Home Gatti Salute dei Gatti Le malattie del fegato nel gatto e i problemi alla cistifellea: cause...

Le malattie del fegato nel gatto e i problemi alla cistifellea: cause e rimedi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:02
CONDIVIDI

Un organo importantissimo per la nostra esistenza è il fegato. E come per noi, anche nei felini è fondamentale e può ammalarsi. Parliamo delle malattie del fegato nel gatto.

Le malattie del fegato nel gatto e i problemi alla cistifellea: cause e rimedi
Le malattie del fegato nel gatto e i problemi alla cistifellea: cause e rimedi (Foto Pexels)

Il fegato svolge numerose funzioni. Ha una grande capacità di memoria e riserva funzionale ed è in grado di rigenerarsi. Queste proprietà offrono una certa protezione contro i danni permanenti. Tuttavia, il fegato è anche suscettibile alle lesioni a causa del suo ruolo nel metabolizzare, disintossicare e conservare vari composti tossici. Quali sono le malattie del fegato nel gatto, e come riconoscerne i segni ed intervenire in tempo utile per risolverle, assieme ovviamente al nostro veterinario di fiducia? Scopriamolo insieme.

Le funzioni del fegato

vista del micio
Scopriamo le malattie del fegato nel gatto (Foto Pixabay)
  • Metabolizza grassi, carboidrati e proteine
  • Metabolizza i farmaci (li inattiva o facilita l’escrezione da parte dell’organismo)
  • Memorizza e metabolizza le vitamine
  • Conserva minerali, glicogeno e trigliceridi
  • Produce proteine ​​necessarie per varie funzioni del corpo, come la coagulazione del sangue
  • Produce gli acidi biliari necessari per la digestione
  • Disintossica i prodotti nocivi fabbricati all’interno del corpo (come l’ammoniaca) o consumati dall’animale (come i veleni)

Trattamento dei disturbi epatici

errori alimentazione gatto
Trattamento dei disturbi epatici (Foto Unsplash)

Il trattamento precoce è fondamentale per i gatti con insufficienza epatica improvvisa. Il veterinario prescriverà un trattamento specifico se è possibile identificare una causa sottostante. In caso di patologie epatiche a lungo termine o allo stadio terminale e in caso di improvvisa malattia epatica in cui non è stata identificata alcuna causa sottostante, il trattamento di supporto è diretto a rallentare la progressione della malattia, minimizzare le complicanze e concedere al fegato il tempo di rigenerarsi e compensare. Il trattamento di supporto può includere la somministrazione di liquidi, farmaci per proteggere il fegato e supporto dietetico.

Carenze vitaminiche possono verificarsi con le malattie del fegato. Gli integratori di vitamine e minerali prescritti possono includere zinco, vitamine del gruppo B, vitamina K e vitamina E. Sarà fondamentale seguire le raccomandazioni del veterinario riguardo l’integrazione di vitamine perché il sovradosaggio di alcune vitamine può essere dannoso.

Complicanze della malattia epatica

Il gatto perde i baffi
Complicanze della malattia epatica (Foto Pixabay)

L’encefalopatia epatica è una sindrome neurologica causata da disfunzione epatica ed è osservata in diverse malattie del fegato. I segni che suggeriscono l’encefalopatia epatica includono ottusità, girare in tondo, pressione della testa, vagabondaggio senza scopo, debolezza, scarsa coordinazione, cecità, eccessiva sbavatura, cambiamenti di comportamento (ad esempio aggressività), demenza, collasso, convulsioni e coma.

I gatti gravemente colpiti possono essere in coma o in stato semicomatoso, e non devono essere nutriti fino a quando il loro stato non migliora. È probabile che il trattamento includa liquidi per via endovenosa per correggere la disidratazione e gli squilibri elettrolitici (sale). I clisteri possono essere usati per purificare l’intestino da ammoniaca e altri veleni e per introdurre sostanze nutritive che aiutano a ridurre la produzione di veleno. I farmaci per influenzare le popolazioni batteriche nell’intestino possono anche essere usati per ridurre l’assorbimento di prodotti tossici.

L’ascite è una condizione in cui il fluido si raccoglie nell’addome. Nei pazienti con malattia epatica, l’ascite è causata da una combinazione di alta pressione sanguigna nel fegato e uno squilibrio nel metabolismo dell’acqua e del sale. Il gonfiore può essere controllato prescrivendo un diuretico (un farmaco per aumentare la quantità di acqua escreta nelle urine), riducendo l’assunzione di sodio, estraendo il liquido in eccesso con un ago o una combinazione di questi passaggi.

Difetti di coagulazione si verificano nei gatti con malattia epatica perché il fegato produce molte delle proteine ​​responsabili del processo di coagulazione. Inoltre, può esserci un ridotto assorbimento di vitamine che aiutano a coagulare dal tratto digestivo. I problemi di coagulazione possono essere trattati usando trasfusioni di sangue o plasma per fornire i fattori di coagulazione necessari. Eparina e vitamina K possono anche essere somministrate per ridurre o aumentare la capacità di coagulazione. Il veterinario prescrive il trattamento più appropriato per il singolo animale.

I gatti con insufficienza epatica improvvisa e malattia epatica di lunga data sono sensibili alle infezioni batteriche. Il veterinario sta attento a questa possibilità, perché i segni della stessa malattia del fegato (ad esempio febbre o bassi livelli di zucchero nel sangue) possono essere simili a quelli dell’infezione. Uno o più antibiotici possono essere necessari per trattare adeguatamente i tipi di batteri associati all’infezione.

La fibrosi, la formazione di tessuto cicatriziale fibroso nel fegato, può eventualmente portare alla cirrosi epatica. La cirrosi è una malattia grave che interrompe la funzionalità epatica. Tuttavia, la fibrosi a volte può essere invertita o ridotta mediante l’uso di farmaci adeguati. Il veterinario può determinare, se necessario, quali farmaci disponibili sarebbero utili per il nostro animale domestico.

Insufficienza epatica acuta e altre malattie comuni

malattie dei polmoni nel gatto
Per le malattie del fegato nel gatto, il veterinario indicherà le cure. (Foto AdobeStock)

L’insufficienza epatica acuta provoca un’improvvisa perdita della funzionalità epatica, che è spesso associata a encefalopatia epatica e anomalie della coagulazione. Può verificarsi a causa di un’improvvisa lesione di un fegato precedentemente sano o di un insulto aggiuntivo a un fegato già malato

È importante cercare un trattamento veterinario immediato per sostenere il fegato fino a quando non può rigenerare e compensare l’insulto. Eventuali cause sottostanti dell’insufficienza epatica devono essere identificate e trattate, se presenti. Assicuriamoci di informare il veterinario di eventuali farmaci che il nostro animale riceve, o di qualsiasi accesso a sostanze possa avere che possano avvelenarlo. Il trattamento può includere liquidi per via endovenosa, integrazione vitaminica, cambiamenti nella dieta, antibiotici e alcuni farmaci per il fegato.

La lipidosi epatica è la causa più comune di malattia epatica nei gatti. L’eccessivo accumulo di grasso (trigliceridi) nel fegato porta a insufficienza epatica. La causa non è nota, ma la malattia è associata a un periodo di scarso appetito (da pochi giorni a diverse settimane), specialmente nei gatti obesi.

I fattori che possono scatenare la perdita di appetito includono un cambiamento nella dieta (per iniziare la perdita di peso o verso un alimento che non piace al gatto) o altri eventi stressanti (come spostamento, imbarco, introduzione di un nuovo animale domestico, perdita o morte di altri animali domestici o proprietari). La lipidosi epatica può anche essere associata a una malattia metabolica (come il diabete mellito) o una malattia dell’apparato digerente che causa perdita di appetito.

Il trattamento è principalmente di supporto a meno che non sia possibile trovare la causa sottostante. Il trattamento fluido è usato per correggere la disidratazione. Sono comuni carenze di vitamina, minerali ed elettroliti e spesso è necessaria un’integrazione. Potrebbero essere necessari ulteriori farmaci per il fegato.

Il supporto nutrizionale è essenziale. Occasionalmente, uno stimolante dell’appetito prescritto può aiutare se avviato nelle prime fasi del processo patologico. Tuttavia, la maggior parte delle volte gli stimolanti dell’appetito non sono efficaci ed è necessario il posizionamento di un tubo di alimentazione. Il veterinario consiglierà un’alimentazione adeguata, di solito una dieta ricca di proteine, ricca di calorie ed equilibrata. La ricorrenza della lipidosi epatica è rara nei gatti che si riprendono.

La malattia epatica infiammatoria è la seconda malattia del fegato più comune riportata nei gatti. I 2 tipi di malattie infiammatorie del fegato nei gatti sono la colangite / colangioepatite e l’epatite portale linfocitica.

La colangite è un’infiammazione dei dotti biliari (piccoli tubi all’interno del fegato che portano la bile alla cistifellea e all’intestino tenue). La colangioepatite è un’infiammazione del tratto biliare che si estende nel tessuto epatico circostante. La differenziazione tra colangite e colangioepatite dipende dalla posizione dell’infiammazione all’interno del fegato

I gatti con colangite o colangioepatite possono avere anche altri disturbi infiammatori, come la malattia infiammatoria intestinale, la pancreatite e la malattia renale (nefrite interstiziale cronica). La combinazione di malattia infiammatoria intestinale, pancreatite e colangioepatite è spesso chiamata triadite

Altre condizioni associate alla sindrome di colangite / colangioepatite comprendono infezioni batteriche, avvelenamento del sangue (setticemia), infiammazione della colecisti, calcoli biliari, colate epatiche, tumori e malformazioni o ostruzioni dei dotti biliari. La diagnosi può comportare analisi del sangue ed ecografia, ma la diagnosi definitiva richiede biopsie prelevate da diverse parti del fegato.

La colangite / colangioepatite suppurativa (acuta) di solito causa una malattia evidente e improvvisa nei gatti. I segni comprendono febbre, ingrossamento del fegato, dolore addominale, ittero, letargia, vomito, scarso appetito e perdita di peso. La sindrome si manifesta in genere negli adulti giovani o di mezza età. I gatti colpiti hanno un aumentato rischio di infezioni del tratto digestivo. 

La colangite / colangioepatite non suppurativa (cronica) di solito colpisce i gatti di mezza età o più anziani. I gatti colpiti sono in genere malati per mesi o addirittura anni prima della diagnosi. I segni comprendono vomito e diarrea intermittenti, fluttuazioni dell’appetito, comportamenti nascosti e ittero che vanno e vengono. 

L’epatite portale linfocitaria è una malattia infiammatoria del fegato che non coinvolge il tratto biliare. La causa è incerta, ma può essere correlata a una reazione a organismi, detriti o cellule immunitarie che arrivano nel fegato dal tratto digestivo. Il veterinario sarà in grado di fornire un programma di trattamento basato sulle informazioni più aggiornate.

Veleni che colpiscono il fegato

gatti strizza gli occhi
Le malattie del fegato nel gatto: i veleni che possono colpirlo (Foto Pixabay)

Poiché il fegato è l’organo principale che metabolizza i farmaci, alcuni farmaci possono causare disfunzione epatica nei gatti. I segni e gli effetti specifici dipendono dal farmaco e dal dosaggio. In molti casi il veterinario sarà consapevole del potenziale di malattie del fegato nel gatto durante la prescrizione di questi farmaci e monitorerà il micio per rilevare eventuali segni di ridotta o alterata funzionalità. 

Se il nostro animale domestico ha avuto un sovradosaggio accidentale di un farmaco, ha avuto una reazione avversa a un farmaco (anche al dosaggio prescritto) o ha mangiato un veleno, bisogna consultare immediatamente un veterinario. Se necessario, il veterinario può prendere provvedimenti per ridurre al minimo l’assorbimento del farmaco o del veleno

Malattie infettive del fegato

malattie dei polmoni nel gatto
Malattie infettive del fegato (Foto AdobeStock)

Diversi tipi di infezione possono causare malattie del fegato nel gatto, tra cui malattie virali, batteriche, fungine e parassitarie.

La peritonite infettiva felina è causata da un virus. L’infezione porta a un’infiammazione diffusa, specialmente nell’addome (incluso il fegato) e all’infiammazione dei vasi sanguigni (vasculite). Ittero, accumulo di liquidi nell’addome, vomito, diarrea e febbre sono segni comuni.

Il calicivirus sistemico virulento è una forma aggressiva di un comune virus respiratorio superiore dei gatti (chiamato calicivirus felino). I focolai del virus di solito si verificano in rifugi e allevamenti, con conseguente morte del 33-60% dei gatti colpiti. I gatti adulti sono maggiormente colpiti. I segni comprendono febbre, perdita di appetito, gonfiore di arti e viso, ittero, perdita di peli e piaghe su naso, labbra, orecchie e piedi.

I batteri Mycobacterium avium possono causare infezioni al fegato nei giovani gatti abissini e somali che nascono con deficienze immunitarie. I gatti colpiti hanno spesso segni vaghi, inclusa la perdita di peso nonostante mangino grandi quantità di cibo. Anche i polmoni possono essere colpiti. Il veterinario può prescrivere antibiotici per trattare la condizione. Possono verificarsi recidive e possono essere dovute a disfunzione del sistema immunitario.

Altri tipi di infezioni batteriche, come quelli causati da Clostridium piliforme (malattia di Tyzzer), possono causare danni al fegato. Le infezioni in altre parti del corpo possono trasferirsi nel tessuto epatico e causare danni o disfunzioni. Poiché il fegato può aiutare a proteggere il corpo dalle infezioni batteriche, i gatti con insufficienza epatica o con malattia epatica a lungo termine sono più suscettibili alle infezioni batteriche in altre parti del corpo.

Le infezioni fungine più comuni associate alla disfunzione epatica sono la coccidioidomicosi e l’istoplasmosi. Se è coinvolto il fegato, i segni possono includere gonfiore addominale, ittero e ingrossamento del fegato. La coccidioidomicosi può essere trattata con l’uso a lungo termine (da 6 a 12 mesi) di farmaci antifungini. Tuttavia, a volte si verificano ricadute. L’istoplasmosi viene spesso trattata con farmaci antifungini soggetti a prescrizione. A seconda del livello di malattia, le prospettive di guarigione possono essere scarse. Il trattamento antimicotico permanente è necessario per alcuni gatti con queste malattie.

La toxoplasmosi è una malattia parassitaria che può causare insufficienza epatica a breve termine a causa della morte delle cellule epatiche. Il parassita è un protozoo, Toxoplasma gondii, che si trova in tutto il mondo. L’infezione è più comune nei gatti positivi per il virus dell’immunodeficienza felina e il virus della leucemia felina. Si vedono ittero, gonfiore addominale, febbre, letargia, vomito e diarrea, oltre a segni di coinvolgimento del sistema nervoso centrale, polmonare o oculare. 

La toxoplasmosi può anche infettare l’uomo ed è molto probabile che causi segni nelle donne in gravidanza e nelle persone con un sistema immunitario compromesso. Poiché il parassita viene trasmesso attraverso le feci, le donne in gravidanza e altre persone ad aumentato rischio di infezione dovrebbero evitare il contatto con i lettiere per gatti.

Malattie endocrine che colpiscono il fegato

malattie dei polmoni nel gatto
Malattie endocrine che colpiscono il fegato (Foto AdobeStock)

Diverse malattie del fegato nel gatto sono causate da malattie che coinvolgono le ghiandole endocrine. Queste malattie includono diabete mellito e ipertiroidismo.

I gatti con diabete mellito hanno un aumentato rischio di sviluppare lipidosi epatica perché il diabete mellito aumenta il metabolismo e la mobilizzazione dei lipidi. I lipidi includono uno qualsiasi dei gruppi di grassi idrosolubili e sostanze chimiche simili ai grassi che sono fonti di combustibile per il corpo. Tuttavia, quando troppi lipidi si depositano nel fegato, la funzione dell’organo è compromessa. La sostituzione dell’insulina può o meno correggere questo problema di conservazione. I gatti diabetici hanno anche un aumentato rischio di infiammazione del pancreas (pancreatite) e del dotto biliare (colangite) e di infezioni batteriche del tratto biliare.

I gatti con ipertiroidismo hanno livelli aumentati di alcuni prodotti chimici (enzimi) nel fegato e, in rari casi, una quantità eccessiva di bilirubina (un pigmento biliare giallo). I gatti con bilirubina in eccesso possono avere ittero. Nonostante l’elevato enzima epatico, la funzione del fegato è generalmente normale. I livelli degli enzimi epatici ritornano quasi sempre normali quando vengono trattate le cause sottostanti. Tuttavia, un farmaco comunemente usato per trattare l’ipertiroidismo (chiamato metimazolo) può, in rari casi, causare malattie del fegato nel gatto.

La sindrome epatocutanea è rara, a lungo termine, progressiva e generalmente fatale. Il diabete mellito è spesso presente allo stesso tempo, ma alcuni tumori, ormoni e farmaci possono anche scatenare la sindrome. Croste e anomalie su cuscinetti, orecchie, pelle intorno agli occhi e punti di pressione sono tipici cambiamenti della pelle. Sono riportati anche scarso appetito, perdita di peso, sete e minzione eccessive e letargia. 

Le cisti epatiche possono essere acquisite (di solito noduli singoli) o presenti alla nascita (di solito nodi multipli chiamati malattia policistica). La malattia policistica congenita del fegato è stata riportata nei gatti persiani. Il gatto con più cisti può anche avere cisti nei reni. Le cisti spesso non vengono diagnosticate, ma a volte si allargano e causano gonfiore addominale e altri segni come letargia, vomito e sete eccessiva. I gatti con più cisti in tutto il fegato possono avere segni di disfunzione epatica.

Tumori del fegato

Portare il gatto dal veterinario
In caso di problemi più gravi, il gatto potrebbe dover avere cure mediche. (Foto Adobe Stock)

Oltre alle malattie del fegato nel gatto di cui abbiamo parlato, ci sono i tumori. I tumori che hanno origine nel fegato (chiamati tumori primari) sono meno comuni di quelli causati dalla diffusione da un’altra parte del corpo (chiamati tumori metastatici). I tumori primari sono più spesso osservati nei gatti di età superiore ai 9 anni e possono essere maligni (cancerosi) o benigni. I tipi più comuni di tumori primari sono adenomi biliari, adenocarcinomi biliari, linfomi e altri tumori delle cellule del sangue.

I tumori metastatici (diffondenti) del fegato sono meno comuni nei gatti che nei cani. I tumori che possono diffondersi al fegato includono carcinomi a cellule del pancreas, intestinali e renali; tumori dei mastociti; e linfoma. I tumori metastatici di solito si verificano in più siti.

Malattie della cistifellea e del dotto biliare

Portare il gatto dal veterinario
Malattie della cistifellea e del dotto biliare (Foto Adobe Stock)

Il fegato secerne la bile, una sostanza che aiuta la digestione e l’assorbimento dei grassi e l’eliminazione di determinati prodotti di scarto dal corpo. La bile viene immagazzinata nella cistifellea e viene rilasciata nel duodeno attraverso il dotto biliare.

L’ittero (una sfumatura gialla evidente nella pelle, nelle mucose e negli occhi) è spesso il principale segno di malattie della cistifellea e del dotto biliare. Un’eccezione è il cancro della cistifellea, che non può causare ittero.

I calcoli biliari raramente causano malattie. Nei gatti, i calcoli biliari sono generalmente associati all’infiammazione del dotto biliare. La maggior parte dei gatti con calcoli biliari non mostra segni o mostra disagio solo dopo aver mangiato. Se visti, i segni comprendono vomito, ittero, perdita di appetito, dolore addominale e febbre. Infezioni batteriche sono spesso presenti. 

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello