualcosa al primo. E quindi, se il primo si schiude, la femmina probabilmente smette semplicemente di incubare il secondo uovo.

Le aquile arpie si comportano davvero da genitori meravigliosi, lavorando duramente per proteggere i loro piccoli. Dal momento in cui la femmina depone le uova per la prima volta, fino a circa quattro mesi dopo, trascorrerà quasi tutto il suo tempo al nido. Nel frattempo, il maschio impiega il suo tempo ed energie alla ricerca di cibo per tutta la famiglia.

Un piccolo appena nato può entrare perfettamente nel palmo della mano di una persona. In soli cinque o sei mesi, tuttavia, raggiungerà la dimensione degli adulti: una crescita così veloce richiede che il piccolo mangi molto e spesso. Quando il pulcino è molto giovane, la madre strappa piccoli pezzi di carne, e lo nutrirà delicatamente con il suo becco. Più tardi, mentre il pulcino cresce, sarà in grado di strappare e mangiare la carne da solo. A circa cinque o sei mesi, il piccolo di aquila arpia si sposta e vola per la prima volta, e dopo soli pochi giorni volerà quasi come i suoi genitori.

Il giovane uccello rimarrà dipendente dagli adulti per uno o due anni di vita. Quando sa cacciare abbastanza bene da solo, il giovane si allontanerà per farsi una casa tutta sua. All’età di quattro o cinque anni, inizierà a cercare un partner e il ciclo di riproduzione ricomincerà da capo. Una coppia di aquile arpie in genere alleva giovani ogni due anni. Normalmente non depongono più uova mentre si prendono ancora cura di un piccolo.

Potrebbe interessarti anche:

F. B.